Dovizioso: "26 punti? Non male, ma speravo di averne di più"

Il ducatista era convinto di aver trovato la strada giusta nel warm-up, ma poi in gara è stato frenato da un problema inedito. Per Brno però spera nel riscatto.

Dovizioso: "26 punti? Non male, ma speravo di averne di più"

"Tutto sommato, per essere Jerez, con questa temperatura e queste condizioni, 26 punti non sono così male, ma speravo di averne di più". Andrea Dovizioso ci prova anche a vedere il bicchiere mezzo pieno, ma oggi non è assolutamente semplice, soprattutto per chi come lui fa già abbastanza fatica per natura. Ancora una volta, il forlivese è stato il miglior ducatista, ma con un deludente sesto posto e soprattutto perché la sua è stata l'unica Desmosedici GP in configurazione 2020 a vedere la bandiera a scacchi.

Fino a quando non è stato tradito dal motore, Pecco Bagnaia era agevolmente in seconda posizione. Ma anche Jack Miller era poco più indietro quando è scivolato alla curva 9. Il vice-campione del mondo invece ha dovuto fare i conti con il 14esimo posto in griglia, che ha complicato la sua rimonta. Ma proprio quando pensava di aver trovato la strada giusta con alcune modifiche di set-up nel Warm-Up di questa mattina, in gara è incappato in un problema inedito che gli ha impedito di esprimersi al meglio.

"Non siamo riusciti a fare quello che speravamo. Partendo 14esimo, ma essendo decimo alla fine del primo giro, avrei avuto la possibilità di giocarmi il podio se avessi avuto la velocità che ci aspettavamo. Ma abbiamo avuto un problema nuovo: quando lasciavo i freni, non potevo entrare in curva e non potevo fare percorrenza" ha spiegato Dovizioso.

"Questo mi ha spiazzato, perché siamo riusciti a migliorare la frenata e l'inserimento, facendo un ulteriore step con le modifiche che abbiamo fatto nel Warm-Up. Ero veramente contento perché stiamo prendendo la strada giusta. Sapevamo che magari il set-up elettronico non sarebbe stato perfetto, perché non avevamo dei dati per fare le tarature ideali con le temperature del pomeriggio".

"Abbiamo fatto un buon lavoro, ma al primo giro ho visto subito che non potevo entrare in curva e questo non mi ha permesso di spingere. Mi sono messo ad un secondo da Mir e ci sono rimasto quasi fino alla fine. Non avevo nessuna carta da giocare e questo è stato negativo. Poi, se c'era un problema alla gomma o se è stata una conseguenza del set-up che abbiamo scelto lo dobbiamo scoprire. Non sarà facile, ma lo dobbiamo fare, perché farà la differenza nelle decisioni che prenderemo per Brno".

"Voglio provare a guardare le cose in maniera positiva, perché in queste due settimane sono successe tantissime cose. Dobbiamo essere bravi a dividere le cose positive da quelle negative, perché credo che ci sia parecchio margine. Abbiamo capito un po' di cose e, se la pista è più facile per la tua moto, anche questo ci può aiutare nelle prossime gare. Non vado a casa soddisfatto, perché abbiamo del lavoro da fare a casa per partire a Brno messi meglio e lottare per la vittoria".

Leggi anche:

Oggi c'è stata la rottura accusata dal motore di Pecco Bagnaia, ma la cosa non sembra preoccupare particolarmente Dovizioso: "Non sappiamo ancora i dettagli. Sinceramente, le condizioni che abbiamo trovato qui, non le troveremo da nessun'altra parte quest'anno e probabilmente neanche il prossimo anno, quindi non sono troppo preoccupato su questo aspetto".

Dopo due gare Fabio Quartararo ha 50 punti, Maverick Vinales è a quota 40 e lui a 26, ma il ducatista non se la sente di sentire ancora tagliato fuori del tutto Marc Marquez, nonostante sia ancora a zero a causa della frattura dell'omero rimediata domenica scorsa.

"Inanzitutto bisogna vedere in che condizioni arriverà a Brno, se potrà spingere o se avrà ancora dei grossi limiti. Marc in recupero, in tutta la sua carriera, ha fatto degli errori solo un anno. Lui quando è sotto pressione ed ha un obiettivo ben chiaro, secondo me va anche meglio e sbaglia meno. Credevo di no, ma penso che possa essere ancora in lotta per il Mondiale, anche perché poi bisogna vedere l'aspetto dei motori della Yamaha" ha concluso.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
17/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
18/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
19/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
20/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
21/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: il Gran Premio di Andalusia

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: il Gran Premio di Andalusia

Prossimo Articolo

Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”

Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021