Bagnaia: "La confidenza con la Ducati sta facendo la differenza"

Il pilota della Ducati è stato il più veloce oggi a Jerez e sta vivendo un momento di grande forma, favorito dal feeling con la moto e da uno stato mentale che gli sta rendendo tutto abbastanza semplice. Per il momento però rifiuta l'etichetta di leader della Casa di Borgo Panigale.

Bagnaia: "La confidenza con la Ducati sta facendo la differenza"
Carica lettore audio

Tutti si aspettavano le Yamaha a fare da padrone a Jerez de la Frontera, invece alla fine della prima giornata di prove del Gran Premio di Spagna di MotoGP davanti a tutti c'è la Ducati. Ma forse è meglio dire che c'è Pecco Bagnaia, perché il pilota italiano ha fatto una bella differenza rispetto ai suoi compagni di marchio, riuscendo a staccare di oltre sei decimi sia Johann Zarco che Jack Miller.

L'unico neo per il momento è che forse a livello di passo manca qualcosina per eguagliare un Franco Morbidelli in grande forma, ma intanto l'obiettivo dichiarato per domani è piazzarsi nelle prime due file, aspetto fondamentale su una pista come quella andalusa.

"E' molto positivo essere veloci qui, perché questa pista non particolarmente adatta alla nostra moto. Negli ultimi due anni però mi sono trovato molto bene su questa pista. Il feeling è molto buono sull'anteriore, quindi mi sono concentrato sul posteriore, perché non c'è troppo grip e quindi bisogna gestire bene le gomme", ha detto Bagnaia.

"Sappiamo che il time attack non è un problema per me, quindi dobbiamo continuare a lavorare sul passo, perché ci manca qualcosa rispetto a Morbidelli, che oggi è stato veramente forte. Dobbiamo avvicinarci. Domani intanto sarà importante la qualifica, perché su questa pista è fondamentale riuscire a partire nelle prime due file, può valere almeno il 40% della gara", ha aggiunto.

 

Inevitabilmente, a Pecco è stato domandato se si sia dato una spiegazione del motivo per cui stia riuscendo a rendere molto meglio degli altri piloti della Casa di Borgo Panigale e bisogna dire che la sua risposta è stata piuttosto dettagliata.

"La differenza che sto facendo in questo momento rispetto alle altre Ducati è semplice: guardando i dati, riesco a frenare più tardi e a fermare meglio la moto, quindi la velocità che mi porto in curva mi aiuta a far girare meglio la moto. Questa è la chiave, ma ci siamo anche accorti che io ho uno stile diverso rispetto a tutti gli altri piloti della Ducati. Su una pista come questa forse il mio è un pelino meglio e in generale si adatta molto bene a questa Ducati".

A tutto questo si aggiunge un momento di grande forza mentale, costruito grazie all'ottima costanza di rendimento di queste prime uscite stagionali e confermata anche su una pista che sulla carta avrebbe potuto essere ostica.

"So che se spingo posso andare veramente forte e questo mi aiuta molto. Ma soprattutto, la cosa che fa di più la differenza è la confidenza che sto avendo con la moto. Riesco ad entrare e spingere subito. Qualsiasi modifica facciamo la sento in ogni particolare, quindi è una confidenza che mi mancava e che sono riuscito a ritrovare di nuovo. Magari anche grazie a tutto il lavoro che ho fatto quest'inverno. E' soddisfacente entrare in pista, spingere e vedersì lì davanti ogni volta".

Leggi anche:

Per questo, anche se c'è sempre margine, Pecco crede di aver raggiunto già una buona base per quanto riguarda lo sfruttamento del potenziale della Desmosedici GP.

"Penso che siamo già ad un buon livello, perché entrare in pista, spingere e vedere che migliori è una bella iniezione di fiducia. L'anno scorso capitava spesso che magari spingevo ed andavo più piano o cadevo senza capire il perché, quindi è molto bello che sia così. Divertirmi in moto è una cosa che mi aiuta molto, soprattutto quando faccio i time attack e mi porta a spingere ancora di più".

Nonostante questo grande inizio, Bagnaia ha rifiutato l'etichetta di leader del box Ducati, dicendo che questi sono discorsi che si potranno fare solamente a stagione più inoltrata.

"Sinceramente non mi sento il leader in Ducati. Sto lavorando per essere il più veloce possibile, soprattutto in ottica gara. Poi vedremo, magari se in futuro mi giocherò il Mondiale lo sentirò un po' di più, ma al momento la pressione che sento è quella di essere un pilota migliore, che dà sempre il 100%. Vedremo più avanti, ma in questo momento mi sento assolutamente al pari di Jack".

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
4/15

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/15

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Morbidelli punge: “Vivo nel passato e provo a farlo andare forte”
Articolo precedente

Morbidelli punge: “Vivo nel passato e provo a farlo andare forte”

Prossimo Articolo

Espargaro: “Stupito dal gran passo, è un bel futuro per Aprilia”

Espargaro: “Stupito dal gran passo, è un bel futuro per Aprilia”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021