Yamaha: Angel Nieto ed Avintia interessate alle M1 satellite dal 2019

condivisioni
commenti
Yamaha: Angel Nieto ed Avintia interessate alle M1 satellite dal 2019
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont , MotoGP Editor
23 feb 2018, 12:05

Il Team Angel Nieto e l'Avintia Racing sono in corsa come candidate a prendere in gestione le due M1 satellite che Tech 3 libererà alla fine della stagione 2018. Per ora invece sembra defilata l'ipotesi VR46.

Karel Abraham, Aspar Racing Team
Alvaro Bautista, Aspar Racing Team
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Alvaro Bautista, Aspar Racing Team
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3, prova la partenza
Tito Rabat, Avintia Racing
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Xavier Simeon, Avintia Racing

Nella giornata di ieri, a mezzogiorno, la squadra francese ha annunciato che a fine stagione terminerà il suo rapporto di 18 anni con la Casa giapponese, che gli forniva le sue moto nella classe regina.

Dalle dichiarazioni del team principal Hervé Poncharal - "Abbiamo ricevuto un'offerta che non potevamo rifiutare, un'offerta che stavamo aspettando dal primo giorno in MotoGP" - è facile dedurre che l'opzione più redditizia in termini economici è quella della KTM che, inoltre, è molto interessata ad avere più moto sulla griglia per ottenere più informazioni.

Allo stesso tempo, la conclusione dell'accordo tra la Yamaha ed il team francese ha aperto la porta ad altre squadre satellite potenzialmente interessate a schierare le M1.

Infatti, sia il Team Aspar (oggi rinominato Angel Nieto) che l'Avintia Racing hanno assicurato a Motorsport.com di essere interessati ad avviare un dialogo con il costruttore di Iwata per riempire il posto che sarà lasciato vacante da Tech 3 nel 2019.

La Marc VDS, che attualmente schiera due Honda, potrebbe inserirsi se non dovesse riuscire a concretizzare i suoi contatti già esistenti con la Suzuki, sebbene la formazione belga garantisca che la priorità sia formalizzare un accordo a lungo termine.

"Oggi non abbiamo un contratto con nessun costruttore in vista del 2019 e quello che vogliamo è legarci a chi ci può offrire un progetto a lungo termine" ha detto a Motorsport.com un portavoce della Marc VDS.

Da questo punto, dunque, potrebbero rappresentare un'insidia i rumors legati alla possibilità che la Yamaha in futuro possa affidare le sue M1 satellite a Valentino Rossi ed alla squadra, lo Sky Racing Team VR46. Finora il pilota di Tavullia non ha mai mostrato grande interesse per la cosa, anche se bisognerà vedere se la continuerà a pensare così anche quando appenderà il casco al chiodo.

Se il "Dottore" dovesse decidere di fare questo passo e saltare dall'altro lato della barricata, sembra improbabile infatti che la Honda e la Ducati possano essere felici di collaborare con lui, dopo le incomprensioni che hanno avuto in passato. In quel caso, la Yamaha pare quindi la soluzione più probabile.

C'è poi il Team LCR, ma i contratti di Cal Crutchlow e Takaaki Nakagami sono firmati direttamente con la Honda, quindi questo porta a pensare che sia molto difficile che si possa rompere questa alleanza.

Lo stesso vale per Ducati e Pramac, dopo che quest'ultima ha confermato Pecco Bagnaia a partire dal 2019, con un accordo biennale che vincola il pilota italiano alla Casa di Borgo Panigale.

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Team Ángel Nieto Team, Avintia Racing, Tech 3
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Ultime notizie