Dovizioso amaro: "Oggi non ho potuto provare materiale 2019 a causa della pioggia"

condivisioni
commenti
Dovizioso amaro:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
20 nov 2018, 18:46

Il forlivese della Ducati ha preparato la base della moto 2018 sull'asciutto per la comparazione, ma poi la pioggia ha rinviato il lavoro sulla moto evoluta.

Andrea Dovizioso termina la prima giornata di test al Ricardo Tormo di Valencia con l'amaro in bocca. Dopo aver preparato la base del set up della moto 2018 avrebbe dovuto passare a lavorare sulla Desmosedici evoluta, equipaggiata con alcune soluzioni 2019, invece l'arrivo della pioggia ha bloccato il suo lavoro e quello previsto in casa Ducati.

"Purtroppo non c'è molto da dire perché non siamo riusciti a fare le comparazioni con il nuovo materiale. Volevamo creare una base di un certo tipo con la moto di quest'anno perché non avendo fatto il GP sull'asciutto comunque dovevamo rifare il bilanciamento. Lo abbiamo fatto ed eravamo pronti per lavorare con il nuovo materiale ma ha incominciato a piovere. Non è stata una giornata interessante per il nuovo materiale".

"Abbiamo pochi giorni da dedicare al nuovo materiale, è importante utilizzarli al meglio ed è un peccato. Quest'anno fortunatamente abbiamo una moto che ha già alcune modifiche incorporate e che dobbiamo provare, a differenza degli altri anni. Il tempo ci ha bloccato. Speriamo domani di trovare condizioni un po' migliori di oggi perché poi il grip non era speciale per cercare di fare un certo tipo di lavoro".

Leggi anche:

C'è grande interesse attorno al motore nuovo della Ducati, ma Andrea ha affermato con franchezza che oggi non è riuscito a provarlo e, nel suo programma di domani, non è previsto che debba portarlo in pista. "Oggi in programma non avevamo prove di motore per noi e nemmeno domani. Almeno per quanto mi riguarda".

Per concludere, Dovizioso ha voluto sottolineare come le ultime 6 Ducati siano state per gran parte frutto del suo lavoro di sviluppo e delle sue indicazioni, tanto da ritenersi molto soddisfatto quando vede che anche altri piloti riescono ad adattarsi velocemente alle Desmosedici.

"Non è mai cambiato nulla in questi 6 anni in Ducati. Sono sempre stato io a sviluppare la moto. Sono anche molto contento di vedere i piloti che arrivano in Ducati e che si trovano bene da subito. E questa è una soddisfazione perché vuol dire che abbiamo lavorato bene".

Prossimo Articolo
Vinales: "La Yamaha ha seguito le mie indicazioni e il motore è migliorato molto"

Articolo precedente

Vinales: "La Yamaha ha seguito le mie indicazioni e il motore è migliorato molto"

Prossimo Articolo

Marquez: "La moto nuova è già al livello della vecchia ed è un buon segnale"

Marquez: "La moto nuova è già al livello della vecchia ed è un buon segnale"
Carica commenti