Dovizioso: "A prescindere dal futuro, non mi arrendo"

Il forlivese è convinto che l'analisi dei dati di Brno abbia dato risposte importanti, quindi è impaziente di verificarle in pista. Sul futuro resta con la bocca cucita.

Dovizioso: "A prescindere dal futuro, non mi arrendo"

Molti ne parlano come dell'ultima spiaggia, ma ad Andrea Dovizioso non piace per niente questa definizione. La Ducati vince da quattro anni in Austria, ma la stagione 2020 è iniziata tra mille difficoltà, con una gomma posteriore che per il momento non si sposa con la Desmosedici GP e il futuro del rapporto tra il forlivese e la Rossa che rimane nebuloso.

Per questo per lui parlare di vittorie è un'utopia in questo momento, anche se crede che l'analisi approfondita dei dati delle prime tre gare abbia dato delle risposte molto interessanti, che non vede l'ora di verificare in pista. Anche perché ritrovare la competitività in questo momento sembra quasi interessargli di più del suo stesso futuro.

Come ti senti in questa situazione da ultima spiaggia?
"La situazione è abbastanza strana in generale, e un po' per tutti a Brno. Pochi si sarebbero aspettati dei risultati così di certi piloti. Questo conferma che la situazione non è sotto controllo per la maggior parte dei team e dei piloti. Per alcuni ci sono stati meno problemi nei test invernali e nelle prime gare, poi a Brno hanno faticato anche loro. Noi invece abbiamo avuto delle difficoltà da subito. La situazione quindi non è lineare come negli ultimi anni e dobbiamo trovare la quadra. Abbiamo studiato tanto in questi ultimi tre giorni e correre su una pista molto diversa da Jerez ci ha fatto capire delle cose in più. Dobbiamo vedere se veramente riusciremo a fare uno step in avanti, migliorando sugli aspetti su cui sono venute fuori delle cose abbastanza chiare. Ci si aspetta certe cose basandosi sui dati del passato, ma la realtà è che bisogna vivere il momento e quella di oggi è ben diversa. Non arriviamo qui con più possibilità di vincere degli altri, ma se riusciamo a mettere in atto quello che pensiamo di aver capito, allora possono cambiare certe cose. Ma io mi ritengo uno realista, quindi parlo prima della realtà dei fatti attuali che di quello che può accadere. Chi parla di vittoria in questo momento, mi fa piacere perché vuol dire che ha tanta stima in noi, ma realisticamente nelle ultime due gare siamo andati piano. Non puoi credere o pretendere che adesso arriviamo qui e stiamo davanti a tutti solo perché è una pista su cui abbiamo vinto in passato. L'anno scorso le Yamaha non sono arrivate troppo distante da noi. Quest'anno stanno andando meglio e non ci sono solo loro. E' inutile fare pronostici. Dopo queste tre gare sarebbe abbastanza da pazzi e non è neanche importante".

Nelle prime tre gare hanno vinto dei giovani come Quartararo e Binder, vuol dire che ora la Moto2 aiuta a rendere in MotoGP?
"No, semplicemente sono dei piloti forti. La MotoGP di oggi sta vivendo una situazione particolare: i team satellite di Honda, Yamaha e Ducati hanno delle moto ufficiali, almeno al 95%. Di conseguenza, fa sempre un certo effetto vedere un colore diverso dall'ufficiale stare davanti, ma non c'è sempre una differenza. Comunque ci sono dei piloti molto forti che, a differenza di tanti anni fa, hanno le stesse possibilità perché quasi sempre i piloti satellite hanno il contratto con il marchio, quindi non è un problema se stanno davanti a quelli ufficiali. La KTM nessuno se la sarebbe aspettata così, anche se andando ad analizzare i passi di Jerez, quello di Binder in gara 1 era notevole: dopo che è caduto, in 17-18 giri è stato quattro secondi più veloce di me. Questo vuol dire che sarebbe arrivato almeno secondo o che addirittura si sarebbe giocato la vittoria con Quartararo. Quindi avevano già il potenziale, ma non lo avevano fatto vedere. Tutti si aspettavano un miglioramento dalla KTM, ma non così grande. Sicuramente c'è stato un grande lavoro da parte loro, ma questa gomma sta modificando certi equilibri".

