Brivio: "Per Suzuki questo titolo MotoGP è stato uno shock"

Dopo che Joan Mir è stato incoronato campione del mondo di MotoGP a Valencia, il team manager della Suzuki Davide Brivio era letteralmente euforico.

Brivio: "Per Suzuki questo titolo MotoGP è stato uno shock"

In questa chiacchierata, il manager italiano ha ripercorso i momenti chiave di una stagione completamente atipica, nella quale un ragazzi di 23 anni e con soli due anni d'esperienza nella categoria, ha riportato al titolo la Casa di Hamamatsu dopo 20 anni.

Quali sono stati i momenti salienti della stagione?
"Penso la costanza di Joan, la sua costanza. Se si guarda alle ultime dieci gare. Se si guarda alle ultime dieci gare, è salito sette volte sul podio".

E in termini di momenti?
"Il momento chiave è stato il primo podio, in Austria. Lì Joan si è liberato. Nella gara successiva (GP di Stiria) stava per vincere quando hanno esposto la bandiera rossa. Dopo quel primo podio è riuscito a mantenere quel livello di prestazioni e questo è difficile. Questa regolarità è che gli altri non hanno avuto".

Quali sono i principali punti di forza della Suzuki?
"Voglio pensare che sia il gruppo, che siamo coesi e che abbiamo voglia di lavorare e di crescere insieme. La squadra è composta da persone che provengono da esperienze molto diverse, ma che non hanno mai avuto la possibilità di lottare per vincere un Mondiale. Ecco perché quello che stiamo vivendo è bestiale".

Che cosa di Mir ha attirato la tua attenzione?
"La sua tranquillità e la sua forza mentale, cosa che ci ha dimostrato ad Aragon e nella prima gara di Valencia. A Motorland è stato leader del campionato per la prima volta, ma sulla griglia era 12esimo. E correva con l'unico pensiero di raggiungere il podio. E poi, a Valencia, è andato a vincere senza pensare al campionato".

Quando avete firmato il rinnovo, immaginavi di poter arrivare a questo punto?
"Che quest'anno sarebbe stato campione, no. Joan è arrivato alla Suzuki nel 2019, e nell'aprile dello stesso anno abbiamo avuto un incontro in Giappone per iniziare a pianificare quali piloti avremmo avuto nel 2021 e nel 2022. Ma anche allora abbiamo concluso che avevamo una coppia di piloti molto forte e che volevamo continuare con loro. Non ci sono mai stati dubbi su questo. Ovviamente abbiamo parlato con i manager di altri piloti, ma più perché ce l'hanno chiesto loro che perché l'abbiamo fatto noi".

 

Come pensi di disinnescare le tentazioni che potrebbe avere da altri marchi?
"Dopo il 2022 non so cosa succederà. Ovviamente Joan diventa uno dei piloti più desiderabili della griglia di partenza, ma il matrimonio è una strada a doppio senso. Suzuki credeva in lui in quel momento e ora faremo tutto il possibile per assicurarci che non voglia andarsene. Dovremo dargli una moto che gli permetta di mostrare il suo livello. Se lo facciamo, credo che il nostro accordo durerà. Non ci preoccupiamo di inserire clausule per trattenere chiunque non voglia stare in Suzuki, anche se ovviamente siamo consapevoli che riceverà offerte da altre Case".

In che modo la Suzuki è diversa dalla Yamaha o dalla Honda?
"Suzuki è un'azienda molto grande, ma con un budget molto limitato per le corse. C'è un limite a quando denaro si può investire in questo progetto, ma questo ci ha portato ad essere più abili a sfruttare al meglio ogni singolo centesimo. Questo si ottiene attraverso una pianificazione che va avanti da anni. Ogni stagione cerchiamo di raffozzarci, con persone provenienti da esperienze diverse. Sono aria fresca. Allo stesso tempo, preferiamo anche aiutare i nostri piloti a crescere piuttosto che andare a cercarli altrove, che tra l'altro è più costoso. Circa quattro anno, nel 2017 o nel 2018, abbiamo previsto un ricambio generazionale. Oltre a Valentino, che correrà per sempre (ride), c'erano Pedrosa, Lorenzo, Dovizioso e Crutchlow, che dal 2022 o 2023 non avrebbero più corso. Si stava preparando un nuovo lotto di piloti, tra i quali volevamo avere due dei più veloci. E credo che avessimo ragione. La nostra strategia ha funzionato".

Questo è il primo titolo iridato della Suzuki in 20 anni, cosa significa per il marchio?
"Non so quale sarà la reazione di Suzuki a questo titolo, ma lo interpreto come uno shock, in modo positivo. Parlo dell'azienda, del management, dei distributori e così via. Spero che questo titolo incoraggi ancora di più a sostenere il progetto MotoGP. Dovete tenere presente che siamo l'unico costruttore che funziona senza uno sponsor. Con questo titolo, restituiamo a Suzuki parte dello sforzo che hanno fatto".

In che modo questo titolo influenzerà i vostri piani per mettere in pista una squadra satellite nel 2022?
"Ne stiamo discutendo da tempo con la direzione della Suzuki e le discussioni si intensificheranno d'ora in poi. Vedremo come la vedono loro, perché chissà, forse ora mi diranno che non abbiamo bisogno di una squadra satellite perché abbiamo già vinto anche senza (ride). L'idea è che la decisione finale sarà presa verso febbraio o marzo del prossimo, altrimenti il tempo non sarà dalla nostra parte".

Equipo Suzuki MotoGP celebran

Equipo Suzuki MotoGP celebran
1/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Franco Franco Uncini, Oficial de Seguridad del Gran Premio de la FIM

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Franco Franco Uncini, Oficial de Seguridad del Gran Premio de la FIM
2/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La Leyenda de MotoGP Franco Uncini felicita a Joan Mir, del Equipo Suzuki de MotoGP

La Leyenda de MotoGP Franco Uncini felicita a Joan Mir, del Equipo Suzuki de MotoGP
23/55

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP siendo felicitado por Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP siendo felicitado por Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
24/55

Foto di: MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
25/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
26/55

Foto di: MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
27/55

Foto di: MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
28/55

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
29/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
30/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
31/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
32/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
33/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
34/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
35/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
36/55

Foto di: Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
37/55

Foto di: Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
38/55

Foto di: Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
39/55

Foto di: Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
40/55

Foto di: Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
41/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
42/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki
43/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
44/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
45/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
46/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
47/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
48/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
49/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
50/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
51/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
52/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP

Campeón Mundial 2020: Joan Mir, Equipo Suzuki MotoGP
53/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
54/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
55/55

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mir, un campione del mondo MotoGP atipico

Articolo precedente

Mir, un campione del mondo MotoGP atipico

Prossimo Articolo

Report MotoGP: Mir apre una nuova era con Suzuki

Report MotoGP: Mir apre una nuova era con Suzuki
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Valencia
Location Valencia
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Oriol Puigdemont
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021