MotoGP
G
GP d'Austria
14 ago
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
9 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
37 giorni
25 set
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
72 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
93 giorni
20 nov
Canceled

Dominio Ducati a Brno: Dovizioso torna alla vittoria davanti a Lorenzo e Marquez

condivisioni
commenti
Dominio Ducati a Brno: Dovizioso torna alla vittoria davanti a Lorenzo e Marquez
Di:
5 ago 2018, 13:04

Il forlivese la spunta comandando quasi per tutta la gara, ma alle sue spalle i due spagnoli regalano spettacolo con un grande duello per il secondo posto. Valentino chiude quarto e scivola a -49 in classifica.

E' dominio Ducati a Brno, con il ritorno alla vittoria di Andrea Dovizioso davanti ad uno scatenato Jorge Lorenzo. La seconda doppietta stagionale dopo quella del Mugello: un risultato esaltante, che però forse non fa altre che aumentare i rimpianti per i tanti punti buttati via a suon di errori nella prima parte della stagione.

Il tracciato ceco ha rappresentato una bella prova del nove per il valore attuale della Desmosedici GP: questa non era certamente una delle piste più ostiche per la Rossa, ma sicuramente non erano mai state tanto competitive come lo sono state nel corso di questo weekend di gara.

Si tratta di un successo che darà comunque una bella iniezione di morale al forlivese, che mancava l'appuntamento con il gradino più alto del podio dalla gara d'apertura in Qatar e l'ha spuntata alla fine di una bella battaglia con tutti gli avversari più rinomati: non solo Lorenzo, ma anche il "solito" Marc Marquez e Valentino Rossi.

Dopo essere scattato bene dalla pole, infatti, ha amministrato bene la prima parte della gara, tallonato proprio dal "Dottore". Entrambi però hanno impostato un ritmo che non sembrava proprio insuperabile e così poco prima della metà della corsa il pilota della Yamaha ha provato a rompere gli indugi e ad andare lui a trainare il trenino.

In questa fase sembrava che potessero rimanere solamente in tre a battagliare al vertice, con Lorenzo che si era leggermente staccato e aveva nella sua scia anche l'altra Honda di Cal Crutchlow.

Leggi anche:

La leadership di Valentino però è durata solamente pochi passaggi e poi si è rimesso davanti a tutti Dovizioso. Ma il vero cambio di marcia è avvenuto quando è stato Lorenzo ad andare all'attacco, riportandosi sotto al terzetto di testa.

Nello spazio di poco il gruppetto di testa è tornato comunque ad essere di sole tre unità, perché Rossi forse aveva chiesto troppo alle sue gomme ed ha via via perso terreno, venendo infilato anche dalla Honda di Crutchlow.

Proprio in questo frangente, a 4 giri dalla fine, Lorenzo ha regalato una manovra strepitosa: infilando sia Marquez che Dovizioso nell'ultima esse in salita. Manovra che però lo ha portato ad essere largo in uscita, permettendo a Dovi di sfilarlo nuovamente sul rettilineo di partenza.

Jorge però non ne ha voluto sapere di arrendersi e nei due passaggi successivi ha provato ad infilare nuovamente alla curva 4 la Rossa #04, che però gli ha sempre resistito con un ottimo incrocio di traiettoria. All'ultimo passaggio però ha fatto involontariamente il lavoro dello scudiero, perché ha badato soprattutto a difendersi dagli attacchi di Marquez, permettendo a Dovizioso di andare a prendersi una seconda vittoria stagionale che vale il terzo posto nella classifica Mondiale, anche se a 68 punti dal leader Marquez.

Nonostante il terzo posto, infatti, questa domenica ha sorriso ancora al pilota della Honda, che ha incrementato a 49 punti il suo margine in classifica su Valentino, che proprio all'ultimo giro è riuscito almeno ad artigliare il quarto posto andando ad infilare la Honda di Crutchlow.

Scivola al quarto posto nel Mondiale invece Maverick Vinales, che era tra i pochi che avevano azzardato la gomma soft al posteriore, ma la cui gara è durata solo poche curve prima di un contatto con la wild card Stefan Bradl e con l'unica KTM in gara di Bradley Smith.

Ha provato a rimanere nel gruppetto di testa anche Danilo Petrucci, ma alla distanza il portacolori della Ducati Pramac è stato staccato e si è dovuto accontentare di un sesto posto che comunque gli ha permesso di guadagnare qualche punticino sulla Yamaha Tech 3 di Johann Zarco, settimo: ora i due sono separati da soli 3 punti nella lotta per il titolo Indipendent.

Continuando a scorrere la classifica, in ottava posizione troviamo la Honda di Dani Pedrosa davanti alla Ducati di Alvaro Bautista, mentre le due Ducati di Andrea Iannone ed Alex Rins sono arretrate nel finale, chiudendo solo decima ed 11esima. Tre punti li porta a casa anche Franco Morbidelli, 13esimo con la Honda della Marc VDS ed uno è per l'Aprilia di Aleix Espargaro, 15esimo.

Bisogna ricordare l'assenza al via del fratello Pol, vittima di un incidente nel Warm-Up nel quale ha rimediato la frattura della clavicola sinistra e per il quale è stato portato in ospedale a Brno per accertamenti.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 21 -         25
2   99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 21 0.178         20
3   93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 21 0.190         16
4   46 Italy Valentino Rossi Yamaha 21 2.534         13
5   35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 21 0.056         11
6   9 Italy Danilo Petrucci Ducati 21 0.810         10
7   5 France Johann Zarco Yamaha 21 2.391         9
8   26 Spain Daniel Pedrosa Honda 21 1.320         8
9   19 Spain Alvaro Bautista Ducati 21 0.096         7
10   29 Italy Andrea Iannone Suzuki 21 0.751         6
11   42 Spain Alex Rins Suzuki 21 0.327         5
12   43 Australia Jack Miller Ducati 21 7.896         4
13   21 Italy Franco Morbidelli Honda 21 3.054         3
14   55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 21 1.778         2
15   41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 21 1.778         1
16   12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 21 4.514          
17   30 Japan Takaaki Nakagami Honda 21 0.638          
18   17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 21 12.861          
19   50 France Sylvain Guintoli Suzuki 21 1.239          
20   10 Belgium Xavier Simeon Ducati 21 8.530          
  dnf 53 Spain Tito Rabat Ducati 8         Retirement  
  dnf 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 5         Retirement  
  dnf 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 1         Retirement  
  dnf 25 Spain Maverick Viñales Yamaha           Retirement  
  dnf 6 Germany Stefan Bradl Honda           Retirement  

 

Clavicola sinistra fratturata e weekend di Brno finito per Pol Espargaro

Articolo precedente

Clavicola sinistra fratturata e weekend di Brno finito per Pol Espargaro

Prossimo Articolo

Mondiale MotoGP 2018: Marquez allunga a +49 su Rossi, Dovizioso sale terzo

Mondiale MotoGP 2018: Marquez allunga a +49 su Rossi, Dovizioso sale terzo
Carica commenti