Bagnaia: "Ho preferito una moto stabile ad una agile"

Il pilota della Ducati sembra aver risolto il dilemma tra i due differenti set-up, preferendo quello che punta sulla stabilità a quello che puntava sull'agilità. I risultati sembrano dargli ragione, perché ha chiuso quarto con il time attack nella seconda giornata del Test 2 in Qatar, ma ha anche fatto una simulazione di gara molto interessante.

Bagnaia: "Ho preferito una moto stabile ad una agile"

Dopo aver lasciato i titoli a Jack Miller nelle prime giornate dei test collettivi della MotoGP, oggi è toccato a Pecco Bagnaia piazzare la zampata in casa Ducati. Il piemontese ha finalmente tentato un time attack e il risultato è stato decisamente buono, visto che si è piazzato quarto, come primo inseguitore delle Yamaha.

L'ex campione del mondo della Moto2, però, è soddisfatto soprattutto della simulazione di gara che ha fatto verso fine giornata, perché il passo che è riuscito a tenere è stato davvero molto interessante. Inoltre sembra aver risolto anche il dilemma tra i due set-up praticamente opposti che aveva provato in questi giorni, con la scelta che è ricaduto su quello che offre una maggior stabilità.

"Il programma di oggi era di fare un time attack, il primo di questo pre-campionato, ed una simulazione di gara. Questa l'ho fatta con la gomma usata del time attack. Normalmente quando fai questa scelta sei un pelino più lento, perché il grip non è quello ottimale all'inizio, ma avevo un buon feeling", ha detto Bagnaia.

"Sono molto contento, soprattutto della simulazione, perché ci ha permesso di vedere diverse cose che possiamo migliorare per il weekend di gara, anche a livello di gestione dell'elettronica. Ma sono stato costante e veloce, e questo è molto importante".

Leggi anche:

Avevi due moto diverse a livello di setting, una puntava sull'agilità e l'altra sulla stabilità: perché hai scelto la seconda?
"Una era una moto un po' più prestazionale e l'altra un po' più 'comoda'. Quella prestazionale l'ho usata principalmente ieri e un po' stamattina. Alla fine, tirando le conclusioni, ho preferito una moto un po' più stabile, che si muova meno, perché per come guido io avere più stabilità è meglio, anche sacrificando un po' di grip posteriore. Con questa moto comunque mi sono trovato molto bene sia per il time attack che per la simulazione di gara".

C'è qualcosa che magari avresti voluto fare meglio fino ad oggi o sei soddisfatto?
"Sono abbastanza convinto del lavoro che stiamo facendo, perché siamo riusciti a completare tutti i programmi che ci eravamo prefissati. E' stato molto positivo e al momento mi sento molto bene. Ci siamo concentrati principalmente sul passo ed oggi eravamo veramente competitivi, quindi devo dire che tutto sta procedendo nel verso giusto. Magari nel time attack qualcosina meglio avrei potuto fare, ma essendo stato il primo della stagione ho faticato un po' in certe situazioni. In ogni caso, son contento".

Tu per la gara dove ti vedi? E chi vedi come favorito?
"Sicuramente le Yamaha sono molto veloci, ma lo siamo anche noi ducatisti. Senza dimenticare le Suzuki, perché Mir sicuramente l'ho visto molto in forma. Queste mi sembrano le tre case più competitive, ma vedremo perché un weekend di gara è sempre molto diverso rispetto ai test. Noi sappiamo che abbiamo fatto un bel lavoro e siamo abbastanza pronti per la prima gara".

L'Aprilia sta andando forte: pensi che abbia fatto davvero un grande passo avanti o poi in gara andranno indietro?
"So che hanno investito molto ed hanno fatto un altro passo in avanti, però mi ricordo che Aleix Espargaro era molto veloce ai test anche l'anno scorso. Vedremo nei weekend di gara, ma sembra che sia una bella moto, che sta funzionando nel modo giusto. Aleix è sempre molto veloce e costante, quindi se sono davanti è uno in più da battere, ma noi siamo comunque pronti".

Johann Zarco, Pramac Racing Francesco Bagnaia, Ducati Team

Johann Zarco, Pramac Racing Francesco Bagnaia, Ducati Team
1/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team
2/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
4/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
5/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
6/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
7/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
8/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
9/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
10/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
11/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
13/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
14/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
15/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
16/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
17/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
18/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
19/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
20/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
21/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
22/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
23/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
24/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
25/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
26/26

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: la seconda giornata del Test 2 in Qatar

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: la seconda giornata del Test 2 in Qatar

Prossimo Articolo

Il Qatar offre il vaccino anti-Covid al paddock MotoGP

Il Qatar offre il vaccino anti-Covid al paddock MotoGP
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Test di Marzo in Qatar
Sotto-evento Giovedì
Location Losail International Circuit
Piloti Francesco Bagnaia
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021