Rossi coccola il "suo" Bulega: "E' davvero qualcosa di speciale"

condivisioni
commenti
Rossi coccola il
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
25 apr 2016, 16:34

La pole position e il secondo posto portati a casa da Bulega a Jerez de la Frontera hanno fatto sbilanciare Valentino Rossi: " Ha già fatto lo step che serve per andare forte da subito".

Polesitter Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Podium: winner Brad Binder, Red Bull KTM Ajo, second place Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46, thir
Polesitter Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Polesitter Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46, second place Brad Binder, Red Bull KTM Ajo,third pla
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46

A Jerez de la Frontera hanno illuminato entrambi le rispettive categorie, la Moto3 e, soprattutto, la MotoGP. Hanno fatto sobbalzare tutti i rispettivi tifosi, ma anche i semplici appassionati del motociclismo e del Motomondiale con due gare d'autore. Di uno apprezziamo il talento da due decadi, l'altro si è appena affacciato nel Mondiale dopo aver vinto il CEV. Stiamo parlando di Valentino Rossi e Nicolò Bulega.

L'impresa del “Dottore” in casa di Lorenzo e Marquez è ancora sotto gli occhi di tutti, ma, tra i mille pensieri passati per la testa di Rossi lo scorso fine settimana, c'è stato posto anche per colui che – con tutta probabilità – è la punta di diamante della VR46 Riders Academy.

"Uno che fa la pole dopo 5 gare è davvero tanta roba. E' davvero qualcosa di speciale”, ha affermato Valentino dopo aver preso atto dello splendido avvio di stagione del romagnolo. “Adesso speriamo che continui così. Io non avevo fatto la pole dopo cinque gare nel Motomondiale, ma dopo nove. Alla prima gara ha centrato il sesto posto, proprio come me all'epoca. Solo che io ero davvero felicissimo per quel piazzamento, invece lui era rammaricato perché voleva addirittura fare meglio”.

Valentino ha poi proseguito parlando di cosa lo colpisca di più dell'approccio di Bulega. Il riminese appare affamato di risultati, mai appagato nonostante i primi riscontri siano stati entusiasmanti.

“Adesso i ragazzini vogliono arrivare davanti. Su questo aspetto lui è davvero molto, ma molto forte. E' un talento clamoroso. E' ancora presto per poter dare giudizi, ma quando arrivi dal campionato CEV e vinci hai tante aspettative, tanta pressione, poi arrivi nel Mondiale e qui vanno forte davvero. Ma lui ha già fatto lo step che serve per andare forte da subito", ha concluso il fresco vincitore del Gran premio di Spagna della MotoGP.

Prossimo articolo Moto3
Il 3570 Team Italia si presenta per il Mondiale Moto3 2016

Articolo precedente

Il 3570 Team Italia si presenta per il Mondiale Moto3 2016

Prossimo Articolo

Ecco chi è Fabio Di Giannantonio, l'eroe a sorpresa del Mugello

Ecco chi è Fabio Di Giannantonio, l'eroe a sorpresa del Mugello
Carica commenti