Aprilia conferma Savadori e Smith, ma per ora non sceglie

Dopo non essere riuscita a mettere le mani sui giovani che ha inseguito, la Casa di Noale ha deciso di confermare i suoi due collaudatori, ma solo dopo i test invernali dirà chi sarà il compagno di Aleix Espargaro. Nella entry list provvisoria diffusa dalla FIM però figura il nome di Lorenzo Savadori.

Aprilia conferma Savadori e Smith, ma per ora non sceglie

Resta ancora un alone di mistero riguardo al compagno di squadra di Aleix Espargaro in Aprilia nella prossima stagione, anche se la entry list provvisoria della MotoGP 2021 diffusa stamani dalla FIM potrebbe aver fatto un po' di chiarezza.

In tarda mattinata, infatti, la Federazione Internazionale ha ufficializzato l'elenco iscritti della prossima stagione della classe regina e in questo figurava il nome di Lorenzo Savadori, campione italiano Superbike, che ha disputato le ultime tre gare in sella alla RS-GP al posto di Bradley Smith.

Pochi minuti più tardi, però, è arrivato un comunicato da parte della Casa di Noale, che ha spiegato di aver confermato sia il pilota di Cesena che quello britannico, che in questo 2020 erano i suoi collaudatori, ma sono stati chiamati a sostituire Andrea Iannone in seguito alla squalifica per doping dell'abruzzese. Il tutto però senza indicare chi dei due sarà il titolare e chi invece farà solo il collaudatore.

Proprio il prolungamento della pena di Iannone, portata dal TAS da 18 mesi a quattro anni, ha messo l'Aprilia nella difficile condizione di dover trovare un pilota da affiancare al confermato Espargaro quando ormai i tasselli del mercato erano già andati al loro posto, visto che Massimo Rivola ed i suoi uomini avevano deciso di attendere l'esito finale della vicenda del pilota di Vasto, credendo alla sua innocenza.

Leggi anche:

La Casa di Noale ha quindi approcciato tre giovani della Moto2. Il primo tentativo è stato quello fatto con Marco Bezzecchi, ma dalla VR46 è arrivato un secco no circa la possibilità di liberare il talento romagnolo. Poi è stata la volta di Fabio Di Giannantonio, è la cosa curiosa è che in questo caso il veto è arrivato da Fausto Gresini, quindi dal proprietario del team che gestisce le RS-GP in pista, che però nel 2022 potrebbe anche non essere più legato a Noale.

L'ultimo no è stato quello dello statunitense Joe Roberts, che in questa stagione aveva mostrato alcuni lampi importanti, ma evidentemente non si sente ancora pronto per il salto in MotoGP e vuole cercare ancora fortuna nella classe di mezzo, visto che è stato scelto dal Team Italtrans per sostituire il campione del mondo Enea Bastianini.

"Non è un segreto, abbiamo offerto una opportunità a tre giovani piloti perché ritenevamo che il nostro progetto potesse essere molto interessante per dei giovani talenti, ma non si sono sentiti ancora pronti al grande salto e allo stesso tempo i teams per i quali si sono impegnati per la stagione 2021 hanno preferito trattenerli. Ne prendiamo correttamente atto rispettando la loro decisione" ha confermato il Rivola nella nota diffusa da Aprilia Racing.

"Preferiamo continuare coi nostri piloti piuttosto che scegliere soluzioni ancora aperte ma che non ci convincono pienamente. Anche nelle difficili condizioni di questa stagione, particolarmente penalizzanti per un progetto al suo esordio, la moto si è migliorata tantissimo e ha ridotto significativamente i distacchi sia in gara sia in prova su praticamente tutti i circuiti".

"Aleix ha chiuso in crescendo e proprio ieri ha girato in gara coi tempi dei migliori. Anche Lorenzo ha mostrato progressi importanti in solo tre gare e sappiamo di poter contare sulla professionalità e l’esperienza di Bradley. Aleix sarà ovviamente la nostra punta, la seconda guida, e quindi il ruolo di tester, saranno decisi al termine del programma di test invernali" ha concluso.

Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini

Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Dovizioso, non è un addio ma un arriverderci

Articolo precedente

Report MotoGP: Dovizioso, non è un addio ma un arriverderci

Prossimo Articolo

Alex Marquez: “Il bilancio della stagione è positivo"

Alex Marquez: “Il bilancio della stagione è positivo"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Bradley Smith , Lorenzo Savadori
Team Aprilia Racing Team Gresini
Autore Matteo Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021