Bagnaia: "Ho capito cosa fare quando calano le gomme"

Il pilota del Pramac Racing è soddisfatto per la sua prima gara con i migliori in MotoGP e pensa di aver preso le misure al calo della gomma anteriore in vista della seconda gara di Jerez.

Bagnaia: "Ho capito cosa fare quando calano le gomme"

L'obiettivo è stato centrato solo in parte, ma Pecco Bagnaia ha tutti i motivi per essere soddisfatto del suo esordio stagionale in MotoGP. Dopo essere stato la grande rivelazione delle qualifiche, con il quarto tempo a poco più di due decimi dalla pole position di Fabio Quartararo, il pilota della Ducati Pramac aveva detto di aspirare ad un posto nella top 10 per la gara, magari con un ritardo di meno di 10 secondi dal vincitore.

Target centrato nel primo caso, visto che si è presentato sotto alla bandiera a scacchi in settima posizione, ma non nel secondo, perché il ritardo accumulato nei confronti dello stesso francese della Yamaha Petronas è stato di 13".

Per il piemontese però il sapore in bocca è dolce, perché questo è stato il suo primo vero weekend da protagonista nella classe regina e perché è convinto che le difficoltà incontrate in gara con la gestione degli pneumatici gli saranno molto utili nella seconda uscita sul tracciato andaluso.

"Ovviamente sono contento perché sono riuscito a stare lì senza dover faticare più di tanto. Nella prima fase di gara mi stavo gestendo molto, perché non volevo esagerare per non consumare le gomme. Purtroppo le ho consumate lo stesso e più o meno quando mancavano 12 giri ho iniziato ad accusare il calo della gomma davanti e ci ho messo un po' di giri per trovare una quadra" ha raccontato Pecco dopo la gara.

"Questo mi ha fatto perdere il gruppetto davanti, ma tutto sommato devo dire che abbiamo lavorato molto bene questo weekend. Siamo stati molto bene a sfruttare la situazione, perché partivo quarto e sono riuscito a rimanere in quella posizione per tutta la prima fase di gara. Questo è un grandissimo step rispetto all'anno scorso, perché una gara così nel 2019 non l'avevo mai fatta. Mi è mancato probabilmente un po' quello, ma sono contento del risultato e del weekend che abbiamo fatto" ha aggiunto.

Leggi anche:

Il calo delle gomme è stato maggiore di quello che si sarebbe aspettato, nonostante il caldo infernale di Jerez lo avesse già promesso ampiamente: "Gestendo così tanto il consumo all'inizio, non pensavo che avrei avuto così tanti problemi dopo, invece a fine gara dovevo guidare in maniera abbastanza diversa, perché facevo fatica ad entrare nelle curve e quello mi ha limitato veramente tanto".

Uno dei problemi più difficili da gestire è stato lo stare vicino alla moto che lo precedeva, perché questo faceva aumentare tutte le temperature, soprattutto quella della gomma anteriore.

"Sicuramente una settimana in più ci farà arrivare più preparati. Il prossimo weekend sapremo già come saranno le varie situazioni e magari nella FP4 lavorare un po' di più con le gomme usate ci potrebbe aiutare. Però alla fine il ritmo gara è stato più lento di quanto ci si potesse aspettare. L'asfalto era veramente caldo e anche stare in scia alle altre moto era complicato: stando vicino agli altri si scaldava la gomma davanti e magari quello mi ha un po' limitato. Fare un altro weekend qui però è sicuramente un vantaggio, anche se magari saremo tutti più vicini. Sarà importante sfruttare bene l'esperienza di questo fine settimana".

Però Bagnaia sembra convinto di aver trovato le contromosse al calo della gomma anteriore nel finale, quindi pensa che questo fine settimana potrà essere più pronto: "Esatto, perché all'ultimo giro sono riuscito a fare 1'39"8 ed è positivo, perché è un tempo in linea con quello dei primi. Nella fase in cui caleranno le gomme, dovrò riuscire a ripetermi come ho fatto negli ultimi giri di gara".

Infine, ha commentato anche i ben tre infortuni (Marc Marquez, Alex Rins e Cal Crutchlow) che hanno caratterizzato il weekend, sottolineando che dal punto di vista fisico è stato molto impegnativo per tutti e che i cinque mesi di stop forzato si sono sentiti tutti.

"Ci sono sicuramente delle condizioni un po' critiche, perché c'è molto caldo, ma probabilmente lo stop forzato di cinque mesi è stato duro per tutti. Per esempio, quando sono ripartiti gli allenamenti in moto, avevamo tutti un po' bisogno di più fisioterapia. Ripartire da una pista così, che fisicamente è molto tosta e senza poter fare fisioterapia, che vi garantisco che è un limite molto grosso, è stato già buono che abbiamo finito la gara in così tanti" ha concluso.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/11

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/11

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Morbidelli: “Ho fatto gli ultimi giri con l’airbag aperto”
Articolo precedente

Morbidelli: “Ho fatto gli ultimi giri con l’airbag aperto”

Prossimo Articolo

Ecco perché Marquez non deve essere già dato per sconfitto

Ecco perché Marquez non deve essere già dato per sconfitto
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021