Yamaha: Vinales ha illuso, ma aveva ragione Valentino

La velocità di Vinales nei test e fino alle qualifiche di Losail aveva abbagliato, ma la gara ha riportato a galla la dura verità per la Yamaha: la M1 non è ancora in grado di giocarsela alla pari con Honda, Ducati e forse anche Suzuki. Proprio come aveva predetto il "Dottore"...

Yamaha: Vinales ha illuso, ma aveva ragione Valentino

"Per me non siamo ancora abbastanza forti per vincere. Abbiamo ancora uno svantaggio rispetto alle moto migliori, ma spero con tutto il cuore di sbagliarmi e che Maverick abbia ragione".

Valentino Rossi l'allarme lo aveva lanciato forte e chiaro alla conclusione della giornata inaugurale dei test di MotoGP in Qatar. Tutti quanti eravamo rimasti abbagliati dalle grandi prestazioni di Maverick Vinales, che per tutto l'inverno aveva tenuto la Yamaha in cima al gruppo, ma il "Dottore" aveva già capito che quello non era il reale potenziale della M1.

E dire che fino a sabato sembrava proprio che Vinales avesse tutte le carte in regola per vincerla la gara di Losail, ma poi quando si sono spenti i semafori la musica è cambiata e la triste verità per gli uomini di Iwata è venuta fuori: Valentino aveva ragione fin dall'inizio.

Sia chiaro, anche il pesarese aveva detto nel corso dell'inverno di aver visto dei miglioramenti, soprattutto per quanto riguarda l'atteggiamento dei giapponesi, diventato molto più propositivo di quanto non fosse mai stato nel recente passato.

Leggi anche:

Il guaio, semmai, è che la M1 continua a trascinarsi dietro i suoi soliti problemi: consuma un po' troppo le gomme e le manca qualcosa in accelerazione, soprattutto sulla prima apertura del gas, perché non c'è abbastanza grip sul posteriore.

Difetti che non le impediscono di essere velocissima, almeno nelle mani di Vinales, quando si tratta di lottare contro il cronometro. Ma quando la battaglia è contro avversari reali, ecco che il quadro cambia completamente. Resistere ai tentativi di attacco di moto che ti "sverniciano" in rettilineo non è per niente facile e non lo è affatto neanche provare a rispondere, quando arrivi in staccata con delle velocità di punta più basse dei tuoi avversari.

Se a questo aggiungiamo che i primi giri di gara ormai sono diventati un vero e proprio tallone d'Achille per Maverick, non c'è da stupirsi se nell'arco di pochi giri si è ritrovato addirittura alle spalle di Valentino, che prendeva il via dalla quinta fila. Perché, se non altro, Rossi non ha perso la sua dote di grande staccatore e qualche sorpasso è riuscito ad inventarselo per risalire la china.

"Abbiamo meno velocità di punta rispetto agli altri e ho anche problemi quando sono nel gruppo. In molte accelerazioni ero accanto ad un altro pilota e mi ritrovavo dietro alla fine del rettilineo. Non ho mai avuto l'opportunità di fare un sorpasso, perché non ero mai abbastanza vicino. Poi è andata meglio quando è calata la gomma anche agli altri. Il problema è chiaro: ci manca grip al posteriore", ha detto Vinales dopo la gara, senza girarci troppo intorno.

Valentino è stato forse addirittura più diretto: "Rispetto alle altre moto ufficiali, perdiamo tanto in accelerazione e perdiamo tanto a livello di grip. E' su quello che dobbiamo lavorare. Secondo me siamo ancora più o meno al livello dell'anno scorso, se vogliamo arrivare più avanti, dobbiamo migliorare. Dobbiamo trovare il modo di essere più competitivi anche in qualifica".

Leggi anche:

In effetti, il risultato di Rossi è stato quasi la fotocopia del 2018, perché è transitato nuovamente sotto alla bandiera a scacchi con un ritardo di sei decimi rispetto al vincitore, che anche questa volta è stato Andrea Dovizioso. Il livello della concorrenza però si è alzato e quindi la posizione è peggiorata, facendolo scendere dal terzo al quinto posto. Vinales invece si è dovuto accontentare del settimo posto.

Ma anche qui forse va chiarita un'altra cosa. E' vero che #46 è un "animale da gara" e che sicuramente ha in parte risolto i problemi di consumo della gomma anteriore che avevano l'avevano relegato fuori dalla Q2 al sabato. Se però è riuscito ad arrivare così vicino ai migliori è dovuto soprattutto al fatto che parliamo di una gara che è stata corsa al suo ritmo: il passo dell'1'55" medio-alto, che sembrava altissimo venerdì e sabato, è improvvisamente diventato buono in una corsa in cui la gestione delle gomme ha fatto da padrona.

Considerando questo ultimo aspetto, oltre al fatto che a Losail si corre in notturna e che c'è uno dei rettilinei più lunghi del Mondiale (non è quindi ideale per chi è in deficit di accelerazione e velocità di punta), probabilmente bisognerà aspettare ancora qualche gara per avere un'idea più chiara del potenziale della M1, visto che quella del Qatar è sempre una gara un po' particolare. Ma per il momento diciamolo, avevi ragione tu caro Valentino...

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Beirer: "Nessuno vuole privare Dovizioso della vittoria, vogliamo solo chiarezza"

Articolo precedente

Beirer: "Nessuno vuole privare Dovizioso della vittoria, vogliamo solo chiarezza"

Prossimo Articolo

Iannone ottimista: "Miglioriamo ogni volta che andiamo in pista"

Iannone ottimista: "Miglioriamo ogni volta che andiamo in pista"
Carica commenti
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021