MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
6 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
13 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
33 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
41 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
61 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
69 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
97 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
118 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
125 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Ciabatti: "Difficile iniziare prima di giugno o luglio"

condivisioni
commenti
Ciabatti: "Difficile iniziare prima di giugno o luglio"
Di:
17 mar 2020, 08:58

Il direttore sportivo della Ducati, Paolo Ciabatti, dal suo confinamento alla periferia di Torino, vede quasi impossibile che la MotoGP possa iniziare a Jerez il 3 maggio, come previsto al momento.

Fino ad ora, l'Italia è il paese europeo che è stato più colpito dall'epidemia di Coronavirus e gli italiani quindi sembrano essere probabilmente i più consapevoli della vera situazione di questa crisi, che nel frattempo è diventata globale.

Un crisi scoppiata proprio alla vigilia della prima gara della MotoGP in Qatar, obbligando a cancellarla, ma che poi ha portato anche ai successivi rinvii di Thailandia, Austin ed Argentina. In questo momento, il Mondiale dovrebbe iniziare il 3 maggio a Jerez, qualcosa che per il direttore sportivo della Ducati è "quasi impossibile".

Nonostante la chiusura della fabbrica, in Ducati continuano ad avere dei contatti costanti con gli organizzatori del Mondiale.

 

"Si è tentato di posticipare alcune gare e di iniziare il campionato a Jerez, ma per come si è sviluppata la pandemia in Europa, credo sia impossibile fare previsioni" ha detto Ciabatti in un'intervista concessa a Moto.it.

"Seguo con attenzione tutti i dati statistici: credo che i numeri che abbiamo visto nel nostro Paese li vedremo presto nel resto del continente, che sta sfruttando la nostra esperienza, attuando decisioni drastiche. Studiando i numeri, temo sia impossibile pensare che il mondiale inizi prima di giugno o luglio".

"In Cina sono state prese misure rigidissime, in modo autoritario: si è chiuso e basta, senza deroghe. Ecco, ne stanno uscendo adesso, dopo due mesi. Con il nostro sistema democratico ci vorrà anche più tempo: ecco perché dico che il campionato non inizierà prima di giugno o luglio".

Un problema importante è che la stagione deve raggiungere un minimo di 13 gare per ottenere l'assegnazione del titolo iridiato.

Leggi anche:

"E’ un discorso complesso, ci troviamo a prendere in esame soluzioni mai ipotizzate prima. Credo che Dorna abbia le idee chiare su cosa è più opportuno fare, ma tutto dipenderà da quando si potrà iniziare il campionato, in quali Paesi si potrà andare a correre, quali Nazioni accetteranno l’entrata degli europei".

"Tutti i contratti sono stati fatti in momenti molto differenti e in buona fede, senza poter prevedere una cosa del genere. E’ chiaro che probabilmente dovranno essere ridiscussi. Al momento, il campionato prevede tre settimane di pausa a luglio: se le condizioni lo consentissero, in quel periodo si potrebbero fare un paio di GP. Il campionato sarà più compattato, si potrà correre anche a dicembre in alcuni circuiti: credo ci sia la possibilità teorica di disputare 17 o 18 GP, come avveniva fino a qualche anno fa, cercando di mantenere gli impegni con le TV, gli sponsor. Ma questo in linea teorica: nessuno può dire quando la situazione tornerà alla normalità".

Prossimo Articolo
Dovizioso: "Finale pesante, puoi stra-vincere o andare in crisi"

Articolo precedente

Dovizioso: "Finale pesante, puoi stra-vincere o andare in crisi"

Prossimo Articolo

Ecco perché Honda e Alex Marquez sono stati costretti ad unirsi

Ecco perché Honda e Alex Marquez sono stati costretti ad unirsi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Team Ducati Team Acquista adesso
Autore Germán Garcia Casanova