Ciabatti: “Zarco può lottare per il titolo come Jack e Pecco”

Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati, è fiero della scommessa fatta due anni fa su Johann Zarco, attuale leader del mondiale MotoGP. Il francese era stato convinto dal costruttore italiano a restare nella classe regina quando la sua prima opzione era tornare in Moto2.

Ciabatti: “Zarco può lottare per il titolo come Jack e Pecco”

Dopo le prime due stagioni in MotoGP, nel 2017 e nel 2018, con una Yamaha del team Tech3, Johann Zarco aveva firmato il contratto più importante della sua vita, fino a quel momento. Quello che a prima vista sembrava il lancio definitivo per il francese, stava diventando la fine della sua carriera nella classe regina.

Una volta deciso di rinunciare al sua secondo anno di contratto con KTM, il pilota transalpino aveva disputato le ultime tre gare del 2019 in sella alla Honda di Takaaki Nakagami, in previsione di potersi conquistare un posto come compagno di squadra di Marc Marquez nel team Repsol dal 2020. Tuttavia, il suo rendimento non aveva soddisfatto i responsabili HRC, che poi hanno scelto Alex Marquez lasciando Zarco senza una sella.

A salvare il pilota #5 ci ha pensato Ducati con tutta la sua dirigenza (Dall’Igna, Ciabatti, ecc...), che ha provato a convincerlo a firmare con Avintia invece di tornare in Moto2, che in quel momento era la sua prima opzione date le scarse alternative. Zarco ci ha pensato molto, ma alla fine ha deciso di firmare per la struttura di Andorra, che tre gare dopo (a Brno nel 2020) ha conquistato il suo primo podio e la sua prima pole.

Il rendimento del due volte campione del mondo Moto2 durante la scorsa stagione – ha concluso il campionato in 13esima posizione – gli è valso la promozione al team Pramac nel 2021, con una Desmosedici identica a quella di Jack Miller e Pecco Bagnaia, i due piloti del team ufficiale. Le due seconde posizioni che Zarco ha conquistato nelle prime due gare di questa stagione, in cui ha mostrato una grande costanza, gli hanno permesso di andare al comando della classifica, diventando il punto di riferimento sia dell’intera griglia sia di Ducati stessa, che ora lo vede come un’opzione tanto valida quanto Miller e Bagnaia per lottare per il titolo.

“Siamo contenti perché Johann è stato una scommessa di Ducati quando nessuno lo teneva in considerazione. Credo che sarà protagonista durante tutto il campionato”, afferma con orgoglio Paolo Ciabatti durante una conversazione con Motorsport.com.

“Abbiamo convinto Johann a restare con noi in MotoGP alla fine del 2019, perché pensavamo che fosse un pilota di talento. Dopo un anno complicato con KTM, nessuno aveva fiducia in lui tanto che voleva tornare in Moto2. Con l’aiuto di Ducati ha ricostruito la fiducia durante tutto il 2020, che lo ha portato a meritarsi un posto in Pramac, con una moto identica a quella del team ufficiale. Ora sta dimostrando di essere il pilota che credevamo fosse”.

Il campionato è appena iniziato, ma è evidente che i risultati che ottengono i piloti ufficiali e quelli di Pramac avranno un’influenza diretta sulle line-up del 2022. Come è logico, l’obiettivo di Zarco è vestirsi di rosso, per quanto dagli uffici di Borgo Panigale si insiste nel sottolineare che la considerazione dei due piloti Pramac sia la stessa dei due factory.

“Per quanto investiamo, Pramac è un team factory con un altro sponsor. In questo senso, Johann si sta conquistando l’idea che Ducati lo veda come un pilota che può lottare per il titolo come Jack e Pecco – afferma Ciabatti, che ne spiega il motivo – è il più veterano, ha 30 anni. Ha molta esperienza ed è stato vicino a vincere in MotoGP. È in un momento di grande maturità ed è molto contento con il team”.  

condivisioni
commenti
MotoGP 2021: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP del Portogallo
Articolo precedente

MotoGP 2021: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP del Portogallo

Prossimo Articolo

La remontada di Marc Marquez è fattibile?

La remontada di Marc Marquez è fattibile?
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021