MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
21 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
35 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
49 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
56 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
70 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
77 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
91 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
140 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
161 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
175 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
182 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
196 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
217 giorni

Analisi: come funziona e chi beneficia della nuova gomma Michelin

Il fornitore unico di pneumatici della MotoGP ha presentato per il 2020 una nuova costruzione posteriore. Ma come funziona? E ci sono costruttori che ne possono trarre beneficio?

Analisi: come funziona e chi beneficia della nuova gomma Michelin

La Michelin ha introdotto per la stagione 2020 della MotoGP degli pneumatici posteriori con una nuova costruzione, che cambiano il modo in cui vanno utilizzati rispetto agli ultimi anni.

Fondamentalmente, la grande novità di questa gomma è che, con la moto in piega, la superficie di contatto a terra è maggiore rispetto al passato. Cosa che garantisce una maggior grip, ma anche una calo delle prestazioni più progressive nel corso della gara.

"La caratteristica tecnica più semplice per spiegare questa nuova costruzione è che quando la moto è inclinata, l'area di contatto con l'asfalto è più grande. Questo significa che quando si apre il gas in uscita di curva, c'è molto più grip e questo offre più trazione rispetto alla gomma dell'anno scorso" ha riassunto Piero Taramasso, responsabile del reparto moto di Michelin Motorsport.

Il nuovo pneumatico influenza in modo decisivo il modo di guidare e costringe i costruttori ad adattare le proprie moto a questa nuova filosofia.

Leggi anche:

La maggior parte dei piloti aveva già avuto modo di provarlo per alcuni giri nei test dello scorso anno a Barcellona, Brno e Misano, ma anche durante la sessione extra organizzata in occasione del Gran Premio d'Australia. I buoni commenti ricevuti hanno quindi incoraggiato il produttore francese ad implementarlo dall'inizio di quest'anno.

I risultati dei test di Sepang sono stati valutati molto positivamente dalla Michelin, che ritiene che il miglioramento sia visibile nell'abbassamento generale dei tempi.

"E' possibile. Questo pneumatico era stato provato nei test dello scorso anno, ma non lo avevano utilizzato troppo. Ora invece a Sepang lo hanno usato tutti quanti a pieno regime" ha proseguito Taramasso.

"Abbiamo visto che alcuni piloti ed alcune moto hanno già trovato la messa a punto ottimale, oltre a delle buone sensazioni. Su altre moto ci dovranno lavorare di più. Alcuni piloti avranno bisogno di ancora un po' di tempo".

 

Un dettaglio importante su cui la Michelin sta insistendo è che la nuova gomma costringerà i costruttori ad adattare le proprie moto ad essa.

"Sostanzialmente questa gomma offre una maggior aderenza al posteriore e questo cambia il comportamento della moto. Il pilota deve abituarsi, deve interpretare la gomma, cercare di capire quando far scorrere la moto e perché. Questo richiede un po' di tempo".

"I piloti devono cambiare il loro stile di guida e le moto devono adattare telaio e sospensioni per compensare l'extra grip offerto dalla gomma" ha spiegato il responsabile della Michelin.

A chi giova questa nuova gomma?

Ovviamente, con questa nuova gomma, l'unico obiettivo della Michelin era quello di offrire una materiale migliore a costruttori e piloti, soprattutto uno pneumatico capace di mantenere la prestazione per il maggior numero di giri possibile in gara.

Tuttavia, in questo momento, dalle dichiarazioni dei piloti e dai risultati dei test, si può pensare che il cambiamento possa toccare alcuni più di altri e che Yamaha e Suzuki sembrano poterne trarre il massimo vantaggio.

Leggi anche:

"Ho sentito questi commenti" ha detto Taramasso in una conversazione con Motorsport.com. "Se guardiamo le prestazioni, potrebbe sembrare così. E' vero che sia la Yamaha che la Suzuki sono state molto veloci, ma per farlo hanno dovuto cambiare il set-up, perché con più grip al posteriore è necessario regolare il bilanciamento. Sembra che con poche modifiche siano riusciti a trovare rapidamente un buon set-up".

In Michelin per ora preferiscono non ipotizzare se questa tendenza proseguirà per tutto l'anno, ma Taramasso ritiene che il miglioramento dello pneumatico possa aiutare tutti allo stesso modo, ma che la moto che aveva un buona percorrenza di curva, ora l'avrà anche migliore. Ma chi aveva difficoltà su quell'aspetto, dovrebbe averne meno, anche se continuerà ad averle.

Il costruttore francese non concentra i vantaggi ottenuti con la nuova gomma solo sul grip in curva, perché ritiene che ci possa essere un passo avanti anche dal punto di vista della durata in gara.

I piloti della Yamaha, in particolare Valentino Rossi, e quelli della Suzuki erano quelli che lo scorso anno si lamentavano maggiormente della durata degli pneumatici. La Honda e la Ducati invece erano quelle che riuscivano a gestirle meglio fino alla fine. Ora, con delle gomme più costanti, potrebbe essere chiuso anche questo piccolo gap.

"Quando abbiamo progettato questa nuova gomma, ci siamo posti due obiettivi: avere più grip e più costanza durante tutti i giri della gara, ritardando il più possibilie il drop. Con la gomma dell'anno scorso, il calo arrivava dopo una decina di giri in maniera molto pronunciata. Ora si può arrivare a fare 15 o 16 giri a pieno regime, poi c'è un calo graduale, molto più progressivo. Una caratteristica che stavamo cercando e che tutti i costruttori ci avevano chiesto" ha concluso Taramasso.

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
1/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda
2/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda
3/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda

Marc Marquez, Repsol Honda Team's crashed Honda
4/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
5/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team's Ducati

Andrea Dovizioso, Ducati Team's Ducati
7/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
8/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
9/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing

Johann Zarco, Avintia Racing
10/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
13/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team

Alex Marquez, Repsol Honda Team
15/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
16/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
17/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
18/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
19/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Silvano Galbusera, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
20/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
21/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
22/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
23/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
24/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
25/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
26/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
27/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Cal Crutchlow, Team LCR Honda, Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini

Cal Crutchlow, Team LCR Honda, Bradley Smith, Aprilia Racing Team Gresini
28/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
29/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team

Danilo Petrucci, Ducati Team
30/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
31/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartaaro

Fabio Quartaaro
32/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
33/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
34/34

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

Articolo precedente

Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

Prossimo Articolo

Suzuki rimanda al 2022 la creazione del suo team satellite

Suzuki rimanda al 2022 la creazione del suo team satellite
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Autore Germán Garcia Casanova
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021