Come hai passato gli ultimi giorni? E il clima nel box com'è?
"Sono andato a casa, perché avevo la possibilità di staccare due giorni e mezzo-tre ed è sempre stupendo. Sono arrivato stamattina in pista, allenato e bello carico. Sono stati tre giorni tosti, perché Brno è stata difficile, ma è andata sempre in peggio. Anche in queste situazioni vengono fuori un sacco di realtà. E quello che ci interessa in questo momento è capire, perché non ci siamo riusciti nelle prime tre gare. Ho fatto vari meeting a casa e i tecnici hanno fatto veramente un lavoro pazzesco, forse hanno lavorato di più del weekend di gara. Sono venuti fuori tanti dettagli e non sarà facile metterli insieme, ma ci proveremo quando entreremo in pista. Come sapete, ci sono tante situazioni in ballo, ma alla fine cerchi di concentrarti solo sul lavoro. Indipendentemente da quello che sarà il mio futuro, non accettiamo di fare una stagione così o di farci sconfiggere da una situazione diversa di gomme. Vogliamo assolutamente risolvere questa situazione e tornare davanti, perché è il nostro obiettivo. Passo del tempo con le persone che si occupano di queste cose qui, perché è quello che mi interessa. Poi quello che succederà lo scopriremo e non credo tra tanto".

Leggi anche:

Cosa hai capito guardando i dati di Zarco e Bagnaia? Provando a cambiare i tuoi set-up non c'è poi magari il rischio di ritrovarsi in un vicolo cieco?
"Tutto è possibile ed è in questo che dobbiamo fare la differenza. Riuscire a capire certi dettagli è molto più difficile di quello che uno possa immaginare, perché è un insieme di tanti fattori. Noi crediamo che il set-up non ci possa fare una svolta in questo momento su quello che cerchiamo. E lo abbiamo visto anche con gli alti e bassi di vari piloti. Crediamo che dipenda molto di più dalla guida e da come approcci certe cose. Il set-up ti può aiutare, ma fa la differenza solo se gli ingegneri ed il pilota hanno esattamente in mente cosa bisogna fare. Se capiamo questo, allora entriamo in una situazione in cui ci potrà volere uno, magari tre weekend di gara, ma puoi arrivare ad essere competitivo. Se non riesci a capire questa cosa, puoi fare delle gran prove, ma non ti porteranno a niente. In queste prime tre gare sono venuti fuori tanti dati e tanti dettagli. Fortunatamente, ci sono stati Bagnaia e Zarco che sono andati forte, quindi ci sono dei dati oggetti da studiare, ma assolutamente non da copiare, per darci una reale situazione e quindi capire che dobbiamo cercare di fare in maniera differente. Stiamo parlando di rifiniture e di dettagli che sono difficili da spiegare se uno non c'è dentro. Quello che abbiamo ottenuto negli ultimi tre anni, è stato merito di un grande lavoro di fino, che è quello che dobbiamo cercare di fare anche in questo momento. Abbiamo delle idee e adesso dobbiamo metterle in campo per capire se sono giuste. Si tratta comunque di dati studiati da tanti ingegneri e devo fare i complimenti alla Ducati, perché su questa cosa qui sono davvero bravi. Poi bisogna leggerli, interpretarli e sfruttarli nel modo giusto. Però quello che è venuto fuori è interessante e ci crediamo".

La KTM, per quello che ha fatto vedere, può giocarsi il Mondiale?
"E' troppo presto per dire una roba del genere, soprattutto con gli alti e bassi che ci sono stati in queste prime tre gare. Ma ditemi che non mettereste dei primi otto tra quelli che si possono giocare il Mondiale oggi. Non è una situazione come gli altri anni, quando si giocavano sempre il campionato i soliti piloti, perché c'è una situazione anomala. Mi aspetto degli alti e bassi per tutta la stagione, perché la gomma è particolare, quindi non credo che troppi team o troppi piloti abbiano questa situazione sotto controllo".

Red Bull Ring arriva sempre in momenti bollenti: l'anno scorso c'erano le voci sul ritorno di Lorenzo e quest'anno c'è ancora in ballo il tuo contratto. E' un Dovizioso che soffre questa situazione?
"Sinceramente, non è tanto il non sapere cosa succederà nel mio futuro. E' proprio la sensazione di questa gomma che ci ha destabilizzato. Sapevamo i nostri punti ed i nostri punti deboli e cercavamo di gestirli. Ci ha scombussolato sotto questo aspetto. E non abbiamo ancora corso in condizioni normali: a Jerez faceva un caldo infernale e a Brno non siamo mai andati così piano, quindi qualcosa non ha funzionato come avrebbe sperato anche la Michelin. Adesso andiamo in Austria con una gomma nuova e su una pista molto particolare. Poi ci aspettano due gare a Misano con un asfalto nuovo. E' un campionato pazzo, ma comanda la gomma. Bisogna rimanere tranquilli e lavorare".

Senza entrare troppo nei dettagli, sai come andrà a finire tra te e Ducati?
"No, non lo so (ride)".

Guarda il Gran Premio myWorld d’Austria live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/18

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/18

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Pirro: "Ducati ha bisogno di vincere in Austria"
Articolo precedente

Pirro: "Ducati ha bisogno di vincere in Austria"

Prossimo Articolo

Rossi: "La KTM può lottare per il Mondiale"

Rossi: "La KTM può lottare per il Mondiale"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021