Dovizioso ammette: "C'è una sensazione strana..."

Dopo il ritorno alla vittoria del Red Bull Ring, il forlivese ha ammesso che le sensazioni sono un po' strane dopo aver già detto addio alla Ducati a fine anno.

Dovizioso ammette: "C'è una sensazione strana..."

Il ritorno alla vittoria ha un sapore speciale per Andrea Dovizioso. Solo 24 ore fa ha annunciato che dopo otto anni lascerà la Ducati alla fine della stagione, ma oggi ha regalato alla Casa di Borgo Panigale la sua 50esima affermazione nella classe regina e la quinta consecutiva nel fortino del Red Bull Ring.

Un successo che però lo rilancia prepotentemente anche nella corsa al titolo, visto che Fabio Quartararo non è andato oltre all'ottavo posto e che ora lo precede di appena 11 lunghezze.

A fine gara, però, il forlivese non è riuscito a negare che si tratta di una vittoria diversa dalle altre quando è arrivato ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

"Le sensazioni sono davvero strane. La gara è stata interrotta per una caduta pericolosissima, nella quale sono stati davvero tutti fortunati a non farsi male e sono contento di questo" ha detto Dovizioso.

"Ripartire è sempre molto strano, però il feeling era buono e c'erano due o tre punti in cui staccavo veramente da paura. Quello mi è bastato per fare il gap e mettere in crisi tutti. Sono stato fortunato che Rins ha fatto un errore, perché con lui sarebbe stata difficile".

"Però è stata un'emozione strana, anche l'ultimo giro non me lo sono goduto, perché i giri nel tabellone in alto erano sbagliati e pensavo che ce ne fosse un altro".

Leggi anche:

Inevitabilmente, si è parlato anche della decisione che ha annunciato ieri e gli è stato chiesto se effettivamente oggi gli abbia permesso di correre con la testa più libera dai pensieri.

"Tutto aiuta, quindi è inutile dire che non cambia niente. Però adesso non è che stessi vivendo così male la situazione, anche perché questo tipo di decisioni non le prendi da un giorno all'altro, quindi la stavo già metabolizzando. L'unica differenza è che, con tutto quello che è venuto fuori ieri, quando sono andato a letto ho dormito di più (ride).

"Però quando vai in pista sei concentrato su quello. Siamo partiti bene fin dall'inizio del weekend ed abbiamo dimostrato di avere capito la frenata: è vero che questa pista ci aiuta, ma frenavo veramente forte e la differenza con Jack è stata lì".

La settimana prossima ci sarà il bis al Red Bull Ring, con la possibilità quindi di provare ad accorciare ancora il distacco in classifica. Poi però secondo Dovizioso bisognerà lavorare ancora sulla Desmosedici GP per mettersi al livello di Yamaha e Suzuki anche su altre piste.

"Queste gomme stanno facendo un gran casino, perché ci sono degli alti e bassi per tutti. Basta veramente poco nel tuo modo di guidare per non far funzionare niente o far funzionare tutto bene. Questo me lo ha dimostrato il primo turno di questo weekend, perché sono andato dentro sapendo quello che dovevo fare in frenata e sono stato subito veloce".

"Il discorso di essere competitivi su altre piste è quello che farà la differenza e sono un po' preoccupato perché non mi sento ancora così bene con la moto. In uscita ed a centro curva non siamo ancora competitivi come dovremmo per stare con le Yamaha e le Suzuki sulle prossime piste. Ora la frenata l'abbiamo sistemata e lo abbiamo dimostrata".

Infine, quando gli è stato domandato se crede che la sua decisione possa cambiare la relazione con la squadra, ha concluso: "Non cambierà, perché non è stata diversa negli ultimi anni".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP Andrea Dovizioso, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP Andrea Dovizioso, Ducati Team Jack Miller, Pramac Racing
7/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing Andrea Dovizioso, Ducati Team
Jack Miller, Pramac Racing Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
17/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
18/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
19/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
20/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
21/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ecco il video del terribile incidente tra Zarco e Morbidelli
Articolo precedente

Ecco il video del terribile incidente tra Zarco e Morbidelli

Prossimo Articolo

Mir: "Avevo il ritmo da podio da diverse gare, ce lo meritiamo"

Mir: "Avevo il ritmo da podio da diverse gare, ce lo meritiamo"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021