Bagnaia: "Nel 2021 resto in Ducati, ma non so in che team"

Il pilota del Pramac Racing ha rivelato di essere stato confermato, ma di non aver ancora firmato proprio perché non sa ancora in quale squadra sarà.

Bagnaia: "Nel 2021 resto in Ducati, ma non so in che team"

Il podio era lì, a pochi giri di distanza, e Pecco Bagnaia se lo sarebbe anche meritato nella seconda gara di Jerez de la Frontera. Poi la sua Ducati ha iniziato a fumare e il ritiro è stato inevitabile. Una grande delusione, che però almeno ha convinto gli uomini di Borgo Panigale a continuare a scommettere su di lui anche il prossimo anno.

L'ex campione del mondo di Moto2, infatti, ha confermato alla vigilia del weekend di Brno che sarà un pilota della Rossa anche nel 2021, anche se la cosa non è stata ancora messa nero su bianco, perché non si sa ancora se sarà nel team ufficiale o se sarà ancora in Pramac.

"Il mio obiettivo era di rimanere in Ducati, perché tre anni fa avevamo fatto una scommessa insieme e io volevo fare il mio debutto in MotoGP con la Ducati. Non ho ancora firmato un contratto, ma sono contento perché so che resterò con loro anche nel 2021, anche se non so ancora in quale squadra" ha detto Bagnaia.

Quando gli è stato chiesto se quindi pensa di giocarsi il Factory Team con Andrea Dovizioso nelle prossime tre gare, ha aggiunto: "Al momento sto cercando di essere veloce e costante. Bisognerà continuare come abbiamo fatto a Jerez e vedere cosa succederà. L'importante è riuscire comunque ad essere una delle Ducati più veloci, se non la più veloce. Questo è l'obiettivo principale".

Leggi anche:

Facendo un passo indietro a Jerez, non ha nascosto che la frustrazione per aver mancato un podio che ormai sembrava acquisita è aumentata con il passare dei giorni.

"Dopo la gara non era per niente arrabbiato, c'era solo un po' di delusione. Ma con il passare dei giorni la situazione è peggiorata, perché ho pensato sempre di più che sarebbe stato bello salire sul podio. Ora però bisogna guardare avanti, perché siamo a Brno, su una pista che mi piace molto e su cui la Ducati dovrebbe essere molto performante, quindi penso che si possa fare bene qui".

Tra le altre cose, pur essendo quello con meno esperienza tra i piloti della Ducati, è diventato per tutti il riferimento per quanto riguarda la staccata.

"A Jerez ero quello più efficiente nella fase di frenata ed ingresso. Le piste non sono tutte uguali. Vedremo qua, dove comunque ci sono delle frenati importanti, nelle quali si può fare la differenza, quindi cercheremo di adeguare la stessa cosa anche a questo tracciato".

Riguardo alla rottura che lo ha fermato in Andalusia invece ha detto di preferire non avere troppi dettagli, pensando solamente a concentrarsi sulla guida.

"Non so cosa sia successo, ma è un qualcosa a cui io non devo pensare. Il mio lavoro è andare in moto, poi ci sono i tecnici per vedere queste cose. Ovviamente vorrei sapere se si tratta di un problema che potrebbe ricapitare o meno. Una volta che so quello, però, non ho neanche troppa voglia di approfondire il discorso. Ormai tanto è andata così".

Guarda il Gran Premio Monster Energy di Repubblica Ceca live su DAZN. Attiva ora

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/16

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/16

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/16

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il fumo esce dalla moto di Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Il fumo esce dalla moto di Francesco Bagnaia, Pramac Racing
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
14/16

Foto di: Pramac Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
15/16

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso: "So esattamente cosa voglio nel mio futuro"

Articolo precedente

Dovizioso: "So esattamente cosa voglio nel mio futuro"

Prossimo Articolo

Vinales: “Abbiamo una possibilità e dobbiamo spingere”

Vinales: “Abbiamo una possibilità e dobbiamo spingere”
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.