Antonelli: "Possiamo provare a stare davanti"

Il pilota italiano però deve riuscire a risolvere un paio di piccole difficoltà che lo hanno rallentato in Qatar

Antonelli:
Archiviato il Gran Premio in notturna del Qatar, che ha visto Niccolò Antonelli primo degli italiani al traguardo, in nona posizione, ed Enea Bastianini protagonista di un ottimo debutto, terminato a un passo dalla zona punti, lo Junior Team GO&FUN Moto3 vola in Texas per il secondo round stagionale, il Grand Prix of the Americas, in programma dall’11 al 13 aprile sul Circuit of the Americas, spettacolare impianto che sorge alle porte di Austin. Il tracciato rappresenta una sfida interessante per i piloti della Moto3: nonostante non sia il più lungo tra quelli in calendario - superato in lunghezza da Sepang e Silverstone - il circuito texano è quello sul quale i piloti della cilindrata più piccola del Motomondiale impiegano più tempo a completare un giro: 2’16”345 il record siglato lo scorso anno dalla KTM di Alex Rins, comunque destinato molto probabilmente a crollare in questa edizione, considerato il livello mostrato dal campionato nel round di apertura, con tempi inferiori di un secondo netto rispetto al 2013. Dopo un primo Gran Premio sotto le aspettative, Antonelli nutre chiare ambizioni: il romagnolo vuole tornare ad essere protagonista, mentre il rookie Bastianini - che ad Austin ha già corso lo scorso anno con la MotoGp Rookies Cup - cercherà di ottenere i suoi primi punti mondiali, obiettivo mancato di un soffio in Qatar. Niccolò Antonelli: "Quella di Austin è una pista molto particolare: lo scorso anno, durante la prima edizione di questo Gran Premio, incontrammo condizioni difficili, con pochissimo grip sull’asfalto, e faticammo ad essere competitivi, ma quest’anno ci aspettiamo di poter fare una bella gara. Come abbiamo potuto vedere in Qatar, il livello del campionato si è alzato tantissimo, anche a causa del confronto tecnico tra i due maggiori costruttori impegnati, e il risultato è che i primi 10 piloti sono tutti molto vicini: questa situazione mi piace e rappresenta senza dubbio un ulteriore stimolo a migliorarci. Il nostro obiettivo è ovviamente continuare a rimanere nel gruppo dei più forti, e se riusciremo a risolvere alcune difficoltà incontrate nel primo Gran Premio, sono convinto che possiamo provare anche a stare davanti". Enea Bastianini: "Rispetto al Gran Premio del Qatar, in Texas partirò con un leggero vantaggio: ho infatti già avuto l’opportunità di correre su questo circuito, l’anno scorso, nella MotoGP Rookies Cup. Va comunque detto che con la Moto3 cambiano i riferimenti e le traiettorie - me ne sono reso conto nei test invernali a Jerez - per cui servirà in ogni caso un po’ di tempo per adattarmi. La pista è molto particolare e mi piace molto, perché unisce dei bei curvoni veloci a una parte mista più lenta. Arrivo a Austin con una gara di esperienza alle spalle, nella quale ho imparato tantissime cose, per cui spero che questa volta possa andare ancora meglio: l’obiettivo rimane quello di conquistare qualche punto. Ce la possiamo fare, del resto ci siamo già andati molto vicini in Qatar!".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Piloti Enea Bastianini , Niccolò Antonelli
Articolo di tipo Ultime notizie