Dovizioso: "Suzuki non sente differenze di gomme? Impossibile"

Il forlivese della Ducati afferma: "Forse Suzuki le avverte meno perché ne ha tratto vantaggio, ci sta. Ma si sentono, soprattutto per chi ha peggiorato la situazione". Oggi il ducatista non è andato oltre l'ottavo posto a Valencia.

Dovizioso: "Suzuki non sente differenze di gomme? Impossibile"
Carica lettore audio

Partito 12esimo, Andrea Dovizioso è riuscito a chiudere ottavo il Gran Premio d'Europa al Ricardo Tormo di Valencia, staccato di poco più di 10" dal vincitore della corsa Joan Mir.

Il pilota della Ducati ha avuto diversi problemi, a partire da un feeling affatto buono già a inizio weekend, durato poi per il resto delle giornate di gara. Inoltre, anche la sua salute ha piazzato lo zampino su una stagione a dir poco stregata per lui e per il team Ducati.

Per prima cosa, però, Andrea ha tenuto a sottolineare come sia quasi impossibile che le Suzuki non abbiano avvertito il cambiamento di gomma posteriore - così come ha affermato Davide Brivio, il team manager di Hamamatsu - perché ha portato grossi cambiamenti per tutti.

"Che non sia cambiato nulla al cambiamento della gomma posteriore non è possibile, perché ti costringe a guidare in modo diverso e secondo me loro non hanno colto più di tanto il cambiamento perché per loro è stato un vantaggio. Mentre lo sentiresti di più fosse uno svantaggio. Siamo umani e siamo fatti così".

"Sinceramente, come ho detto già prima del weekend, questo distacco non fa tanta differenza. La gara non è andata così male, ma non possiamo certo essere contenti di queste prestazioni. Cosa cambia... Siamo arrivati qui con poco feeling e non siamo stati competitivi. La matematica dice che siamo ancora in gioco per il titolo, ma la realtà è che cambia poco".

Leggi anche:

"La velocità nella parte finale non era così male. Per cui penso che sia il punto da cui iniziare nuovamente in vista del prossimo weekend di gara. Alla fine finire così non è stata così male. I problemi che abbiamo avuto sono sempre i solti. La prossima settimana potremo essere più veloci, ma lo saranno anche tutti gli altri. Sarà una cosa molto diversa per tutti i piloti. Vediamo se riusciremo a fare un buono step avanti riguardo la velocità e sistemare qualche dettaglio per il finale di gara".

A livello fisico, come detto, Andrea ha avuto difficoltà sin da venerdì. Mal di testa e bruciore agli occhi hanno minato le sue prestazioni soprattutto oggi, in gara. Lui, però, non pensa possa essere COVID.

"Non so cos'ho. Venerdì e sabato avevo un po' di mal di testa, mi bruciavano un po' gli occhi. Però era leggero, Oggi, mezz'ora prima della corsa, mi è tornato fuori ma molto più forte e ho pensato: 'Qui va a finire male'. Domani faccio il tampone, poi vedremo. Ma i sintomi non sembrano quelli del COVID. Speriamo non sia il COVID, ma solo un'influenza normale".

Il titolo, ormai, è sfumato anche in questa stagione e, forse, per sempre. Andrea ne è consapevole pur non cancellando  l'idea di poter chiudere con un buon piazzamento anche in questa stagione dopo tre secondi posti di fila alle spalle dell'imprendibile Marc Marquez.

"Quando si hanno così poche carte si fa fatica a essere euforici. Però dal secondo al sesto non siamo lontani. Se è quasi impossibile portare a casa il Mondiale, proviamo a portare a casa un secondo a un terzo, non ci spunto assolutamente sopra, ci mancherebbe".

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Viñales: “Il nostro problema non è il mondiale, siamo lontani”
Articolo precedente

Viñales: “Il nostro problema non è il mondiale, siamo lontani”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa

Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021