Ciabatti: "Sentenza Yamaha? Precedente pericoloso"

La Ducati accetta e non presenterà appello contro la sanzione alla Yamaha, anche se la mancata penalità ai piloti crea un precedente pericoloso secondo il direttore sportivo della Rossa, Paolo Ciabatti.

Ciabatti: "Sentenza Yamaha? Precedente pericoloso"

La concorrenza ha deciso di non presentare appello contro la sentenza che ha penalizzato la Yamaha nella classifica Costruttori ed in quella Team della MotoGP per avere utilizzato della valvole differenti da quelle del motore omologato in occasione della gara di apertura della stagione 2020, a Jerez de la Frontera.

Quello che ha lasciato perplessi è stato che il provvedimento del Panel degli Commissari FIM ha lasciato invece tutto invariato nel Mondiale Piloti, confermando i punti conquistati a Jerez da Fabio Quartararo, Maverick Vinales e Franco Morbidelli. E nel caso di quest'ultimo anche il punticino ottenuto in Austria, dove nelle libere aveva utilizzato il propulsore incriminato.

La Yamaha si è giustificata, ammettendo di non aver comunicato alla MSMA di avere utilizzato una partita differente di valvole, ma di aver fatto la cosa senza malafede, visto che queste erano state prodotte da un fornitore diverso, ma con lo stesso progetto.

Spiegazione che evidentemente è stata accolta anche dai commissari, ma che secondo Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati può creare un precedente pericoloso per il fatto che i piloti non sono stati penalizzati, pur essendo comprovato che hanno corso con una moto irregolare.

Leggi anche:

"Ieri c'è stata una riunione della MSMA e alla fine i costruttori hanno concordato che il minimo fosse una penalizzazione per i punti della squadra e del costruttore. Alla fine lo steward Panel ha deciso in questa direzione" ha spiegato Ciabatti ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

"Noi lo accettiamo, ma è chiaro che è un po' strano, perché dal nostro punto di vista di solito pilota, team e costruttore sono tutti soggetti ad una penalità quando c'è un'irregolarità. In questo caso è stato deciso di non penalizzare i piloti, possiamo capire il perché di questa decisione".

"Credo che gli steward della FIM abbiano ritenuto che sia stato un errore di Yamaha ed abbiano preso questa decisione che accettiamo, perché nessuno farà reclamo. E' un po' un precedente pericoloso però perché i piloti, non per colpa loro, ma hanno corso con delle moto che non erano regolari".

Quando poi gli è stato chiesto di spiegare meglio perché ritiene che sia una sentenza pericolosa, ha aggiunto: "Si è creato un precedente che potrebbe essere rischioso nel futuro, perché poi vai ad entrare nel campo dell'errore in buona fede, dell'involontario e su altri tipi di valutazione che dal punto di vista del regolamento creano possibili problemi anche nel futuro. Però abbiamo detto che avremmo accettato questa decisione, quindi non faremo reclamo".

condivisioni
commenti
Yamaha si difende: "Errore, ma senza malafede"

Articolo precedente

Yamaha si difende: "Errore, ma senza malafede"

Prossimo Articolo

Brivio sul caso Yamaha: "Ci piace vincere in pista"

Brivio sul caso Yamaha: "Ci piace vincere in pista"
Carica commenti
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021