Che sfortuna Crutchlow: si infortuna ginocchio e tibia cadendo dalla bici!

Il pilota della Honda LCR, Cal Crutchlow, ha rivelato di essersi procurato un infortunio al ginocchio ed alla tibia, cadendo dalla sua bici mentre si allenava in vista della gara del Sachsenring.

Che sfortuna Crutchlow: si infortuna ginocchio e tibia cadendo dalla bici!

Crutchlow si è fermato per regolare l'altezza del sellino, ha perso l'equilibrio ed è caduto, colpendo il suolo con il ginocchio.

L'inglese aveva già subito un grave infortunio alla gamba destra lo scorso anno, fratturandosi la caviglia in un incidente avvenuto a Phillip Island, che lo aveva costretto a rinunciare a tutto il resto della stagione.

Ma anche se è riuscito ad evitare una ripetizione di quell'infortunio, l'impatto ha provocato una frattura nella tiba di Crutchlow e il britannico è preoccupato per la sua idoneità per il weekend del Sachsenring.

"Purtroppo ho un infortunio, ho un brutto infortunio al ginocchio. E' successo ieri ad Assen" ha detto Crutchlow.

"Stavo tornando a casa e sono sceso dalla bicicletta per controllare l'altezza della sella. Non mi sentivo a mio agio, quindi mi sono fermato su una strada ciottolata".

"Mi sono chinato per guardare la sella e mi è scivolato il piede su un ciottolo, quindi ho sbattuto il ginocchio a terra davvero forte".

"Mi sono rotto la parte superiore della tibia e sembra che il legamento crociato anteriore sia completamente spezzato".

"Non sono in grande forma, quindi non so se potrò guidare domani. Vedremo, questa è la situazione allo stato attuale".

Crutchlow ha detto di essere stato in ospedale in Lichtenstein giovedì mattina, dove gli è stato drenato il liquido dal ginocchio.

Questo gli ha permesso di trovare un po' di mobilità, ma il pilota della Honda LCR ha ammesso di non sapere se domani sarà in grado di piegare la gamba o meno.

"Ho intenzione di provare a guidare e di essere il più veloce possibile, cercando di fare un buon fine settimana" ha detto.

"Ironia della sorte, alcune delle mie gare migliori le ho disputate da infortunato, quindi sto cercando di pensare agli aspetti positivi".

"Il problema è che qui le curve a destra sono più strette rispetto a quelle a sinistra, quindi devi piegare molto la gamba. Vedrò domani, alla fine non posso dire nulla a riguardo".

"E' successo e questa è la situazione, non sarà una scusa per andare veloce o meno questo fine settimana. Cercherò comunque di ottenere il massimo".

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Photo by: Miquel Liso

Anche Nakagami e di due Espargaro non sono al top

Crutchlow non è il solo pilota che arriva in condizioni precarie al GP di Germania. Lo stesso discorso vale anche per i due fratelli Espargaro e per Takaaki Nakagami.

Pol Espargaro si è fatto male ad un polso nei test di Barcellona e non ha avuto abbastanza tempo per guarire, soprattutto perché ha disputato la gara di Assen lo scorso fine settimana.

"Ora mi sento un po' meglio rispetto a come ho finito ad Assen, ma il problema è che un infortunio ha bisogno di tempo per recuperare" ha detto il pilota della KTM.

"Ho bisogno di tempo e penso che il avrei anche bisogno di riposare. Non so come andrà questo weekend, ma temo che sarà doloroso come ad Assen. Spero che lo sia almeno un pochino meno".

Il compagno di squadra di Crutchlow, il giapponese Takaaki Nakagami è stato vittima di un brutto incidente causato da Valentino Rossi ad Assen ed è arrivato al Sachsenring con la caviglia sinistra fasciata.

"Non sono nelle migliori condizioni, ma sono fortunato perché è stato un incidente molto brutto" ha spiegato Nakagami.

"Non è un infortunio grave, non ho nessun osso rotto, quindi questa è la cosa buona. Ovviamente c'è ancora abbastanza dolore, non solo al piede sinistro. Tutto il corpo è abbastanza indolenzito".

Aleix Espargaro ha riportato invece due fratture alla gamba sinistra ed un danno ad un legamento nell'incidente di cui era stato sfortunato protagonista con il collaudatore Bradley Smith a Barcellona.

"Il legamento non è una cosa facile" ha detto al suo arrivo al Sachsenring. Non sono preoccupato per la frattura del femore e della tibia, ma anche il legamento è un qualcosa che richiede solo tempo.

"Si dovrebbe stare un mese a riposo, ma io non posso. Ogni volta si forma del liquido nel mio ginocchio e lo abbiamo già rimosso un paio di volte. La pausa sarà davvero super positiva per il mio ginocchio".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont e Juliane Ziegengeist

condivisioni
commenti
Rossi: "L'importante è ritrovare il feeling con la moto e stare più avanti possibile"

Articolo precedente

Rossi: "L'importante è ritrovare il feeling con la moto e stare più avanti possibile"

Prossimo Articolo

Petrucci: "Il rinnovo? Non prenderò tanto, ma volevo una moto competitiva"

Petrucci: "Il rinnovo? Non prenderò tanto, ma volevo una moto competitiva"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021