Bastianini: "Petrucci dorme da inizio stagione, deve stare calmo"

Enea Bastianini chiude il Gran Premio di Germania in sedicesima posizione, condizionato da una penalità inflittagli dopo l'episodio che lo ha visto protagonista in qualifica con Danilo Petrucci e per cui si portano gli strascichi. Il rookie invoca una maggiore calma da parte del connazionale della KTM.

Bastianini: "Petrucci dorme da inizio stagione, deve stare calmo"

Ancora una volta Enea Bastianini non riesce a raccogliere i frutti del lavoro svolto e in Germania non è andato oltre la 16esima posizione finale. Al Sachsenring il pilota del team Avintia Esponsorama ha faticato e anche i risultati si sono fatti desiderare. Qualche difficoltà nella gestione della moto in curva e una posizione di partenza non ideale sono stati un mix per una gara non all’altezza delle sue aspettative.

“Non è andata come avrei voluto e sono un po’ triste per questo – esordisce Bastianini parlando della sua gara – perché non ho preso nemmeno un punto. Ho sofferto per tutto il weekend  e faticavo molto in curva dove bisognava stare tanto in piega. Mi dispiace perché nel resto della pista ero veloce, quindi c’è da capire il motivo e ora guarderemo i dati. Sarà fondamentale, però oggi è andata così”.

Un po’ deluso dal risultato finale, il rookie in MotoGP è stato anche condizionato da una penalità inflittagli dalla Direzione Gara nella giornata di sabato per l’episodio che lo ha visto protagonista insieme a Danilo Petrucci. Un’incompresione durante la Q1 ha portato il campione Moto2 in carica ad intralciare involontariamente il ternano della KTM Tech 3, che ha reagito platealmente mostrando il suo enorme nervosismo e la Direzione Gara ha deciso di comminare a Bastianini tre posizioni in meno sulla griglia di partenza.

Leggi anche:

Una sanzione che Enea non ha accettato proprio di buon grado, avendo anche da ridire sulla reazione di Petrucci, a suo dire esagerata: “Ci sono rimasto male perché non ho fatto niente. Alla fine io ero entrato, stavo facendo il giro, ho perso il posteriore e ho visto che dietro c’erano Lecuona e Binder. Li ho fatti passare. Io non volevo danneggiare nessuno e non penso nemmeno di averlo danneggiato tanto. Tra l’altro la sua è stata una reazione esagerata, credo che lui debba ritrovare un po’ di serenità. Dice che io ho dormito, ma mi sa che lui sta dormendo da inizio stagione”.

Bastianini rincara la dose e muove delle critiche anche alla Direzione Gara, che secondo lui ha dato più peso all’episodio del Q1 che non a quanto successo nel Q2: “Penso che più che in Q1 dove sono stato penalizzato io, era da rivedere la Q2. Lì si sono fermati tutti ad aspettarsi. È vero che il regolamento non prevede niente per la MotoGP, però secondo me è stato molto più brutto da vedere quello che ciò che ho fatto io. Evidentemente però c’è chi non la pensa come me”.

Chiaramente la penalità ha condizionato, anche se in parte, la gara di Bastianini, costretto ad una rimonta difficile su una pista tortuosa e dove la sua Ducati ha faticato: “Un po’ ha influito, anche perché c’è da capire perché io parto bene ma quando metto la seconda finisco indietro. Sarebbe stato importante essere più avanti perché magari riuscivo a prendere il passo di quelli davanti. Spinnavo tantissimo, quindi la gara è stata particolarmente dura. Peccato, perché forse senza un T2 così sarei potuto essere più avanti”.

Inevitabile poi parlare di Marc Marquez, tornato al successo sulla ‘sua’ pista. Il pilota Avintia Esponsorama però non si dice totalmente sorpreso dal risultato del pluricampione del mondo: “Me lo aspettavo perché Marc qui sembrava più cattivo. Sicuramente mi aspettavo il podio, non pensavo fosse ancora pronto per la vittoria, ma evidentemente lo era”.

Una volta archiviato il Gran Premio di Germania, la MotoGP vola ad Assen, teatro del GP d’Olanda, uno degli appuntamento più attesi da Bastianini: “Assen è una delle mie piste preferite, se non la mia preferita, a me piace moltissimo. Quindi mi piacerebbe fare un bel risultato. Ci tengo molto”.

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
1/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
2/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
3/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
4/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
5/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
6/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
7/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
8/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
9/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
10/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
11/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
12/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
13/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
14/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
15/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
16/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
17/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
18/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
19/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
20/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
21/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
22/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
23/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
24/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Petrucci furioso con Lecuona: “Manovra stupida, fa sempre così”

Articolo precedente

Petrucci furioso con Lecuona: “Manovra stupida, fa sempre così”

Prossimo Articolo

Petronas non interferirà nel rapporto Raul Fernandez-KTM

Petronas non interferirà nel rapporto Raul Fernandez-KTM
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021