Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP Test di Settembre a Misano

Bagnaia: "La regola sulle pressioni non rende più sicura la MotoGP"

L'attuale leader del Mondiale MotoGP, Pecco Bagnaia, ritiene che le regole legate alla rilevazione della pressione degli pneumatici abbia finito per rendere il campionato più insicuro, con i piloti che rischiano molto di più di cadere.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Per chiudere una zona d'ombra nel regolamento sulla pressione degli pneumatici, dopo che lo scorso anno numerosi team sono stati scoperti a correre al di sotto del valore minimo raccomandato da Michelin, la MotoGP ha introdotto dei controlli più severi in materia per il 2023.

A partire dal GP di Gran Bretagna, la regola è stata resa ufficialmente obbligatoria: i piloti devono utilizzare la pressione minima anteriore e posteriore per almeno il 50% di un Gran Premio e il 30% di una Sprint.

La regola è stata introdotta come misura di sicurezza su consiglio della Michelin, anche se i piloti l'hanno criticata. Il motivo principale è che gli pneumatici anteriori perdono aderenza e prestazioni in frenata una volta superati i 2,0 bar di pressione.

Se da un lato questo è pericoloso di per sé, dall'altro ha fatto sì che i sorpassi siano diventati molto più difficili, cosa che ha anche spinti i piloti a cercare di recuperare terreno il prima possibile durante le gare per evitare qualsiasi problema di pressione, con il rischio di innescare incididenti nelle prime fasi di gara.

Questo è stato uno degli elementi che i piloti hanno accusato dopo il Gran Premio di San Marino della scorsa settimana di aver portato a due gare noiose sul circuito romagnolo.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"Per me questa regola non è sicura, perché si rischia di cadere molto di più", ha detto Bagnaia. "Quando sei dietro ad un pilota e vuoi fare un tentativo, devi rischiare molto".

"È molto facile perdere l'anteriore. E in condizioni come in una pista come Misano, dove si frena molto, la pressione anteriore può essere un limite davvero grande".

"Ma è quello che abbiamo. Quindi, dobbiamo capire meglio dove migliorare. Dobbiamo prevedere meglio cosa accadrà in gara, perché se sei davanti devi fare una cosa per la gara; se sei dietro, devi fare un'altra cosa".

"Quindi, cambia molto, ma questa regola non rende di certo più sicuro il nostro sport".

Sebbene l'obiettivo a lungo termine sia quello di squalificare qualsiasi pilota trovato a correre sotto la pressione minima al di fuori della tolleranza consentita, le sanzioni vengono erogate su una scala progressiva a partire da un'ammonizione.

Finora sono stati due i piloti che hanno infranto la nuova regola. Maverick Vinales dell'Aprilia lo ha fatto nel GP di Catalogna, mentre Dani Pedrosa, wild card della KTM, lo ha fatto nel GP di San Marino.

Entrambi hanno ricevuto un ammonimento ufficiale. Qualsiasi futura trasgressione in questa stagione comporterà una penalità di tempo.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Uccio: “VR46 aperta ad altri piloti fuori dall’Academy”
Prossimo Articolo MotoGP | I piloti più uniti che mai in vista della sfida in India

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia