Bagnaia: "Con il freddo la chiave è spingere subito al 100%"

Il pilota della Ducati Pramac sembra convinto di aver trovato l'assetto giusto per il freddo di Aragon, ma che per sfruttarlo bisogna avere il coraggio di spingere appena entrati in pista.

Bagnaia: "Con il freddo la chiave è spingere subito al 100%"

La positività al COVID di Valentino Rossi e la situazione di Tony Arbolino, costretto a rimanere in quarantena seppur negativo, perché stato a contatto con un positivo in aereo, hanno portato Pecco Bagnaia ad essere molto prudente. Il portacolori della Ducati Pramac avrebbe dovuto fare ritorno in Italia tra le due gare di Motorland Aragon, ma alla fine ha preferito rimanere nel suo motorhome all'interno del paddock in attesa del Gran Premio di Teruel.

"Sicuramente a casa sarei stato meglio. E' lunga, le giornate sono lunghe a stare qui nel paddock, ma va bene uguale. Ho visto dei film ed ho giocato a Call of Duty per passare il tempo. Ieri ho sentito anche Valentino, è a casa e gli girano, ma almeno adesso sta meglio" ha raccontato Bagnaia prima di cominciare un nuovo weekend di gara.

Lo scorso fine settimana è stato molto complicato, perché con le basse temperature ha faticato tantissimo a portare in temperatura la gomma anteriore della sua Desmosedici GP, anche se in gara sembrava aver trovato il setting giusto per patire meno questo problema. Una scivolata ha vanificato questo miglioramento, ma ripartendo da questa base sembra convinto di poter fare bene questo fine settimana.

Leggi anche:

"E' stato un weekend in cui abbiamo fatto sempre fatica, perché le condizioni non mi hanno permesso di essere veloce, ma abbiamo fatto un buon lavoro lo scorso weekend, perché domenica mi sentivo più competitivo, a parte la caduta, e al primo giro lanciato ero subito sceso sotto all'1'50", perché mi trovavo molto bene. Per questo weekend siamo molto più pronti e ripartendo da quella base, sono convinto che faremo un bel fine settimana. Mi sento bene e le temperature sono un po' più alte, quindi ci vengono incontro e penso che saremo veloci".

La chiave per evitare di patire un raffreddamento della gomma anteriore è entrare in pista e cominciare a spingere da subito, anche se non è per niente facile quando fa tanto freddo, e l'ex campione del mondo della Moto2 ha provato a spiegare perché.

"Bisogna guidare come se fosse tutto normale. Avere la stessa intensità in frenata e la stessa velocità in ingresso di curva. E' l'unico modo che hai per riuscire a scaldare la gomma. E' la mancanza di feeling che non ti permette di forzare in staccata ed in ingresso. Se però tu riesci a forzare lo stesso al primo giro, la gomma si scalda e torna tutto a posto. Il limite è che senti l'anteriore che ti scappa un po', quindi c'è il rischio di cadere ed è un qualcosa che cerchi sempre di evitare".

Quando poi gli è stato domandato se quindi è in questo che Miller riesce a fare la differenza quando la temperatura è bassa, ha aggiunto: "Esatto, bisogna riuscire ad entrare in pista e spingere al 100% già dall'out lap, perché se la gomma va giù di temperatura fai molta fatica a riportarla sù e ci vogliono tanti giri per farlo. Se invece riesci ad essere subito veloce, la gomma si scalda in fretta e non hai più problemi".

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
12/18

Foto di: Motogp.com

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
16/18

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
17/18

Foto di: MotoGP

Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: "Ho perso 40 punti per problemi meccanici"

Articolo precedente

Vinales: "Ho perso 40 punti per problemi meccanici"

Prossimo Articolo

Quartararo: Michelin conferma pressione di base troppo alta

Quartararo: Michelin conferma pressione di base troppo alta
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021