Dovizioso: "Abbiamo sbagliato la scelta della gomma e l'abbiamo pagato"

condivisioni
commenti
Dovizioso:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
12 ago 2018, 15:01

Il forlivese è sempre molto pragmatico e non nasconde la delusione per non aver potuto lottare per la vittoria fino alla fine su una pista favorevole alla Ducati, dovendosi accontentare del terzo posto.

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il secondo qualificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il secondo qualificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Mastica amaro Andrea Dovizioso alla conclusione del GP d'Austria di MotoGP. Il pilota forlivese si aspettava che il Red Bull Ring potesse essere un ottimo terreno di caccia per lui e la Ducati anche quest'anno, ma alla fine lo è stato solo per la Rossa, che ha vinto con Jorge Lorenzo, mentre lui si è dovuto accontentare del terzo posto finale, perdendo terreno sul compagno e su Marc Marquez nella seconda parte di gara.

"Desmodovi" ha puntato il dito con una scelta di gomme sbagliata: lui ha montato al posteriore la media, con cui aveva ottenuto anche il secondo tempo in qualifica, mentre Lorenzo si è imposto con la morbida. Inoltre un attacco azzardato di Marquez nel corso del primo giro lo ha messo nella condizione di dover inseguire praticamente da subito.

"Quando si può portare a casa di più e non ci riesci, ti girano le balle, come è giusto che sia. Purtroppo oggi ci sono stati tanti piccoli dettagli che messi insieme non ci hanno fatto essere competitivi. Sicuramente non aver fatto i turni sull'asciutto non ci ha fatto fare le scelte giuste con le gomme e questo è un aspetto. L'altro è l'attacco che mi ha fatto Marquez alla curva 3 al primo giro, perché mi ha fatto perdere tante posizioni e per fortuna sono riuscito a rimettermi subito terzo" ha detto Dovizioso.

Andrea ha sottolineato quanto sia difficile anche sorpassare in questo momento e questo ha favorito anche il consumo anticipato delle sue gomme: "Da lì sono iniziati i problemi, perché Lorenzo ora ha un modo di guidare che è molto difficile da superare: frena molto tardi e rallenta molto a centro curva. Ci ho provato per tanti giri, ma questo mi ha fatto rischiare, consumare gomma e non ottenere il risultato. Non stavo guidando male, per cercare di affiancare Jorge in certe curve ho usato un po' troppo grip. Quanto o cosa avrei potuto fare non lo possiamo sapere, ma con le Michelin puoi cambiare le dinamiche di gara mettendoti nella posizione giusta, anche se non ne hai più di tanto".

Leggi anche:

Anche questa però è una lezione che servirà per progredire nelle prossime gare e dare la caccia almeno al secondo posto nel Mondiale di Valentino Rossi: "Certi weekend riesci a leggere al meglio le cose ed altri no. Sono state fatte tre scelte diverse tra i primi tre e questo ti dimostra che non era semplice. Purtroppo noi l'abbiamo sbagliata e l'abbiamo pagato. C'è delusione, è normale, deve esserci. Però questa situazione va presa e studiata per cercare di essere più competitivi la prossima gara. Abbiamo perso dei punti che potevamo portare a casa, però alla fine in questo momento è inutile pensare troppo a Marc, perché sta dimostrando di essere competitivo su tutte le piste. Il nostro obiettivo deve essere quello di continuare a migliorare su quelle piste dove non siamo ancora al 100% ed agguantare Valentino, che sicuramente nelle prossime gare sarà sicuramente più competitivo. Inoltre bisognerà lottare con Jorge".

Oggi ha subito anche il sorpasso in classifica di Lorenzo, anche se per una sola lunghezza (sono a -71 e -72 da Marquez), ma è stato onesto quando gli è stato chiesto se ad inizio anno si sarebbe aspettato di lottare con Jorge in campionato: "Sinceramente no, ma mi mancano tanti punti lasciati in giro e purtroppo li pagherò".

Ora l'obiettivo si rivolge già alla prossima gara a Silverstone, dove l'anno scorso era arrivata la quarta vittoria stagionale: "A Silverstone saremo sicuramente competitivi, Marc però l'anno scorso ha rotto il motore e forse era più veloce di noi. Poi non abbiamo vinto perché eravamo i più veloci, ma perché sono riuscito a fare la strategia giusta. Maverick credo che ne avesse di più, ma alla fine abbiamo vinto noi. E' una pista tosta per tanti aspetti, quindi fare un pronostico è molto difficile. Dipenderà molto anche dalle buche, se ce ne dovessero essere di più dell'anno scorso, sarebbe molto complicato".

Informazioni aggiuntive di David Gruz

Prossimo articolo MotoGP
Marquez: "Non puoi vincere tutte le battaglie, ma l'importante è vincere la guerra"

Articolo precedente

Marquez: "Non puoi vincere tutte le battaglie, ma l'importante è vincere la guerra"

Prossimo Articolo

Valentino: "E' andata meglio del previsto: speravo in un settimo posto e ho fatto sesto"

Valentino: "E' andata meglio del previsto: speravo in un settimo posto e ho fatto sesto"
Carica commenti