Aleix Espargaró mette in dubbio l’impegno di Dovizioso in Aprilia

Il pilota Aprilia è stato durissimo nel giovedì di Silverstone quando ha parlato del livello di impegno del tester Andrea Dovizioso nel progetto di Noale.

Aleix Espargaró mette in dubbio l’impegno di Dovizioso in Aprilia

Mentre il manager di Andrea Dovizioso sta negoziando per fare in modo che il forlivese vada nel team Petronas nelle restanti gare di questa stagione e del prossimo anno, il pilota ha un contratto come collaudatore con Apilia, un accordo a cui al momento non ha rinunciato.

Dovizioso, da quando ha deciso di prendersi un anno sabbatico dopo il mancato rinnovo con Ducati nel 2020, ha accettato un’importante offerta economica da parte di Aprilia per svolgere il ruolo di tester e pilota di sviluppo. Tuttavia, da quando è salito per la prima volta in sella alla RS-GP lo scorso mese di aprile, i risultati dell’italiano non sono stati promettenti e ha rifiutato di correre come wild card o come sostituto.

Nonostante ciò, Dovizioso è diventato la stella mediatica del marchio, soprattutto in Italia, e in questa prospettiva è stato chiesto ad Aleix Espargaro se considerasse interessante il prosieguo di Dovi come tester o se la sua presenta nel futuro potesse rendere il progetto Aprilia più solido.

“Non ho molto da dire – ha risposto Espargaro nel giovedì del Gran Premio di Gran Bretagna – la verità è che non lo so. Mi piace il trio che abbiamo confermato al momento. Savadori, Vinales ed io formiamo un gruppo molto forte. Capisco che a livello mediatico l’arrivo di Dovizioso in Aprilia abbia fatto molto rumore, è un tre volte vicecampione del mondo, con merito. Ma in Aprilia io mi considero la punta di diamante e loro mi considerano tale, anche ora che arriva un ottimo pilota come Maverick, quindi in questo momento ci sono tre punte di diamante in Aprilia”.

Aleix Espargaro ha anche messo in dubbio il livello dell’impegno di Andrea Dovizioso: “Io voglio che le gente che coinvolta in questo progetto debba essere di fiducia al cento per cento. Maverick lo è, Lorenzo anche, io lo sono al mille per cento. Gli altri, non so”.

Sono parole che possono portare a pensare che Aleix Espargaro non voglia il forlivese nel progetto. Il catalano recrimina a Dovizioso il fatto di non aver voluto sostituire Savadori in Austria né fare wild card, nonostante l’elevato ingaggio ricevuto come tester Aprilia: “Attenzione, non ho detto che non lo voglio, ci mancherebbe. Ho detto che voglio gente che abbia piena fiducia nel progetto. Mi hanno chiesto se Maverick correrà ad Aragon il prossimo 12 settembre e posso assicurare che, se potesse, correrebbe anche domani, senza aver provato la moto. Lo so per certo, perché ho parlato con lui e me lo ha detto. Savadori ha il piede distrutto ma è qui nel box con i medici per studiare uno stivale speciale che gli possa permettere di guidare. Per quanto riguarda l’altro pilota (si riferisce a Dovizioso, ndr) non ho chiaro se voglia correre, quindi ognuno trae le proprie conclusioni”.

condivisioni
commenti
Petrucci ha scelto la Dakar con KTM: "Vado dove mi porta il cuore"

Articolo precedente

Petrucci ha scelto la Dakar con KTM: "Vado dove mi porta il cuore"

Prossimo Articolo

Rossi: "Il progetto del team VR46 in MotoGP va avanti"

Rossi: "Il progetto del team VR46 in MotoGP va avanti"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021