Moto3, Phillip Island: Arenas batte in volata Di Giannantonio ed un super Vietti

condivisioni
commenti
Moto3, Phillip Island: Arenas batte in volata Di Giannantonio ed un super Vietti
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
28 ott 2018, 02:59

Lo spagnolo la spunta al termine di una gara combattutissima. "Diggia" si tiene in corsa per il Mondiale, mentre il rookie va sul podio alla seconda gara. Rodrigo sperona Bezzecchi: ora è a -12 da Martin, quinto.

E' successo veramente di tutto nella gara di Phillip Island della Moto3. Una corsa che poteva essere una mazzata definitiva per le ambizioni iridate di Marco Bezzecchi, letteralmente speronato da Gabriel Rodrigo a 13 giri dal termine, ma che non mette fine al sogno con Jorge Martin alla fine solo quinto e quindi a +12 nei suoi confronti nella classifica iridata.

Le caratteristiche del tracciato australiano lasciavano presagire una gara di gruppo, ma probabilmente sarebbe più corretto parlare di una gara "di classe", visto che il gruppone è stato compatto quasi per intero ed era anche possibile transitare sul traguardo davanti a tutti e poi ritrovarsi addirittura in decima posizione.

Come in Thailandia però si è assistito a qualche manovra un po' sopra le righe. E su tutte rischia di lasciare un segno sul Mondiale proprio quella di Rodrigo, che alla staccata della curva 11 ha cercato di infilarsi in un varco che non c'era, perdendo l'anteriore e portando fuori con sé Bezzecchi.

Martin a quel punto ci ha provato ad approfittarne, ma l'aggressività di alcuni avversari lo ha portato a più miti consigli e quindi lo spagnolo del Gresini Racing ha cercato soprattutto di arrivare al traguardo sano e salvo, dopo il brivido anche di un contatto alla curva 2 con Philipp Oettl nel finale.

Leggi anche:

In questa situazione era abbastanza chiaro che sarebbe stato decisivo un ultimo giro che ha fatto venire fuori dei nomi decisamente inattesi in volata. A spuntarla è stato quindi Albert Arenas, che ha centrato la sua seconda vittoria stagionale, dopo quella a tavolino di Le Mans.

Il pilota dell'Angel Nieto Team, che a due giri dal termine aveva corso anche il brivido di finire sull'erba in fondo al rettilineo di partenza, ad oltre 200 km/h, l'ha spuntata per appena 52 millesimi nei confronti di Fabio Di Giannantonio. E occhio a "Diggia", perché questo piazzamento rilancia anche lui nella corsa al titolo, visto che ora è a 20 punti da Martin.

La grande rivelazione di giornata però è senza dubbio Celestino Vietti Ramus, che alla seconda gara iridata in carriera ha centrato subito il podio. Il pilota dello Sky Racing Team, chiamato a sostituire l'infortunato Nicolò Bulega, è stato nel gruppone per tutta la gara e nel finale si è fatto trovare al posto giusto nel momento giusto, chiudendo a soli 59 millesimi dalla vittoria e regalandosi una soddisfazione incredibile.

Detto del quinto posto di Martin, davanti a lui si è piazzato per un soffio Tatsuki Suzuki, che ha sfiorato il primo podio con la Honda della SIC58 Squadra Corse, mentre alle spalle dello spagnolo ci sono Aron Canet ed Adam Norrodin. Nella top 10 c'è spazio anche per Enea Bastianini, ottavo, mentre tre punticini li porta a casa pure Andrea Migno 13esimo.

Subito fuori dalla zona punti invece Yari Montella e Stefano Nepa, mentre gli altri italiani sono stati sfortunati pur essendo protagonisti: Tony Arbolino e Dennis Foggia, per esempio, sono finiti entrambi ruote all'aria alla curva 4 al penultimo giro. Il pilota della Marinelli Snipers ha perso l'anteriore all'interno ed ha portato giù con lui il connazionale dello Sky Racing Team VR46.

