Dall'Igna: "Provati assetti abbastanza diversi con Zarco"

Il direttore generale di Ducati Corse traccia un bilancio positivo dei test di Sepang: ritiene che la Desmosedici GP sia cresciuta, ma che ora vada adattata alla nuova gomma posteriore Michelin. E Zarco si sta già rivelando una risorsa preziosa...

Dall'Igna: "Provati assetti abbastanza diversi con Zarco"

Se la Honda era in parte giustificata dalle condizioni fisiche di Marc Marquez, non ancora al 100% dopo l'operazione alla spalla destra dello scorso novembre, forse è meno giustificata la mancanza di una zampata da parte della Ducati nei primi test pre-stagionali della MotoGP 2020, andati in scena nel fine settimana sul tracciato malese di Sepang.

In tutte e tre le giornate, la migliore delle Desmosedici GP è sempre stata una di quelle del Pramac Racing, due volte con Jack Miller ed una con Pecco Bagnaia. E' vero che parliamo comunque di due Desmosedici GP in configurazione Factory, quindi identiche a quelle dei piloti ufficiali, ma fa specie per esempio non avere mai visto Andrea Dovizioso all'interno della top 10.

Tuttavia, il bilancio del direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, sembra tutt'altro che negativo al termine della trasferta malese. La sua convizione, infatti, è che la Rossa sia cresciuta, ma che ora debba essere fatto un lavoro importante per adattarla al nuovo pneumatico posteriore introdotto dalla Michelin per la stagione 2020.

 

"Siamo abbastanza contenti e convinti di aver fatto un passo avanti dal punto di vista della moto. Sicuramente dobbiamo ancora fare un lavoro di messa a punto abbastanza importante, perché le gomme che ha portato la Michelin hanno bisogno di qualcosa di diverso sia da un punto di set-up che dell'elettronica. In questo test abbiamo raccolto tante informazioni, che sicuramente analizzeremo e poi avremo un bel po' di lavoro da fare in vista del Qatar" ha detto Dall'Igna alla conclusione dell'ultima giornata.

Se in molti indicano la Yamaha un passo avanti, per il momento il tecnico italiano ha preferito non sbilanciarsi a riguardo: "Si fa sempre fatica a valutare queste cose. Noi abbiamo fatto un buon long run con i due piloti e soprattutto ho visto abbastanza bene Dovizioso. Non ho ancora guardato bene i cronologici per capire come sia messa sui long run la Yamaha, ma è un qualcosa che analizzeremo sicuramente".

Il debutto sulla Ducati di Johann Zarco è parso un po' difficile, con il francese che ha chiuso con la 15esima prestazione ed un ritardo di circa un secondo e mezzo dal miglior tempo alla prima uscita sulla GP19 dell'Avintia Racing. Dall'Igna però non sembra vederla così, perché ha spiegato che con il francese la Casa di Borgo Panigale ha sperimento delle soluzioni d'assetto differenti da quelle standard.

"Zarco è partito il primo giorno facendo un lavoro un po' diverso. Con lui abbiamo sperimentato un assetto abbastanza differente rispetto a quelli che sono i nostri standard. Abbiamo cercato di raccogliere informazioni con lui, poi ricordiamoci che questa era la prima presa di contatto con la Ducati per lui, perché ha saltato sia i test di Valencia che quelli di Jerez. Sinceramente, non mi aspettavo niente di più da lui. Anzi, sono contento del modo in cui ha affrontato il percorso che avevamo previsto. Anche con lui ci sarà parecchio lavoro da fare, ma sono fiducioso".

Leggi anche:

Anche dai due piloti del Pramac Racing però sono arrivate delle risposte importanti: "Sono contento. Jack ha fatto un buon test, dandoci dei buoni commenti sul materiale e facendo anche dei tempi interessanti. Anche Pecco ha dimostrato di avere il potenziale per fare bene. Per lui era la prima presa di contatto con la moto ufficiale, c'erano tante novità e tante cose da metabolizzare, quindi direi che è andata bene".

Durante la pausa invernale, la Ducati era stata data molto vicina alla firma di Maverick Vinales, ma alla fine lo spagnolo ha rinnovato con la Yamaha. Dall'Igna ha ammesso che c'erano stati dei contatti, ma ha anche aggiunto che ritiene fosse normale così. Per definire la coppia dei piloti del futuro ora però non c'è più fretta.

"Ogni costruttore fa le proprie valutazioni ed è obbligato a parlare con tutti i piloti che ci sono sul mercato, perché poi nessuno sa cosa succederà. Penso che anche la Suzuki avesse contattato Vinales, perché è un lavoro che tutti devono fare. In questo momento credo che la cosa più ragionevole da fare sia aspettare".

Infine, non poteva mancare un commento sul ritorno in pista del suo pupillo Jorge Lorenzo, passato a vestire i panni del collaudatore Yamaha, dopo aver lasciato la Honda annunciando il proprio ritiro appena tre mesi fa.

"Si fa sempre fatica a dare una valutazione su queste cose. Dipende da quali fossero gli accordi quando si sono lasciati. Questa è una cosa che solamente Honda e Lorenzo possono sapere. Rivederlo in gara? Potrebbe anche essere, perché no?".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/42

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
6/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
7/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
8/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
9/42

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
10/42

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
11/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
12/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
13/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
14/42

Foto di: Ducati Corse

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
15/42

Foto di: Ducati Corse

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
16/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
17/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
18/42

Foto di: Motogp.com

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
19/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
20/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
21/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
22/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
23/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
24/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
25/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
26/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
27/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
28/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
29/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
30/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
31/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
32/42

Foto di: Motogp.com

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
33/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
34/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
35/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
36/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
37/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
38/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
39/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
40/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
41/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
42/42

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Tecnica Ducati: dalle ali a Sigma al correttore d'assetto?

Articolo precedente

Tecnica Ducati: dalle ali a Sigma al correttore d'assetto?

Prossimo Articolo

Alex Márquez: "In gara sarei decimo o più indietro”

Alex Márquez: "In gara sarei decimo o più indietro”
Carica commenti
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021