Brivio: "La MotoGP dà troppa importanza ai commissari"

Davide Brivio, team manager della Suzuki in MotoGP, vede la necessità di limitare l'impatto dell'interpretazione dei commissari su un argomento su cui "l'arbitro dovrebbe intervenire difficilmente".

Brivio: "La MotoGP dà troppa importanza ai commissari"

Domenica, il manager italiano si è goduto la grande prova di Joan Mir nell'ultimo giro del Gran Premio di San Marino, con un sorpasso geniale che gli ha permesso di soffiare il podio a Valentino Rossi. E' stato un buon modo per scaricare la rabbia del round precedente, al Red Bull Ring, dove il maiorchino aveva subito due brutti schiaffoni.

Da un lato, la bandiera rossa causata dall'incidente di Maverick Vinales gli ha impedito di conquistare la sua prima vittoria (al momento dell'interruzione aveva un margine di 2"5 sul secondo). E poco dopo, l'interpretazione dei commissari sui track limits ha lasciato impunito Pol Espargaro, che quindi ha chiuso terzo proprio davanti a Mir.

Il pilota della KTM aveva dato per scontato che sarebbe stato penalizzato per la manovra all'ultima curva, al punto che invece di andare al parco chiuso si era riportato direttamente al suo box, salvo poi essere ricondotto alla celebrazione del podio.

Per tutti questi motivi, Brivio ritiene indispensabile un ripensamento generale del regolamento, e soprattutto della rilevanza che le interpretazioni dei commissari sportivi stanno acquisendo ultimamente.

Leggi anche:

"Penso che si dia troppa importanza ai commissari in una disciplina in cui difficilmente dovrebbero essere coinvolti. Non si tratta di calcio o di basket, che hanno bisogno di un arbitro per giudicare se un'azione sia fallosa o meno. Sono gare in cui chi arriva per primo al traguardo vince" ha detto Brivio in una conversazione telefonica con Motorsport.com.

"Per come la vedo io, l'intervento dei commissari dovrebbe essere ridotto il più possibile, e questo si ottiene con regole più precise. Il controllo è necessario, ma quello che succede oggi condiziona troppo i risultati" ha aggiunto.

Brivio basa la sua argomentazione su un esempio che recentemente è stato sulla bocca di tutti: la regola riguardante i limiti della pista e l'area esterna ad essa, dipinta di verde.

Secondo il regolamento, non è consentito passare sul verde. Durante le prove, a chiunque lo faccia viene annullato il giro. Se invece accade in gara, c'è un avvertimento e la penalità arriva dopo il quinto passaggio. Se invece questo accade all'ultimo giro, scatta direttamente la penalità, anche se il pilota non era mai passato sul verde in precedenza.

Nel Gran Premio di Stiria, Espargaro è andato lungo all'ultima curva mentre era in lotta per la vittoria con Jack Miller. Il panel guidato da Freddie Spencer ha ritenuto che il pilota della KTM avesse già pagato abbastanza arretrando dal primo al terzo posto.

La Suzuki, che ha presentato anche una protesta, non la pensava allo stesso modo perché, secondo la Casa giapponese, se ci fosse stata la ghiaia o l'erba al posto del cemento, "Polyccio" avrebbe perso molto tempo rispetto a Mir, che gli avrevve soffiato anche la terza posizione.

"Alcune regole dipendono troppo dall'interpretazione dei commissari. E quando accade ciò, si apre la porta a giudizi soggettivi. La Direzione Gara dice che la regola è chiara, e che non si può andare sul verde se il pilota che lo fa 'ne trae un chiaro vantaggio'. Ma naturalmente, la mia interpretazione di ciò che è un chiaro vantaggio può essere diversa dalla loro" ha specificato il manager della Suzuki.

"Si scopre poi che si possono superare i limiti della pista fino a quattro volte prima di essere penalizzati. Quindi i piloti rischiano più del dovuto, perché sanno che possono andare lunghi quattro volte senza che gli succeda nulla. Il principio di questo sport è che le moto devono rimanere sulla pista" ha detto il team manager della Casa di Hamamatsu.

Davide Brivio, director de Suzuki MotoGP
Davide Brivio, director de Suzuki MotoGP
1/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, Team Suzuki MotoGP
Davide Brivio, Team Suzuki MotoGP
2/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: segundo lugar Francesco Bagnaia, Pramac Racing ganador Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT y tercer lugar Joan Mir, Team Suzuki
Podio: segundo lugar Francesco Bagnaia, Pramac Racing ganador Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT y tercer lugar Joan Mir, Team Suzuki
3/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: ganador de la carrera Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, segundo lugar Francesco Bagnaia, Pramac Racing, tercer lugar, tercer lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Podio: ganador de la carrera Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, segundo lugar Francesco Bagnaia, Pramac Racing, tercer lugar, tercer lugar Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
24/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
25/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
26/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
27/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
29/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
30/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
31/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
32/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
33/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
34/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
35/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
36/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
37/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
38/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
39/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
40/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
41/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
42/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, 1st lap
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, 1st lap
43/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP leads start
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP leads start
44/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP en la resalida
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP en la resalida
45/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
46/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
47/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
48/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
49/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
50/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
51/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
52/52

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Morbidelli e Bagnaia, il futuro è "azzurro"

Articolo precedente

Report MotoGP: Morbidelli e Bagnaia, il futuro è "azzurro"

Prossimo Articolo

Forcada: "Morbidelli ha usato Quartararo come stimolo"

Forcada: "Morbidelli ha usato Quartararo come stimolo"
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021