Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

Ducati ha presentato la Panigale V4 R che disputerà il Mondiale Superbike e Luigi Dall’Igna ha rivelato le evoluzioni della quattro cilindri, che sarà alla sua seconda stagione nelle derivate di serie. Ma gli spunti più interessanti, il direttore generale di Ducati Corse li ha dati sulla MotoGP.

Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

La stagione 2020 del mondiale Superbike sta per cominciare e c’è grande attesa verso Ducati, che porta in pista per il secondo anno la Panigale V4 R. Questa moto, che sarà affidata a Scott Redding e Chaz Davies, è un’evoluzione di quella che ha debuttato nel 2019 e che nella prima fase di campionato ha dominato con Alvaro Bautista.

Ma quest’anno rappresenta un’altra storia: lo spagnolo ha lasciato il posto a Redding e l’intera squadra si presenterà a Phillip Island con una consapevolezza maggiore. La stagione scorsa ha permesso agli uomini Ducati di poter imparare a conoscere la nuova moto, per poterla migliorare in vista del 2020 e provare così a riportare il titolo a Bologna, che manca ormai dal 2011.

Aruba.it Racing Ducati ha presentato moto e team all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola e, in questa occasione, Luigi Dall’Igna ha spiegato che tipo di lavoro è stato svolto sulla Panigale V4 R, anche sulla base del regolamento e delle limitazioni dei giri: “Abbiamo ricalcolato i rapporti del cambio, ma non solo. Abbiamo anche rivisto diversi particolari interi del motore in modo da adeguare la coppia al limitatore nuovo”.

Leggi anche:

Dopo un anno di esperienza, Ducati ha seguito una direzione precisa durante questo inverno: “Rispetto allo scorso anno abbiamo il vantaggio di cominciare la stagione con una moto che conosciamo e questa non è una cosa da poco. L’anno scorso non abbiamo avuto il tempo di arrivare al limite minimo di peso che era permesso dal regolamento, ma quest’anno ci siamo finalmente riusciti. La moto del 2020 è più alleggerita e abbiamo lavorato sulla ciclistica, sul forcellone e sulle sospensioni posteriori”.

Ducati è sempre stata pioniera nelle novità portate in pista ed anche stavolta non è diverso. Dall’Igna spiega: “Abbiamo lavorato molto sull’aerodinamica, che da un po’ di anni a questa parte è un po’ il nostro cavallo di battaglia in tutti i campionati a cui partecipiamo. Il regolamento della Superbike non ci permette di avere una grande libertà di movimento, ma noi abbiamo cercato di lavorare come e dove si poteva. Ad ogni modo, i nostri due piloti disporranno di una Panigale V4 R migliorata rispetto alla 2019, da questo punto di vista”.

Leggi anche:

Proprio le novità tecniche ed aerodinamiche proposte da Ducati sono state al centro di polemiche e di studio anche da parte di altri team, non solo in Superbike. Il Capo di Ducati Corse parla poi della MotoGP, campionato dove questo tipo di lavoro è visibile più che in altri: “Chiaramente inorgoglisce il fatto di essere copiati. Questo sicuramente, ma dall’altra parte sappiamo di dare un po’ di prestazione ai nostri avversari e ci dispiace molto".

Ducati lavora su due fronti, ma nella classe regina del mondiale i test sono iniziati un po’ in salita. Secondo Dall’Igna ci sono però prospettive di miglioramento nel corso della stagione: “Probabilmente la nuova gomma ha penalizzato noi e Honda rispetto a tutti gli altri, ma non credo che ci penalizzerà alla fine. Dal test di Sepang abbiamo capito un po’ di cose. Sicuramente non avevamo l’assetto ideale per quella condizione e quelle gomme, ma mi aspetto che solamente lavorando con l’assetto riusciremo a migliorarci rispetto a come eravamo messi a Sepang. Abbiamo delle idee, bisognerà implementarle nei prossimi test in Qatar, ma resto fiducioso di poterci mettere a posto in tempo per l’inizio della stagione”.

“A Losail faremo solamente dei piccoli aggiustamenti rispetto a quello che avevamo a Sepang, sicuramente porteremo un forcellone diverso, come avevamo già detto durante la presentazione, ma a parte quello credo che il resto siano più che altro lavori di messa a punto ed affinamento. Però nella MotoGP moderna questi sono forse più importanti che tutto il resto delle idee che ruotano intorno alla moto”.

Non solo tecnica: la MotoGP è in fermento anche per quanto riguarda il mercato piloti. Con la mossa di Yamaha, tutto è cambiato in vista del 2021, ma Dall’Igna non sembra preoccupato e preferisce guardare al 2020, che sta per iniziare: “Di sicuro credo che i giochi per quanto riguarda i piloti non-Ducati siano già fatti. Sicuramente noi ci prendiamo il tempo per valutare insieme anche ai nostri piloti cosa è meglio fare per le prossime stagioni. Credo che arrivati a questo punto dovremo un po’ valutare bene quello che succede prima di prendere delle decisioni che riguardano il 2021 ed il 2022. Siamo ancora all’inizio della stagione, abbiamo appena cominciato i test, quindi credo che ormai ci sia tutto il tempo per decidersi”.

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati and Aruba.it Racing Ducati Team Management

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati and Aruba.it Racing Ducati Team Management
1/11

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
2/11

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
3/11

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
4/11

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
5/11

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
6/11

Foto di: Aruba.it Racing

Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
7/11

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
8/11

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
9/11

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
10/11

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
11/11

Foto di: Aruba.it Racing

condivisioni
commenti
Davies: “Non corro per il contratto, ma per vincere”

Articolo precedente

Davies: “Non corro per il contratto, ma per vincere”

Prossimo Articolo

Cecconi: “Cambierei le vittorie del 2019 con un titolo”

Cecconi: “Cambierei le vittorie del 2019 con un titolo”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP , WSBK
Location Imola
Autore Lorenza D'Adderio
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021