Bastianini: “Avrei finito davanti a Miller se fossi partito meglio”

Enea Bastianini ha chiuso il Gran Premio del Qatar in decima posizione, riuscendo a gestire bene le gomme e girando su tempi buoni. Il pilota Esponsorama inoltre afferma che se fosse stato autore di una partenza migliore, avrebbe chiuso la gara davanti a Jack Miller, portacolori Ducati ufficiale.

Bastianini: “Avrei finito davanti a Miller se fossi partito meglio”

Il debutto in MotoGP inizia alla grande per Enea Bastianini, che dopo aver sfiorato la Q2 per soli 5 millesimi in qualifica, in gara ha mostrato un enorme potenziale riuscendo ad agguantare la top 10. Il pilota del team Esponsorama ha chiuso il Gran Premio del Qatar con una splendida decima posizione, a 9 secondi dal vincitore Maverick Vinales.

Un risultato decisamente buono per il campione Moto2 in carica, che a Losail è stato il miglior rookie della griglia e ha tagliato il traguardo anche davanti ai più esperti e favoriti (Valentino Rossi e Franco Morbidelli fra tutti). Chiave è stata la strategia, conservativa all’inizio per poi diventare più aggressivo nel finale, dove infatti ha mostrato un gran passo, girando sui tempi dei primi. L’unica pecca è stata la partenza, che ritiene lo abbia penalizzato anche nel risultato finale. Bastianini afferma infatti che se fosse partito meglio, sarebbe riuscito a chiudere la gara anche davanti a Jack Miller.

Cosa hai imparato oggi e cosa ti ha sorpreso di più della tua prima gara?
“Ho imparato molto, perché la partenza è stata così così. In partenza non sono riuscito a mettere l’abbassatore, lo avevo dimenticato prima di arrivare e quindi sono partito senza. Alla fine la moto era tarata per partire con l’abbassatore. I primi tre giri sono stati un disastro con la gomma nuova. È stato difficile, ma poi ho iniziato a fare dei tempi buoni e pian piano sono arrivato in decima posizione. Lì ho spinto ancora di più, ma negli ultimi sei giri il mio braccio era troppo stanco ed era impossibile raggiungere la settima posizione. Ho spinto tanto per recuperare il gap, ma sono andato oltre il limite fisico. Però mi sono divertito tanto”.

Generalmente i rookie faticano a gestire la gomma, tu invece hai fatto una buona strategia conservativa all’inizio per spingere alla fine. Ci avevi già pensato a questa strategia?
“Sì, ne avevamo parlato con i ragazzi del team, perché su questa pista bisogna essere veloci negli ultimi dieci giri. Ho prestato attenzione nei primi dieci giri per non spinnare troppo e poi, quando la gomma è calata un po’, ho iniziato a spinnare ed è rimasto costante fino alla fine. Questa è stata la chiave della gara per me”.

Quando al primo giro eri 19esimo, avresti immaginato di recuperare così tanto?
“Questa gara per me era un test e ho studiato i piloti, ho aspettato qualche giro per vedere cosa facessero gli altri ragazzi ed è stato buono per me. Con tanti piloti davanti è stato diverso per me rispetto alla qualifica, perché la moto non si ferma quando sei da solo, ma devi frenare prendendo il riferimento degli altri”.

 

Miller dice che dal 14esimo giro ha iniziato ad avere problemi con la gomma e scivolava a metà curva. Hai avuto lo stesso problema?
“Io no, perché il crollo della gomma è iniziato negli ultimi otto giri e poi è rimasto costante e non mi ha creato problemi. Ma Jack spinna tanto nei primi giri ed io no. Questo non credo sia buono in gara”.

Immaginavi di essere subito così protagonista o è un risultato al di là delle aspettative?
“La parte positiva di me sperava di entrare in top 10 e quindi ce l’ho fatta. La cosa che mi ha sorpreso è che sono arrivato con 9 secondi di svantaggio avendone persi 6 nei primi due giri, quindi credo che questo sia stato molto positivo. Soprattutto a metà gara abbiamo girato forte come i primi se non un po’ più forte. Quindi sono veramente contento. Alla fine non potevo spingere di più perché ero un po’ stanco, avevo dato tutto. Quindi ho fatto fatica ad andare ancora avanti, ho fatto un errorino alla Curva 6 verso la fine e quindi non sono riuscito ad andare a prendere la settima posizione”.

Raccontaci le emozioni di questa gara e l’essersi messo alle spalle tanti campioni...
“Beh, le emozioni sono indescrivibili, perché ne ho provati di così forti solo quando ho vinto il campionato, forse un po’ più forti quando ho vinto. Però è stato un altro tipo di emozione. In partenza ero molto tranquillo, sapevo che questa gara qui sarebbe stata come un test, volevo partire piano per capire come funzionasse la gara della MotoGP e soprattutto salvare le gomme. Questa cosa è venuta bene per la fine, abbiamo fatto un buon lavoro nei box, abbiamo trovato le mappe giuste. L’emozione è tanta e vediamo di continuare così”.

Se tu fossi partito un po’ meglio, pensi che saresti riuscito ad arrivare vicino a Jack?
“Voglio essere sincero, penso che gli sarei arrivato davanti. Ho mostrato un bel ritmo, se fossi partito più avanti, magari potevo ambire alla settima posizione, visto che gli sono arrivato molto vicino”.

Hai già individuato l’area di lavoro per la prossima settimana? Ti poni un obiettivo per la gara di domenica?
“Sicuramente devo lavorare sul time attack, che è una cosa che mi manca al momento. Non sono velocissimo sul giro secco, non conosco bene il limite di questa gomma e ovviamente devo fare delle linee molto diverse. Quindi mi piacerebbe riuscire a fare una qualifica migliore e gestire meglio la prima parte di gara, che non è andata troppo bene”.

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Un problema al sistema holeshot condanna Morbidelli

Articolo precedente

Un problema al sistema holeshot condanna Morbidelli

Prossimo Articolo

Miller: "Abbiamo 7 giorni per recuperare 7 secondi"

Miller: "Abbiamo 7 giorni per recuperare 7 secondi"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Sotto-evento Gara
Location Losail International Circuit
Piloti Enea Bastianini
Autore Lorenza D'Adderio
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021