Ma anche Lorenzo Dalla Porta è caduto alla curva 2 quando era in testa. Un grande peccato se si pensa che aveva recuperato addirittura dal 20esimo posto in griglia. A dieci giri dal termine poi ci sono stati attimi di grande apprensione per l'incidente che ha coinvolto Marcos Ramirez e Jaume Masia alla curva 3, ad altissima velocità. Il secondo è rimasto a terra dopo aver investito la KTM del compagno di squadra, che era stata disarcionato da un highside, ma fortunatamente sembra che non ci siano state conseguenze gravi per entrambi.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   75 Spain Albert Arenas Ovejero KTM 23 37'48.073     162.3   25
2   21 Italy Fabio Di Giannantonio Honda 23 37'48.125 0.052 0.052 162.3   20
3   31 Celestino Vietti KTM 23 37'48.132 0.059 0.007 162.3   16
4   24 Japan Tatsuki Suzuki Honda 23 37'48.154 0.081 0.022 162.3   13
5   88 Spain Jorge Martin Honda 23 37'48.172 0.099 0.018 162.3   11
6   44 Spain Aron Canet Honda 23 37'48.227 0.154 0.055 162.3   10
7   7 Malaysia Adam Norrodin Honda 23 37'48.261 0.188 0.034 162.3   9
8   33 Italy Enea Bastianini Honda 23 37'48.308 0.235 0.047 162.3   8
9   84 Czech Republic Jakub Kornfeil KTM 23 37'48.401 0.328 0.093 162.3   7
10   71 Japan Ayumu Sasaki Honda 23 37'48.479 0.406 0.078 162.3   6
11   72 Spain Alonso Lopez Honda 23 37'48.648 0.575 0.169 162.3   5
12   40 South Africa Darryn Binder KTM 23 37'48.962 0.889 0.314 162.3   4
13   16 Italy Andrea Migno KTM 23 37'49.060 0.987 0.098 162.3   3
14   17 United Kingdom John McPhee KTM 23 37'49.062 0.989 0.002 162.3   2
15   65 Germany Philipp Ottl KTM 23 37'50.221 2.148 1.159 162.2   1
16   55 Yari Montella Honda 23 38'22.773 34.700 32.552 159.9    
17   81 Italy Stefano Nepa KTM 23 38'23.042 34.969 0.269 159.9    
18   41 Thailand Nakarin Atiratphuvapat Honda 23 38'27.440 39.367 4.398 159.6    
19   27 Japan Kaito Toba Honda 23 38'36.127 48.054 8.687 159.0    
20   77 Spain Vicente Perez KTM 23 38'37.043 48.970 0.916 158.9    
  dnf 14 Italy Tony Arbolino Honda 21 34'28.942 2 Laps 2 Laps 162.5 Retirement  
  dnf 10 Italy Dennis Foggia KTM 21 34'29.135 2 Laps 0.193 162.5 Retirement  
  dnf 42 Spain Marcos Ramírez KTM 13 21'20.596 10 Laps 8 Laps 162.5 Retirement  
  dnf 5 Spain Jaume Masia KTM 13 21'20.906 10 Laps 0.310 162.5 Retirement  
  dnf 48 Italy Lorenzo Dalla Porta Honda 12 19'41.389 11 Laps 1 Lap 162.6 Retirement  
  dnf 12 Italy Marco Bezzecchi KTM 10 16'24.562 13 Laps 2 Laps 162.6 Retirement  
  dnf 19 Argentina Gabriel Rodrigo KTM 10 16'25.344 13 Laps 0.782 162.5 Retirement  
Prossimo Articolo
Infortunio a una mano per Bulega: sarà costretto a saltare il GP del Giappone

Articolo precedente

Infortunio a una mano per Bulega: sarà costretto a saltare il GP del Giappone

Prossimo Articolo

Vietti eroe a sorpresa a Phillip Island: "Correre nel Mondiale era un sogno, fare terzo è incredibile!"

Vietti eroe a sorpresa a Phillip Island: "Correre nel Mondiale era un sogno, fare terzo è incredibile!"
Carica commenti