Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"

Aleix Espargaró vede diffiche che Andrea Dovizioso possa essere suo compagno di squadra in Aprilia nel 2022, dopo che nei test ha faticato a prendere il ritmo con la RS-GP.

Aleix Espargaro: "Dovizioso non è stato molto competitivo con l'Aprilia"

Il secondo pilota di Aprilia per il 2022, che farà coppia con Aleix Espargaró, è una delle principali incognite del mercato della MotoGP. Il marchio di Noale ha già espresso un interesse per Maverick Viñales dopo che lo spagnolo ha annunciato la sua partenza dalla Yamaha, anche se Andrea Dovizioso è un'altra opzione e il rinnovo di Lorenzo Savadori non è fuori questione.

Dovizioso ha effettuato tre test con la RS-GP finora quest'anno, a Jerez, Mugello (in condizioni di bagnato) e Misano. Altri test sono previsti per la fine di luglio. Per ora non sono stati rilasciati tempi ed entrambe le parti si sono limitate a dire che erano "interessanti".

"Dovizioso ha fatto alcuni test con noi. Finora non è stato molto competitivo e sembra che non voglia correre. Sono un suo grande fan, ma è difficile per lui essere il mio compagno di squadra", ha detto in un'intervista concessa a DAZN Espargaró, che dopo la notizia scoppiata ad Assen che Viñales voleva lasciare Yamaha ha rifiutato di commentare la possibilità che il connazionale firmasse per Aprilia per il 2022 ed ha insistito che sul fatto vuole solo un compagno di squadra "forte".

Aleix Espargaro

Aleix Espargaro will in Zukunft die Früchte seiner Arbeit ernten

Foto: Motorsport Images

Il lavoro di sviluppo della RS-GP continua a cadere sulle spalle di Espargaró, che ha anche cose da dimostrare nel corso di Gran Premi.

"È difficile sviluppare la moto perché bisogna testare cose nuove", ha commentato. "Aprilia ha voluto che facessi dei test durante la pausa estiva e che andassi nella galleria del vento. Mi aiuterebbe se avessi un compagno più forte, o se ci fosse una squadra satellite, perché allora potrebbero distribuire il lavoro su più spalle e raccogliere più dati".

Nella primavera del 2020, Espargaró ha rinnovato con Aprilia per altri due anni. All'epoca ha indicato che avrebbe potuto essere il suo ultimo contratto in MotoGP. L'evoluzione della RS-GP potrebbe fargli cambiare idea.

"Dopo aver sofferto così a lungo sarebbe ingiusto lasciare questo progetto", ha detto il #41. "Sto pensando di correre nel 2023-2024. L'anno scorso sono tornato a casa amareggiato, disconnesso e felice. Ci ho pensato molto con mia moglie e volevo cose che mi rendessero felice. Dopo l'arrivo di Massimo (Rivola, CEO di Aprilia Racing), durante il COVID-19 ho parlato con lui e questo mi ha motivato un po'. Quando ho provato la nuova moto ho visto che quello che mi aveva detto era vero. Vedremo cosa succederà in futuro, ma è possibile che io continui per altri due anni".

condivisioni
commenti
Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP

Articolo precedente

Barcellona ospita un test privato per alcuni piloti MotoGP

Prossimo Articolo

Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP

Rossi e Marquez: il pilota fa ancora la differenza in MotoGP
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021