Alex Marquez: "Yamaha ha imbrogliato ed i piloti sapevano"

Il pilota spagnolo ha accusato a muso duro la Yamaha ed i suoi piloti. Secondo Alex tutti i piloti della Casa giapponese erano consapevoli della modifica vietata sui motori.

Alex Marquez: "Yamaha ha imbrogliato ed i piloti sapevano"

La vicenda Yamaha continua a tenere banco nel paddock di Valencia. Se nella giornata di ieri Marc Marquez non si era tirato indietro quando ha deciso di commentare la questione tramite i propri profili social, non senza un nota polemica, oggi suo fratello Alex è stato ancora più diretto.

 

Il rookie ha accusato la Yamaha di imbrogliare ed ha sottolineato come i piloti sapessero tutto e quindi avrebbero dovuto essere sanzionati.

“Ciò che appare chiaro è che hanno imbrogliato e non hanno rispettato le regole” ha commentato Alex.

“All’interno della MSMA sono molto severi ed allora si può pensare che non stiano dando il buon esempio ai piloti più giovani. E’ come quando un genitore fa correre il figlio con un mezzo illegale e viene squalificato solo il bambino. E’ una situazione dura da accettare”.

“Non si sta dando un buon esempio. Togliere soltanto i punti ai costruttori è uno scherzo. Tra due anni nessuno si ricorderà di chi ha vinto il titolo costruttori ed alla Yamaha non importa. I piloti hanno potuto beneficiare di questa modifica per tutto l’anno e ne avranno beneficio anche la prossima stagione dato che i motori sono stati congelati”.

“Non hanno seguito le regole ed hanno barato. La situazione non mi sembra corretta”.

Marquez jr ha poi voluto porre l’accento anche sulla beffa subita dai piloti delle altre squadre che al momento stanno lottando per il campionato.

“Credo sia molto ingiusto nei loro confronti. Le loro Case hanno lavorato all’interno delle regole. Questa sanzione crea un pericoloso precedente perché adesso tutti sanno che in caso di violazione la penalità conseguente è la perdita dei punti soltanto nei confronti dei costruttori, mentre i piloti possono restare in lotta per il titolo”.

Secondo lo spagnolo, inoltre, l’ipotesi che i piloti Yamaha potessero non essere a conoscenza della modifica non regge.

“Non esiste dire “non lo sapevo”. Ogni pilota sa sempre tutto, è consapevole del motore che sta usando e se viene installato un propulsore nuovo”.

Per Marquez la Casa giapponese ha ceduto alle pressioni dei propri portacolori: “Credo che la Yamaha abbia effettuato questa modifica perché costretta dai suoi piloti. Sicuramente hanno spinto perché mancava sia l’affidabilità che la potenza. Alla fine il costruttore è stato obbligato a fare qualcosa che non voleva”.

Infine, Alex ha giustificato il mancato ricorso della Honda contro la sanzione: “E’ stato accettato di non andare oltre. Si potrebbe proporre appello, ma non essendo la Honda in lotta per il titolo è stato deciso di non procedere”.

condivisioni
commenti
Savadori: “L’obiettivo è fare tanti chilometri ed imparare”

Articolo precedente

Savadori: “L’obiettivo è fare tanti chilometri ed imparare”

Prossimo Articolo

Quartararo: “Incrocio le dita per i motori, spero di non rompere”

Quartararo: “Incrocio le dita per i motori, spero di non rompere”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Europa
Sotto-evento Prove Libere 2
Piloti Alex Marquez
Team Repsol Honda Team
Autore Germán Garcia Casanova
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021