Bagnaia: "Sono pronto a fare una rimonta come a Portimao"

Il weekend di Le Mans per ora è andato storto per il leader del Mondiale, che scatterà 16esimo con la sua Ducati. Tuttavia, Pecco è convinto di essere competitivo e di avere le carte in regola per rimontare, soprattutto se la gara dovesse essere sul bagnato. Con un "Flag to Flag" invece sarà una lotteria.

Bagnaia: "Sono pronto a fare una rimonta come a Portimao"

Le Mans era un po' cerchiata in rosso per Pecco Bagnaia. Tra basse temperature e pioggia, il pilota della Ducati sapeva che sarebbe stata una prova importante per lui, visto che in queste condizioni aveva faticato parecchio lo scorso anno.

Purtroppo, le cose per ora non sono andate meglio per il leader del Mondiale, che domani sarà costretto ad andare a schierare la sua Desmosedici GP sulla 16esima casella dello schieramento di partenza. Una delusione partita da lontano, da ieri, con una scivolata in FP2 che sommata alla pioggia della FP3 gli ha impedito di entrare direttamente in Q2.

Con le condizioni miste della Q1 poi probabilmente ha commesso anche un errore a livello di strategia, montando le gomme da bagnato soft invece che medie e quindi si è ritrovato eliminato, anche se l'obiettivo per domani sarà quello di provare a concedere il bis della grande rimonta di Portimao.

 

"A Portimao avevamo lavorato tutto il weekend sull'assetto della moto, mentre qui abbiamo fatto pochi giri sull'asciutto ed è veramente difficile tirare delle conclusioni. Sicuramente ci proverò, sono pronto a fare una gara del genere", ha detto Bagnaia.

Che poi si è soffermato proprio sulla sua strategia in Q1: "Probabilmente mi sarei dovuto fermare dopo i primi due o tre giri per montare due gomme medie, perché con le soft avevo già iniziato a fare un po' fatica. Purtroppo avevo scaldato troppo la gomma dietro e non accelerava più bene".

"Ho guardato velocemente i dati di Luca Marini: nel T1 gli avevo guadagnato quattro decimi, ma nel resto del giro ho perso rispetto a lui. Bisogna capire un po' anche questo fatto e cercherò di capire cosa ha fatto lui di diverso per non scaldare così le gomme. Ma pensando a come ero andato con le medie stamattina, probabilmente sarebbe stata la scelte più corretta".

Riguardo al meteo ballerino, il ducatista è convinto di poter fare meglio sul bagnato, anche se teme che sarà una gara da "Flag to Flag".

Leggi anche:

"Se devo dicidere, preferirei una gara o tutta asciutta o tutta bagnata, ma penso che sarà più facilmente una gara 'flag to flag'. Se guardiamo alle condizioni di oggi, era veramente difficile decifrare cosa diceva il tempo. In ogni caso penso che siamo più pronti sul bagnato che sull'asciutto, perché stamattina ho chiuso terzo nella FP3. Proverò a fare il possibile e vedremo come andrà".

Infine, ha risposto alla questione sollevata ieri da Marc Marquez, che ha detto di ritenere pericolosi gli holeshot device e che questi non aggiungono nulla allo spettacolo.

"Per me dice così perché il loro non funziona troppo bene. Più che altro, io non trovo che sia più pericoloso. Anzi, io credo che aumenti la sicurezza perché parti con una moto che impenna meno e si muove meno. E' un sistema che ti fa partire meglio e più in serenità, quindi è solo più sicuro".

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi: "Troppo conservativo dopo l'errore"

Articolo precedente

Rossi: "Troppo conservativo dopo l'errore"

Prossimo Articolo

Marquez: “Cerco la pioggia come i piloti in difficoltà”

Marquez: “Cerco la pioggia come i piloti in difficoltà”
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021