Aleix Espargaro: "Per il podio mi serve Iannone"

Il pilota dell'Aprilia ha teso la mano al compagno di squadra dopo la "spaccatura" del giorno della presentazione della RS-GP e non vede l'ora che si superi l'emergenza Coronavirus per inizare la stagione.

Aleix Espargaro: "Per il podio mi serve Iannone"

"Due settimane fa, quando sono tornato dal Qatar, sembrava una cosa lontana che non ci toccava ma piano piano la situazione è peggiorata, anche in Spagna ora la situazione è identica all’Italia, la gente ha paura. Io abito ad Andorra e qui proprio non c’è nessuno in giro, perché la gente ha paura".

Sembra quasi stordito Aleix Espargaro nel commentare in un'intervista concessa a Sky Sport MotoGP quello che sta vivendo tutto il mondo a causa della pandemia di Coronavirus. Ora anche in Spagna i contagi stanno aumentando a dismisura e pare davvero di essere in un film.

Il pilota di Granollers ha sottolineato poi che per lui la situazione è particolarmente difficile, perché la sua seconda famiglia, l'Aprilia, è in Veneto, quindi una delle zone più colpite dal COVID-19.

"Il cuore e la testa sono in Italia, metà della famiglia è ad Andorra ma l’altra metà è in Italia, con l’Aprilia, la mia moto, la mia carriera sportiva. In azienda sono molto preoccupati, sento spesso Massimo Rivola, l’amministratore delegato di Aprilia Racing, e mi ha detto che in azienda sono pochissimi ingegneri a lavorare" ha detto Aleix.

 

Tra l'altro, a Noale c'è anche una RS-GP tutta nuova da sviluppare in questo momento: "Io pensavo che all’inizio, per noi dell’Aprilia, potesse essere un vantaggio il rinvio del campionato, perché potevamo continuare a lavorare, ma la situazione è preoccupante e non riusciremo a migliorare in quasi niente".

"Sinceramente mi piacerebbe andare a dormire e alzarmi a giugno, luglio quando inizieremo le gare perché Aprilia ha fatto un lavoro impressionante questo inverno e vedere la situazione che è adesso, soprattutto per Aprilia che è in Veneto in una zona particolarmente colpita, mi fa stare veramente male".

La speranza del più grande dei fratelli Espargaro è che la stagione possa incominciare a giugno: "Io penso di sì, voglio pensare di sì, sennò divento matto. Servirà tempo ma se saremo responsabili a giugno dovremmo stare meglio, correre tante gare in poco tempo non sarà facile per tutti piloti e team, ma speriamo di cominciare a giugno".

Si prospetta anche un finale di stagione particolarmente intenso, che però secondo Aleix sarà pesante più dal punto di vista mentale che da quello fisico.

"Non sarà facile perché la MotoGP è veramente fisica ed è importate arrivare fresco alle gare, fisicamente e psicologicamente sarà difficile. Dal punto di vista fisico più preparato è difficile arrivare, questo mi aiuterà ma secondo me quando ci sono tante gare in fila, lontano da casa, la cosa più importante è avere una buona relazione con tutti i membri del team. Alla fine vivi 18 ore al giorno e faremo probabilmente 8 gare in 10 settimane, quindi è importante avere un buon rapporto con la gente nel box".

Leggi anche:

E da questo punto di vista c'era stata una spaccatura con il compagno Andrea Iannone proprio il giorno della presentazione della nuovissima RS-GP, perché il pilota di Vasto si era preso buona parte dei meriti della crescita della moto. Ora la situazione, però, sembra essere rientrata.

"A me è dispiaciuto molto quando Andrea ha detto quelle cose, mi sono sentito anche male perché io ho sempre difeso molto Andrea, abbiamo un rapporto buono e quando ho sentito quelle cose non ho capito sinceramente. Ho parlato con lui il giorno dopo, mi ha detto che lui non voleva dirlo in quel modo, che io non avevo capito bene e che ne parleremo quando ci rivedremo in pista. Io gli ho detto che va bene, che per me non c’era problema".

"Ho parlato con lui anche sui social, a me non piace avere una relazione negativa con il mio compagno di squadra perché è molto importante che il clima del box sia buono. Il mio obiettivo non è distruggere il mio compagno di squadra, io voglio lottare per il podio e non per forza battere il mio compagno di squadra".

"Sento che per il podio, mi serve Andrea perché è un pilota forte che mi aiuterà nello sviluppo della moto. Ma mi servirà soprattutto ad essere più cattivo, più veloce, più forte. Sinceramente spero di rivederlo alla prima gara, perché anche la sua situazione non è facile".

Riguardo a quelli che potranno essere i target dell'Aprilia per quest'anno, però, Aleix sembra essere particolarmente ottimista.

"È molto difficile dirlo solo con i test, perché non si conosce mai il vero livello delle moto ma se prendiamo il passo gara che abbiamo avuto sia in Malesia e sia in Qatar eravamo tranquillissimamente tra i primi. In gara poi cambia tanto, ma questa moto ha fatto un passo gara gigante. L’anno scorso faticavamo ad essere tra i primi 12, quest’anno lotteremo per le prime 6-8 posizioni in tantissime gare".

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
1/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
2/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
3/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
4/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
5/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
6/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
7/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
8/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
9/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, dettaglio della moto

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, dettaglio della moto
10/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
11/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
12/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
13/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
14/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
15/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
16/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
17/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
18/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
19/21

Foto di: Motogp.com

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
20/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, dettaglio della moto

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini, dettaglio della moto
21/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: omologazioni in remoto, ma lo sviluppo non si ferma

Articolo precedente

MotoGP: omologazioni in remoto, ma lo sviluppo non si ferma

Prossimo Articolo

Video, Brivio: "Suzuki vuole un ciclo lungo con Rins e Mir"

Video, Brivio: "Suzuki vuole un ciclo lungo con Rins e Mir"
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021