Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista

Bagnaia: "E' difficile vedere il mio nome accanto a quello di Stoner"

Nonostante sia riuscito ad emulare Casey Stoner nella conquista del titolo MotoGP con la Ducati, Pecco Bagnaia fatica a vedersi sullo stesso piano dell'australiano e spera di rafforzare ulteriormente il suo legame con il marchio italiano.

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Casey Stoner

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

A parte i 15 anni di differenza, le imprese di Stoner e Bagnaia non hanno nulla in comune. Il #27 è stato il primo a regalare alla Casa bolognese una corona della MotoGP, al debutto delle moto da 800cc (2007), un cambiamento che ha colto di sorpresa i costruttori giapponesi.

Il #63, dal canto suo, ha rimediato ad un inizio altalenante per stabilizzarsi infine sul miglior prototipo della griglia, una moto che gli ha permesso di azzerare il gap di 91 punti dal francese Fabio Quartararo, dando vita alla più grande rimonta nella storia del campionato.

Un'impresa memorabile, ma che, agli occhi del pilota torinese, lo lascia ancora molto lontano dalla dimensione raggiunta dal ragazzo di Southport, con il quale ha un ottimo rapporto e dal quale riceve di tanto in tanto qualche consiglio.

"È molto difficile per me vedere il mio nome accanto a quello di Casey: quando sei bambino e vedi i nomi dei tuoi genitori. Quando sei piccolo e vedi i tuoi idoli, pensi che sia impossibile raggiungere quello che significano per te", ha ammesso Bagnaia a Motorsport.com.

Il campione in carica guarda al suo passato per trovare un parallelo, del tipo più bizzarro, da cui partire per spiegare ciò che prova nei confronti di Stoner. "È un po' come a scuola, quando ero piccolo e guardavo i grandi. Quando ero grande non mi vedevo così diverso da come ero prima. So di aver vinto il titolo con la Ducati, come Casey, e di aver conquistato il record di vittorie consecutive (quattro). Ma non mi vedo come lui", insiste l'attuale leader del Mondiale.

Prima di entrare a far parte della squadra ufficiale della Casa di Borgo Panigale (2020), Paolo Ciabatti, il suo direttore sportivo, ha sottolineato a chi scrive che Bagnaia era uno dei più grandi "fan della Ducati" che avesse mai incontrato.

"La Ducati è sempre stata la sua marca preferita", ha detto. La devozione del ragazzo per i colori che indossa continua, al punto da voler rafforzare il legame. "Fin da bambino sono stato uno dei più grandi fan della Ducati", conferma Bagnaia, che ha le idee chiare su chi gli somiglia: "Mi piacerebbe che il mio nome si identificasse ancora di più con quello della Ducati. È un po' come Marc e Honda, o Valentino nel caso della Yamaha".

Leggi anche:
Francesco Bagnaia, Equipo Ducati

Francesco Bagnaia, Equipo Ducati

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente SBK | Petrucci: "La gara MotoGP un premio per quanto ho dato a Ducati"
Prossimo Articolo Honda aspetta notizie sulla penalità di Marquez: sarà ancora sospesa?

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia