Inizio fuori dalla top 30 per Ferrari e Manzi

I due piloti del San Carlo Team Italia sono andati alla ricerca del set-up nella giornata di oggi

Condizioni climatiche favorevoli hanno mitigato l'inaugurale giornata di attività del Mondiale Moto3 a Silverstone, dodicesimo appuntamento stagionale che ha visto i piloti italiani grandi protagonisti nelle prime due sessioni di prove libere. Grazie ad un rimarchevole 2'14"459 conseguito nel corso della FP2, Romano Fenati (KTM) ha preceduto di 110 millesimi il vincitore dell'ultimo Gran Premio disputatosi a Brno Niccolò Antonelli (Honda), 1-2 tricolore caratterizzato da due piloti che nel 2011 avevano condiviso il box del Team Italia FMI in una trionfale stagione vissuta tra il CIV e nella prova unica del Campionato Europeo 125cc ad Albacete. 

Per quanto concerne il San Carlo Team Italia, Matteo Ferrari (2'17"603, 31°) e Stefano Manzi (2'18"056, 33°) hanno incontrato più difficoltà del previsto nel turno pomeridiano di prove ritrovandosi impossibilitati a ribadire l'incoraggiante avvio evidenziato nell'inaugurale sessione di libere.

Al lavoro su vari aspetti delle rispettive Mahindra MGP3O, i due portacolori della Federazione Motociclistica Italiana confidano domandi di scalare diverse posizioni in classifica, al fine garantirsi un dignitoso piazzamento in griglia pensando alla gara in programma domenica alle 14:30 locali (le 15:30 italiane).

Matteo Ferrari: "La prima sessione non è andata malissimo, i presupposti erano quelli giusti e c'era ampio margine di miglioramento. Nella pausa tra le due sessioni abbiamo apportato una modifica all'anteriore che ha funzionato a dovere, mi ha permesso di ritrovare il feeling proprio su di un'area dove ho sofferto particolarmente nell'ultimo periodo. In classifica siamo lontani dal nostro effettivo potenziale, ma in squadra sappiamo già dove intervenire per progredire. Il T4 in particolare è il nostro punto dolente, all'uscita della curva 15 perdo ancora troppo rispetto ad altri piloti in fase di apertura del gas. Io per primo modificando un pò il mio stile di guida, un pò con diversi accorgimenti di set-up, sono convinto che domani troveremo le opportune contromisure per esprimerci al meglio".

Stefano Manzi: "Questa mattina siamo partiti abbastanza bene ritrovandoci più volte nella top-20 con un buon feeling in sella. Nella seconda sessione il primo 'run' non è stato affatto male, ma non posso dire altrettanto del prosieguo della sessione. Non siamo stati in grado di ottenere buoni tempi, pertanto non ci resta che lavorare per ritrovare il nostro livello di competitività in vista delle qualifiche di domani".

Cristiano Migliorati (Direttore Sportivo - San Carlo Team Italia Moto3): "Il primo turno di prove è stato interlocutorio per le basse temperature, pertanto non fa particolare testo sulle performance in pista. Mi aspettavo sinceramente qualcosa di più nel pomeriggio, nello specifico viaggiare con entrambi i piloti sul passo del 2'17" e con qualche time attack sul 2'16" con gomme nuove. Purtroppo attualmente siamo sul ritmo del 2'18", pertanto non ci resta che lavorare duramente da qui in avanti per capire se è un discorso di messa a punto o se i nostri ragazzi devono trovare ancora la quadra per dare il massimo. Il bilancio di conseguenza non è positivo, confidiamo con una buona dose di convinzione e grinta per riscattarci domani giusto in tempo per le qualifiche ufficiali".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Evento Silverstone
Circuito Silverstone
Piloti Matteo Ferrari , Stefano Manzi
Team Team Italia FMI
Articolo di tipo Prove libere