Ufficiale: vietate le alette nelle classi Moto2 e Moto3

Nella classe entrante il divieto della Grand Prix Commission diventerà effettivo dal 2017. Saranno consentite solo se avranno lo scopo di deviare l'acqua alzata dalla ruota anteriore, ma non funzioni aerodinamiche.

Alette si o alette no? Questo è uno dei dibattiti che hanno tenuto banco nel weekend del GP del Qatar di MotoGP. Le appendici aerodinamiche si fanno sempre più ingombranti e in molti si interrogano sulla loro pericolosità: qualche pilota teme di poter rimanere ferito, mentre altri si lamentano delle turbolenze, ma se danno un vantaggio prestazionale nessuno è disposto a rinunciarci.

Quel che è certo è che non lo vedremo più nelle due classi minori del Motomondiale. La Grand Prix Commission ne ha infatti vietato l'utilizzo in Moto2 e Moto3. In quest'ultima però il divieto diventerà effettivo solamente dal 2017, visto che la Mahindra le ha già montate sia nei test invernali che a Losail.

Il Direttore Tecnico continuerà a consentire l'uso dei disegni sulle carene concepiti solo per deviare l’acqua alzata dalla ruota anteriore e non dovranno avere fine aerodinamico.

Per quanto riguarda la classe di mezzo, ci sono anche novità relative ai dispositivi elettronici di controllo del cambio: a partire dal primo maggio sarà obbligatorio solo l'uso di uno dei due marchi approvati di quickshifter e l'uso del sensore di controllo dati del componente.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3 , Moto2
Evento Losail
Sub-evento Domenica, post-gara
Circuito Losail International Circuit
Articolo di tipo Ultime notizie