Crutchlow: “Sono veloce, ma mi fermo, non sono come Valentino”

Il pilota Honda non vuole rimanere a lungo nel paddock come Valentino Rossi, pur affermando di sentirsi ancora un pilota veloce.

Crutchlow: “Sono veloce, ma mi fermo, non sono come Valentino”

La stagione 2019 di Cal Crutchlow è stata decisamente al di sotto delle aspettative, prima di tutto per il pilota stesso, che sperava di raccogliere qualcosa in più. Ha chiuso il campionato in nona posizione nella classifica generale, a ben 287 punti di distacco dal compagno di marca e vincitore del titolo, Marc Marquez.

Nel 2020 il britannico sarà il pilota più anziano della griglia di partenza, solo secondo a Valentino Rossi, che a Losail avrà compiuto 41 anni. Ma Crutchlow non si vede nel paddock ancora a lungo, già quest’estate aveva affermato di volersi fermare per condurre una vita normale e veder crescere sua figlia. A Speedweek ha confermato la volontà di chiudere la propria carriera una volta scaduto il proprio contratto.

"L’ho già detto ad agosto – afferma Crutchlow – ho ancora un contratto con Honda fino alla fine del 2020 e ho sempre pensato che sarebbe stato il mio ultimo contratto in MotoGP. Non voglio ancora impegnarmi. Ma non sono veloce come una volta. Sono ancora veloce sulla distanza di gara, ma non così veloce sul giro secco”.

“Non sono un cattivo pilota, ma forse nel 2019 è stata una combinazione di me e la moto e così via. Posso ancora ottenere buoni risultati come prima, posso ancora vincere gare. Non sono preoccupato per il rallentamento, questo ha anche a che fare con le mie molte ferite. Il mio corpo fa male. Non solo a causa del brutto incidente del 2018 in Australia, ma in generale. Non sono un debole e darò sempre il mio 100% finché avrò un contratto. Ma non so per quanto tempo vorrò continuare, potrei smettere dopo il 2020 e condurre una vita normale. Potrebbero esserci colleghi della mia età che non provano dolore quando salgono sulla macchina GP. Valentino non sembra avere tali problemi. Ha 40 anni e apparentemente non ha lamentele. È diverso per me”.

Crutchlow comunque non ha nulla da recriminarsi. Pur non avendo mai trovato l’occasione per vincere un titolo, sente di aver dato il massimo: “Ho sempre dato tutto per questo sport. Se anche questo non bastasse per vincere il mondiale, lo accetterò. Posso affermare con certezza di aver dato il massimo in ogni giro di ogni gara. Mi sono divertito molto nella mia carriera, nonostante gli alti e bassi. Non voglio cambiare nulla. Certo, ho perso alcuni podi qua e là. In realtà non sto dicendo che mi fermerò sicuramente dopo la stagione 2020. Può darsi che nel 2020 niente mi faccia più male. Tuttavia, non devo più correre, anche se adoro correre. Ho lottato per tornare indietro dopo tutti gli infortuni perché ho una passione per le corse”.

“Ma voglio vivere una vita normale – conclude Crutchlow – Riesco ancora a guidare velocemente una moto. Nel 2013 alla Tech3 la mia moto è stata facile da guidare, ho ottenuto ottimi risultati. Oggi sono migliore e più veloce come pilota rispetto ad allora. Ma ho una moto che è difficile da guidare e la concorrenza è diventata sempre più forte”.

condivisioni
commenti
Jorge Lorenzo ammette: “Avevo paura e non ero motivato”

Articolo precedente

Jorge Lorenzo ammette: “Avevo paura e non ero motivato”

Prossimo Articolo

Melandri ricorda la Ducati: “Avevo paura della moto”

Melandri ricorda la Ducati: “Avevo paura della moto”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021