A Valencia vince Pedrosa, ma Dovi cade e Marquez è campione

Marc sbaglia e rischia la scivolata, ma due giri più tardi è il ducatista a finire ruote all'aria e a dire addio al sogno. Pedrosa batte Zarco, mentre Marquez si accontenta del terzo posto per festeggiare il sesto titolo.

Marc Marquez è campione del mondo per la sesta volta, la quarta in MotoGP. Andrea Dovizioso e la Ducati hanno lottato, ci hanno provato, ma alla fine si sono dovuti inchinare al dominatore dell'ultimo quinquennio della classe regina, il più giovane nella storia ad aver messo insieme un palmares del genere (ha solo 24 anni).

Iniziando la gara di Valencia con 21 punti di vantaggio sembrava tutto facile per Marquez, ma a 8 giri dalla fine sicuramente avrà sudato freddo quando è arrivato lunghissimo alla curva 1 ed è praticamente caduto, riuscendo a rimanere in piedi con un vero e proprio miracolo. In quel frangente il pilota della Honda, che aveva appena superato Johann Zarco, è finito nella ghiaia, ma ha ripreso la via della pista.

Un errore che aveva aperto un piccolo spiraglio per "Desmodovi", anche perché poche curve più tardi è finito ruote all'aria anche Jorge Lorenzo alla curva 5, facendogli ereditare la terza posizione alle spalle di Zarco e di Dani Pedrosa.

Proprio quando ha cercato l'ultimo sforzo però, il forlivese è andato lunghissimo alla curva 8 nel corso del 25esimo dei 30 giri in programma, finendo ruote all'aria. La fine del sogno è arrivata in una via di Cheste, ma la standing ovation che gli ha dedicato la Ducati al momento del rientro al box è stata davvero commovente.

A quel punto Marquez ha avuto la certezza del titolo e, nonostante l'errore, si è trovato servito su un piatto d'argento anche il gradino più basso del podio, alle spalle di Pedrosa e di Zarco, che hanno dato spettacolo fino all'ultimo metro della gara, con lo spagnolo della Honda che ha trovato il sorpasso decisivo alla curva 1 all'ultimo giro. Un successo importante per Dani, che in questo modo è riuscito ad artigliare il quarto posto finale nel Mondiale, davanti a Valentino Rossi.

In casa Ducati forse ci sarà un pochino da discutere però stasera, perché a più riprese a Lorenzo è stato dato l'ordine "Mappa 8", che ormai sappiamo vuol dire dare strada a Dovizioso, ma il maiorchino lo ha ignorato fino al momento della sua caduta. E' chiaro che in questo momento recriminare sulla cosa non ha senso.

Tornando alla gara, è stata sicuramente positiva quella della Suzuki, che ha portato a casa un quarto posto con Alex Rins ed un sesto con Andrea Iannone. Tra di loro c'è la Yamaha di Valentino Rossi, che conclude la stagione almeno nella top 5, ma con un distacco pesantissimo rispetto ai migliori.

E' andata decisamente peggio al compagno di squadra Maverick Vinales, addirittura 12esimo ad oltre mezzo minuti. Anche in Yamaha quindi ci sarà bisogno di fare dei ragionamenti importanti, visto che la M1 dello scorso anno invece si è giocata la vittoria fino all'ultimo metro con Zarco, che comunque ha firmato il suo terzo podio stagionale.

Il 2011 della KTM si chiude con un 11esimo posto con Bradley Smith, che le permette di scavalcare l'Aprilia nella classifica costruttori, visto che le due RS-GP sono state costrette entrambe al ritiro con Aleix Espargaro e Sam Lowes.

Al traguardo gli altri due italiani in gara, ma senza troppa gloria: il collaudatore della Ducati Michele Pirro ha chiuso nono, mentre Danilo Petrucci si è dovuto accontentare della 13esima posizione finale.

Cla #PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/hRitiratoPunti
1   26 spain Daniel Pedrosa Honda 30 46'08.125     156.2   25
2   5 france Johann Zarco Yamaha 30 46'08.462 0.337 0.337 156.2   20
3   93 spain Marc Márquez Alenta Honda 30 46'18.986 10.861 10.524 155.6   16
4   42 spain Alex Rins Suzuki 30 46'21.692 13.567 2.706 155.4   13
5   46 italy Valentino Rossi Yamaha 30 46'21.942 13.817 0.250 155.4   11
6   29 italy Andrea Iannone Suzuki 30 46'22.641 14.516 0.699 155.4   10
7   43 australia Jack Miller Honda 30 46'25.212 17.087 2.571 155.2   9
8   35 united_kingdom Cal Crutchlow Honda 30 46'25.355 17.230 0.143 155.2   8
9   51 italy Michele Pirro Ducati 30 46'34.067 25.942 8.712 154.8   7
10   53 spain Tito Rabat Honda 30 46'35.145 27.020 1.078 154.7   6
11   38 united_kingdom Bradley Smith KTM 30 46'38.960 30.835 3.815 154.5   5
12   25 spain Maverick Viñales Yamaha 30 46'43.137 35.012 4.177 154.3   4
13   9 italy Danilo Petrucci Ducati 30 46'46.201 38.076 3.064 154.1   3
14   17 czech_republic Karel Abraham Ducati 30 46'50.113 41.988 3.912 153.9   2
15   8 spain Hector Barbera Ducati 30 46'55.828 47.703 5.715 153.6   1
16   76 france Loris Baz Ducati 30 46'55.834 47.709 0.006 153.6    
17   60 netherlands Michael van der Mark Yamaha 30 47'00.259 52.134 4.425 153.3    
  dnf 44 spain Pol Espargaro KTM 25 39'06.114 5 giri 5 giri 153.6 Accident  
  dnf 4 italy Andrea Dovizioso Ducati 25 39'55.165 5 giri 49.051 150.4 Ritirato  
  dnf 99 spain Jorge Lorenzo Ducati 24 36'55.021 6 giri 1 giro 156.2 Accident  
  dnf 22 united_kingdom Sam Lowes Aprilia 22 34'54.863 8 giri 2 giri 151.4 Accident  
  dnf 19 spain Alvaro Bautista Ducati 14 22'28.282 16 giri 8 giri 149.7 Accident  
  dnf 45 united_kingdom Scott Redding Ducati 4 6'19.954 26 giri 10 giri 151.7 Accident  
  dnf 41 spain Aleix Espargaro Aprilia 3 4'44.941 27 giri 1 giro 151.7 Accident  
  dnf 36 finland Mika Kallio KTM 2 3'14.772 28 giri 1 giro 148.0 Accident  

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP di Valencia
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Valencia
Piloti Andrea Dovizioso , Daniel Pedrosa , Marc Márquez Alenta , Johann Zarco
Team Tech 3 , Repsol Honda Team , Ducati Team
Articolo di tipo Gara