Albesiano: "Stiamo prendendo strade diverse con i due piloti"

Dopo aver provato un nuovo telaio ed un nuovo forcellone nei test di Jerez, il responsabile Aprilia Racing ha spiegato che le diverse esigenze di Bautista e Bradl stanno imponendo alla Casa di Noale uno sviluppo differenziato.

Albesiano: "Stiamo prendendo strade diverse con i due piloti"
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini wings detail
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini wings detail
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini e Alvaro Bautista, Aprili
Alvaro Bautista, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini
Stefan Bradl, Aprilia Racing Team Gresini

Archiviato il weekend di gara a Jerez, con segnali positivi di crescita della moto, continua il lavoro di sviluppo sulle Aprilia RS-GP. Alvaro Bautista e Stefan Bradl sono stati impegnati in una giornata di test sullo stesso circuito che li ha visti all'opera durante il fine settimana. I piloti dell'Aprilia Racing Team Gresini hanno provato le prime evoluzioni tecniche della RS-GP e testato anche nuove opzioni di pneumatici.

La RS-GP ha debuttato proprio alla vigilia della prima gara, logico quindi il continuo sviluppo di nuove soluzioni, la più visibile delle quali (le appendici aerodinamiche) ha trovato fin da subito il gradimento dei piloti che l'hanno utilizzata in prove e gara. Nonostante la nuova Aprilia abbia dimostrato fin dai suoi primi giri la bontà del progetto, specialmente per quanto concerne la guidabilità, Stefan e Alvaro hanno lavorato su alcune componenti ciclistiche, tra cui un nuovo telaio ed un nuovo forcellone. Si tratta di prove dedicate alla ricerca della migliore combinazione tra le rigidezze dei due elementi, sono test che continueranno, in forma privata, fra pochi giorni sul circuito del Mugello.

66 i giri percorsi da Bradl, cui si sommano i 62 giri messi a referto dal compagno di squadra Bautista autore anche di una innocua scivolata alla prima curva.

"Una giornata piuttosto intensa, avevamo molte cose da provare, a partire da un nuovo telaio e un nuovo forcellone, delle nuove forcelle meno rigide, molti settaggi di elettronica e un sistema di alimentazione della benzina con una diversa pressione. Ci siamo anche concentrati su alcuni assetti particolari, soluzioni che di solito non si testano durante i weekend di gara. Nel complesso abbiamo raccolto una grande mole di informazioni, la prima delle quali è che stiamo prendendo strade diverse nello sviluppo per i due piloti, i quali dimostrano di avere esigenze differenti. Continueremo a lavorare nei prossimi giorni al Mugello, sia con i piloti ufficiali sia con il collaudatore Di Meglio, per verificare quali combinazioni potranno essere utilizzate già nella prossima gara di Le Mans" ha spiegato il responsabile Aprilia Racing, Romano Albesiano.

"Una giornata di test molto proficua. Essere scesi in pista subito dopo la gara ci ha consentito di effettuare dei confronti molto precisi, nell’ottica di accelerare lo sviluppo. Il bilancio è positivo: alcuni componenti hanno dato buoni riscontri e perciò continueremo a provarli nei test del Mugello, in modo da capire quali aggiornamenti introdurre già dal prossimo appuntamento a Le Mans. Aprilia sta facendo un gran lavoro e sono molto contento dell’impegno di tutta la squadra" ha aggiunto il team manager Fausto Gresini.

Ecco poi i commenti sulla giornata dei piloti, a partire da Alvaro Bautista: "L'obiettivo di oggi era provare soprattutto un nuovo telaio e un forcellone, con rigidezze diverse. Devo dire che non ho riscontrato particolari benefici per quanto riguarda il telaio, mentre il forcellone richiede qualche altro test prima di esprimere un giudizio definitivo. Per quanto riguarda le gomme, mi trovo ancora meglio con le soluzioni standard rispetto alle nuove, mentre per la ciclistica le prove fatte oggi ci suggeriscono la direzione da seguire nei prossimi sviluppi. Era importante lavorare con ordine vista la quantità di prove".

E non poteva mancare quello di Stefan Bradl: "Oggi c'era molta carne al fuoco, testando molti diversi componenti portati da Aprilia e alcune soluzioni di gomma. Abbiamo trovato qualche buon segnale da telaio e forcellone, anche se si è trattato di un primo contatto l'impressione è che stiamo procedendo nella giusta direzione. Abbiamo comunque bisogno di qualche altro test per verificare e raccogliere più informazioni, infatti alcuni dei componenti provati oggi li analizzeremo anche al Mugello".

condivisioni
commenti
Valentino: "Preferisco la moto con il serbatoio tradizionale"

Articolo precedente

Valentino: "Preferisco la moto con il serbatoio tradizionale"

Prossimo Articolo

La nuova carena Honda con la tripla aletta piace a Marquez

La nuova carena Honda con la tripla aletta piace a Marquez
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021