Caso Yamaha: pagano il costruttore e i team, piloti graziati

La Casa di Iwata è stata punita per una modifica tecnica non autorizzata in occasione della gara di Jerez, perdendo 50 punti nel Costruttori, il doppio dei 25 raccolti nel GP di Spagna. Tolti i punti anche al team ufficiale e a Petronas, mentre rimagono quelli raccolti dai piloti.

Caso Yamaha: pagano il costruttore e i team, piloti graziati

La corsa al titolo della MotoGP rimane apertissima, perché alla fine a pagare sarà solamente la Yamaha e non i suoi piloti per un'irregolarità riscontrata in occasione del Gran Premio di Spagna, che ha aperto la stagione a Jerez de la Frontera.

La Casa di Iwata è stata giudicata colpevole dal collegio dei commissari della FIM di non aver rispettato il protocollo che richiede l'approvazione unanime da parte della MSMS (l'Associzione dei Costruttori) per le modifiche tecniche, in quanto nella prima tappa andalusa i propulsori delle M1 montavano delle valvole differenti da quelle presenti nel motore "campione" che era stato omologato.

Per questo è stata usata la mano pesante con la Yamaha nella classifica costruttori, perché le stato portato via il doppio dei punti raccolti a Jerez de la Frontera, quindi 50. In quell'occasione infatti la vittoria ottenuta da Fabio Quartararo ne aveva fruttati 25. Una penalità che fa scivolare la Casa dei tre diapason dal primo al terzo posto in classifica.

Leggi anche:

Pagano però anche le squadre, perché alla Monster Energy Yamaha MotoGP sono stati decurtati i 20 punti ottenuti da Maverick Vinales, mentre la Petronas Yamaha SRT se ne vede portare via addirittura 37, frutto della vittoria di Quartararo, ma anche del quinto posto di Franco Morbidelli.

E qui va notato che nella comunicazione dei commissari c'è un'imprecisione, perché in realtà i punti conquistati dalla squadra in quella occasione erano 36. Il 37esimo è quello di Franco Morbidelli in occasione del GP di Stiria, ma la cosa non era specificata nella comunicazione.

C'è da scommettere però che questa sentenza sia destinata a creare polemiche all'interno del paddock perché, pur riconoscendo un comportamento illecito, i piloti ne sono usciti indenni e quindi ancora tutti saldamente in corsa per il titolo, con Quartararo che resta a -14 dal leader Joan Mir, Vinales a -19 e Morbidelli a -25.

Tra le altre cose, bisogna ricordare che proprio in seguito alle due gare di Jerez, nelle quali aveva accusato ben tre rotture, la Yamaha aveva chiesto di poter aprire i motori per sostituire le valvole, dicendo che si trattava di una partita fallata.

La MSMA le aveva quindi chiesto di produrre un documento del fornitore che attestasse il difetto di produzione, ma a quel punto i giapponesi ritirarono la loro domanda. E a questo punto viene da domandarsi se anche in quel caso non ci fosse già una correlazione con il caso scoppiato alla vigilia del Gran Premio d'Europa.

condivisioni
commenti
Mir: "L'unico ordine è evitare di fare cose stupide"

Articolo precedente

Mir: "L'unico ordine è evitare di fare cose stupide"

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Partiamo carichi, ma senza raccontarcela"

Dovizioso: "Partiamo carichi, ma senza raccontarcela"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Europa
Team Yamaha Factory Racing , Petronas Yamaha SRT
Autore Matteo Nugnes
Marc Marquez avrà bisogno anche di una Honda migliore Prime

Marc Marquez avrà bisogno anche di una Honda migliore

L'otto volte campione del mondo è già alle prese con un recupero non semplice dopo tre operazioni e nove mesi di stop, ma dovrà fare anche i conti con una Honda che nelle prime tre uscite stagionali è stata l'anello debole della griglia di partenza della MotoGP.

Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio? Prime

Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio?

Dopo il suo clamoroso ritorno in MotoGP con un settimo posto in Portogallo, Marc Marquez ora deve lavorare per ritrovare la sua forma migliore prima di rivolgere la sua attenzione ad obiettivi basati sui risultati.

MotoGP
21 apr 2021
Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

MotoGP
20 apr 2021
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP
19 apr 2021
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021