Caso Silverstone, Michelin ammette: "Più usura del previsto in gara"

Piero Taramasso ha rivelato le prime conclusioni delle indagini sulle gomme che hanno fatto discutere a Silverstone: il responsabile della Michelin in MotoGP ha spiegato che in generale in gara c'è stata un'usura più elevata e più veloce del previsto, che per alcuni piloti è risultata in un crollo delle performance. Ora però l'azienda francese continuerà l'indagine per arrivare alle cause di quanto accaduto.

Caso Silverstone, Michelin ammette: "Più usura del previsto in gara"

Le gomme sono state uno dei temi caldi del Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGP. Dopo la corsa, diversi piloti hanno puntato il dito verso le coperture, indicandole come la causa della loro debacle. Su tutte, hanno fatto scalpore quelle accusate da Joan Mir e Pecco Bagnaia, che hanno perso grip al posteriore e posizioni, mentre il loro rivale nella corsa al titolo si involava verso la quinta vittoria stagionale e probabilmente allungava anche le mani sul titolo.

Ma anche Valentino Rossi, che probabilmente stava vivendo il miglior weekend di un difficilissimo 2021, in gara ha dovuto fare i conti con un crollo verticale, che lo ha portato dall'ottavo posto in griglia a chiudere addirittura in 18esima posizione. La Michelin quindi non ha perso tempo ed ha cercato di dare subito una spiegazione a quanto accaduto sul tracciato britannico, con il responsabile Piero Taramasso che ha ammesso che effettivamente in gara è successo qualcosa di inatteso, che ha dato vita a queste situazioni problematiche.

"Non mi piace parlare a caldo, perché è una cosa che spesso ti porta fuori strada. Ora è solo un giorno che siamo rientrati alla base, ma in generale abbiamo notato un valore di usura più elevato alla domenica rispetto al resto del weekend, sia per gli pneumatici anteriori che per quelli posteriori. Ed è questo che ha provocato il calo delle performance delle gomme. Noi lo avevamo stimato a partire dal decimo giro e in effetti è arrivato molto prima, perché certi piloti lo hanno accusato dopo cinque o sei giri", ha spiegato Taramasso.

"Silverstone è un circuito che sollecita parecchio le gomme e la costanza di rendimento è sempre stata una delle difficoltà da affrontare su quel circuito. Erano due anni che non andavamo su questa pista e ci siamo tornati con la nuova carcassa introdotta l'anno scorso, che non avevamo ancora avuto modo di provare lì. Questa usura, che in certi casi è stata anche un po' irregolare, l'abbiamo riscontrata con certi piloti e con altri no. Non è legata al tipo di moto, perché i sei costruttori erano tutti presenti nelle prime sei posizioni", ha aggiunto.

Leggi anche:

Taramasso si è impegnato anche a dire che l'azienda francese farà tutto il possibile per cercare di prevedere maggiormente situazioni di questo tipo, aggiungendo che ovviamente ora l'indagine sui motivi di quanto accaduto andrà avanti per cercare di dare delle risposte oggettive ai piloti.

"E' evidente che dobbiamo migliorare sull'aspetto di prevedere cosa può succedere in corsa se magari cambia la temperatura, se il ritmo è più veloce o più lento o se si cambia una mescola all'ultimo minuto sulla griglia. Dobbiamo lavorare meglio soprattutto in FP4, con il pieno di benzina, e fare più giri possibile consecutivi. Sappiamo che non è facile, perché il timing è sempre serrato, ma abbiamo delle idee per migliorare questo aspetto ed evitare di fare delle scelte sbagliate".

"Queste sono le prime valutazioni che abbiamo potuto fare, ma continueremo ad indagare per capire quali possano essere le cause che hanno portato a questa situazione. Ci sono tantissime cose che possiamo controllare, inoltre i team ci aiutano tanto perché ci mettono a dispozione anche i loro dati. Quando avremo un'idea più chiara, potremo dare delle risposte ai piloti che ci chiedono spiegazioni, ma vogliamo farlo fornendogli dei dati oggettivi".

Infine, ha voluto chiarire anche alcune questioni che erano state tirate in ballo nel post-gare, come possibili favoritismi verso alcuni piloti o una riduzione del budget messo a disposizione da Michelin. Voci che Taramasso ha voluto smentire con fermezza.

"Quando succedono queste cose si scatenano sempre tante fantasie nel paddock, tipo quella che a Quartararo queste cose non succedono mai perché è francese, e le sue gomme vanno sempre bene. Ma è impossibile favorire un pilota o sfavorirne un'altro, perché da diverse stagioni c'è una sorta di lotteria e le gomme vengono attribuite in maniera casuale ai piloti".

"Ho sentito dire anche che c'è stata una diminuzione di budget da parte di Michelin, ma anche questo è sbagliatissimo, perché fortunatamente la nostra società ha gestito molto bene la crisi del COVID ed è in salute, la gestione è stata esemplare. Non abbiamo avuto alcun calo di budget e, anzi, abbiamo a disposizione tutte le tecnologie per provare a capire cosa stia provocando tutti questi cambiamenti repentini e tornare a vedere delle belle gare, senza le lamentele dei piloti", ha concluso.

condivisioni
commenti
Morbidelli mette alla prova il ginocchio su una R1 a Misano

Articolo precedente

Morbidelli mette alla prova il ginocchio su una R1 a Misano

Prossimo Articolo

Yamaha separa Morbidelli e Forcada: Ramon resta in SRT con Dovizioso

Yamaha separa Morbidelli e Forcada: Ramon resta in SRT con Dovizioso
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021