Bagnaia: "Ho già migliorato la frenata, ma ho margine. Nel 2019 voglio essere Rookie of the Year"

Il pilota del team Alma Pramac Ducati ha completato i test di Jerez migliorando molto la frenata e trovando altri accorgimenti d'assetto che lo hanno reso più veloce.

Bagnaia: "Ho già migliorato la frenata, ma ho margine. Nel 2019 voglio essere Rookie of the Year"

Il team Alma Pramac Ducati può andare in vacanza conscia di aver scelto bene il pilota che sostituirà Danilo Petrucci nel Mondiale 2019 di MotoGP. Francesco Bagnaia sta infatti crescendo turno dopo turno, mostrando tutto il suo talento e la sua incredibile duttilità in sella alla Ducati Desmosedici GP 2018 con cui correrà la prossima stagione. 

Oggi "Pecco" è riuscito a migliorare in frenata, aspetto da lui descritto ieri come più bisognoso di miglioramenti. Il passo avanti è stato evidente, ma sembra che possano esserci ancora ulteriori margini per poter fare meglio e continuare a diventare sempre più un pilota di MotoGP e non un semplice debuttante. 

"Sono felice perché mi trovo sempre meglio con la Ducati. Sono contento perché ho migliorato la frenata, fase in cui ieri perdevo molto tempo. Abbiamo fatto un bello step in avanti oggi e abbiamo ancora molto margine di miglioramento, ma siamo sulla strada giusta. Dopo questi 4 giorni di test posso tracciare una linea positiva perché sono stati molto positivi sul lavoro e sulla direzione che dovevo prendere. Andiamo in vacanza rilassati e abbiamo 2 mesi per riposarci e stare tranquilli per poi ricominciare in Malesia".

"Chiudere a 3 decimi dal vertice è bello. Il test è stato positivo perché siamo sempre andati forte. Questa mattina ero un po' in difficoltà ma siamo riusciti a risolvere la situazione ed è stato un grosso passo avanti riuscire a fermarmi bene in staccata. Ora riesco a guidare la moto come voglio".

Leggi anche:

Bagnaia e Pramac hanno iniziato a lavorare sull'assetto per far trovare il piemontese più a suo agio in sella alla Desmosedici. L'avvio di giornata è stato complicato, ma poi il lavoro fatto da entrambe le parti ha portato il campione del mondo in carica della Moto2 a fare un deciso passo avanti sia dal punto di vista cronometrico che da quello del comfort sulla moto.

"Stiamo già lavorando nella direzione giusta. Pensavo che avrei fatto molta fatica qui a Jerez e così è stato, perché è una pista molto difficile e lo è storicamente anche per Ducati. Quest'anno sono andate meglio, ma le Honda hanno sempre avuto qualcosa in più. Però al momento abbiamo risolto tutti i problemi ed è davvero una nota positiva".

Nella sua stagione da roolkie, Bagnaia potrà avvalersi di un tecnico di alto livello come Cristian Gabarrini, ex capo tecnico di Lorenzo e Stoner quando i due hanno corso con il team di Borgo Panigale. "Con Gabarrini stiamo migliorando su ogni cosa, ogni giorno. Per ora abbiamo fatto solo 4 giorni di test in cui abbiamo lavorato assieme e abbiamo ancora tanto margine per conoscerci, lavorare meglio insieme".

Anche oggi "Pecco" ha chiuso la giornata come miglior pilota esordiente in classifica. E questo lo ha fatto sorridere più di una volta. L'obiettivo per la sua prima stagione nella classe regina del Motomondiale sarà proprio chiudere il 2019 da miglior pilota esordiente, vincendo il titolo di Rookie of the Year che quest'anno è finito nelle mani di un altro italiano: Franco Morbidelli.

"Sono felice di essere il miglior rookie, perché il nostro obiettivo per la prossima stagione sarà proprio quello di vincere il Rookie of the Year della MotoGP. E' giusto iniziare così. Non ho altre pretese e sono tranquillo, però ci tenevo ad andare in vacanza davanti agli altri rookie".

condivisioni
commenti
Luca Cadalora dice basta e lascia il ruolo di coach di Valentino Rossi

Articolo precedente

Luca Cadalora dice basta e lascia il ruolo di coach di Valentino Rossi

Prossimo Articolo

Petrucci: "Io e Dovi vogliamo evitare di essere nemici e nel box c'è grande serenità"

Petrucci: "Io e Dovi vogliamo evitare di essere nemici e nel box c'è grande serenità"
Carica commenti
Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021