Bagnaia: "Parto 14esimo, ma ho un passo da top 6"

Nonostante una qualifica negativa, il pilota della Ducati Pramac non si arrende e spera di rimontare in una gara in cui la gestione gomme conterà parecchio.

Bagnaia: "Parto 14esimo, ma ho un passo da top 6"

Sarebbero bastati pochi millesimi a Pecco Bagnaia per staccare il pass della Q2 del Gran Premio di Catalogna. Il pilota del Pramac Racing però non è riuscito a sfruttare al meglio la sua Ducati nel T4 e si è ritrovato così eliminato al termine della Q1 e costretto a prendere il via dalla 14esima casella dello schieramento di partenza di Barcellona.

Una vera disdetta, visto che nella FP4 aveva mostrato un passo degno delle prime posizioni, anche se non tutto è perduto, perché per domani si prospetta una gara nella quale la gestione della gomma potrebbe avere una grande importanza, quindi ancora aperta a qualsiasi tipo di risultato.

"Oggi abbiamo fatto uno step importante, almeno a livello di passo gara. In qualifica purtroppo ho sbagliato più che altro io, perché non sono stato veloce nell'ultimo settore, altrimenti sarei riuscito a passare in Q2" ha detto Pecco.

"Stiamo lavorando per trovare una soluzione per il T4, perché è dove perdo di più anche rispetto alle altre Ducati. Se riusciamo a mettere a posto anche le ultime due curve, il passo migliorerà ancora" ha aggiunto.

Come detto, però, per domani può contare su un passo da top 6, ma rimontare riuscendo ad essere dolce sulle gomme non sarà per niente semplice.

"La cosa positiva di oggi è che il passo è buono, perché in FP4 riuscivo a girare sull'1'40"5-1'40"7 abbastanza facilmente, ma ovviamente partire 14esimo è dura. Sarà una gara un po' atipica, perché i tempi si alzeranno tantissimo: abbiamo le gomme sbagliate per questa situazione e quindi sarà difficile essere veloci e costanti per tutta la durata della gara. Potrebbe essere comunque una gara interessante, perché parto 14esimo, ma ho il ritmo per stare nei primi sei".

Leggi anche:

Riguardo alle gomme poche adatte alla temperatura, Bagnaia non ha voluto polemizzare con la Michelin, ma solo prendere atto di un dato di fatto.

"Michelin non ha colpe. Ha portato delle gomme per temperature più alte, invece siamo stati fregati: giovedì c'erano 28 gradi, invece oggi ce ne sono 20 e stamattina erano addirittura 12. Purtroppo Michelin ha scelto le gomme in funzione delle condizioni che ci saremmo aspettati, ma sono diverse e quindi non sarà semplice".

La seconda parte di gara, dunque, rischia di essere un po' una grande incognita per tutti.

"Sono a posto per i primi 15 giri, mentre la seconda parte di gara sarà un po' un dubbio per tutti, perché è una situazione che non abbiamo provato e su questa pista le gomme si mangiano proprio tanto".

"Se le condizioni dovessero essere come oggi, sarà una gara difficile da questo punto di vista, a maggior ragione perché partendo 14esimo dovrò cercare di recuperare all'inizio, ma senza stressare troppo le gomme".

Un aiuto però gli potrebbe arrivare dal poderoso motore della Desmosedici GP, soprattutto su una pista con un rettilineo così lungo e che offre anche una lunga accelerazione tra la partenza e la prima curva.

"Se domani riuscissi a mettermi subito nei primi otto sarebbe un gran vantaggio. Sarà difficile perché ormai tutti hanno il sistema di partenza, noi però di solito partiamo bene, quindi se riusciamo a non perdere questo vantaggio che abbiamo al via ci può dare un aiuto a non stressare troppo la gomma posteriore".

Riguardo al T4 invece può provare a carpire qualche segreto al compagno di box Jack Miller, che è proprio in quel tratto che ha costruito il passaggio alla Q2 ed il quarto posto in griglia.

"Jack è più veloce di tre decimi al T4, ma anche Zarco lo fa bene. Io fortunatamente faccio molto bene il T1 ed il T2, quindi riesco ad essere abbastanza allineato. Nelle staccate ora riesco a fermarmi bene, quindi devo capire cosa fare nelle ultime due curve perché è dove perdo di più".

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP, Barcellona: prima pole di Morbidelli, Rossi terzo!

Articolo precedente

MotoGP, Barcellona: prima pole di Morbidelli, Rossi terzo!

Prossimo Articolo

Dovizioso disperato: "Non riesco a frenare..."

Dovizioso disperato: "Non riesco a frenare..."
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021