Formula 1
07 ago
Prossimo evento tra
21 Ore
:
39 Minuti
:
33 Secondi
MotoGP
06 ago
Evento in corso . . .
WRC
04 set
Prossimo evento tra
28 giorni
18 set
Prossimo evento tra
42 giorni
WSBK
31 lug
Canceled
09 ago
SSP300 Gara 2 in
3 giorni
Formula E
G
ePrix di Berlino II
06 ago
WEC
13 ago
Prossimo evento tra
6 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
Prossimo evento tra
21 Ore
:
39 Minuti
:
33 Secondi
11 set
Prossimo evento tra
35 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
Prossimo evento tra
28 giorni

Moto3, Jerez: Arenas concede il bis, Arbolino sul podio

condivisioni
commenti
Moto3, Jerez: Arenas concede il bis, Arbolino sul podio
Di:
19 lug 2020, 10:03

Lo spagnolo ha approfittato di un attacco disperato di McPhee su Arbolino all'ultima curva per incrociare e vincere. Tony poi chiude dietro ad Ogura e lo scozzese cade.

Abbiamo dovuto aspettare quattro mesi per rivedere la Moto3 in pista, ma si potrebbe anche dire che ne è valsa la pena, perché lo spettacolo offerto oggi a Jerez de la Frontera dai protagonisti della classe entrante del Motomondiale è stato veramente di altissimo livello.

E in un certo senso il Gran Premio di Spagna ha confermato i valori visti in campo in Qatar, perché sul podio ritroviamo due piloti che c'erano saliti anche a Losail e il terzo, John McPhee, è caduto proprio all'ultima curva nel tentativo estremo di andare ad artigliare una vittoria.

A transitare per primo sotto alla bandiera a scacchi è stato Albert Arenas, al termine di una gara che si è decisa proprio all'ultima curva dopo che nel gruppo di testa era stata battaglia serratissima per tutti i 23 giri in programma.

Per il portacolori dell'Aspar Team si tratta della seconda vittoria di fila, che lo lancia a punteggio pieno nel Mondiale, ma bisogna dire che lo spagnolo è stato favorito da una manovra azzardata di McPhee.

Quando il gruppone è arrivato all'ultima staccata, davanti a tutti c'era Arbolino, seguito da Arenas e dallo scozzese. Quest'ultimo però ha tentato un attacco disperato all'interno, portando largo anche l'italiano e creando un bel varco per Arenas, che con l'incrocio è andato a prendersi la vittoria.

Guarda anche:

Bravissimo ad approfittarne anche Ai Ogura, risalito dalla quinta fila fino a conquistare un secondo posto che lo porta nella piazza d'onore anche nella classifica iridata, seppur con un ritardo di 14 lunghezze nei confronti di Arenas.

Dietro invece è successo il disastro per McPhee: anche Celestino Vietti ha provato l'incrocio all'interno, ma ha toccato Arbolino, che a sua volta ha urtato il pilota del Team Petronas, che è finito ruote all'aria (bisognerà vedere se il contatto finirà sotto alla lente dei commissari). I due italiani invece hanno proseguito, con Arbolino che ha conquistato il gradino più basso del podio e Vietti quinto, alle spalle anche del compagno di squadra Andrea Migno.

I portacolori dello Sky Racing Team VR46 ci hanno provato per quasi tutta la gara, ma alla fine hanno mancato l'appuntamento con il podio per pochi millesimi. Discorso che può valere anche per Tatsuki Suzuki, che non è ancora riuscito a convertire le sue due pole position in un risultato all'altezza: il giapponese della SIC58 Squadra Corse ha chiuso ottavo, alle spalle anche Raul Fernandez e Gabriel Rodrigo. Peccato poi per Darryn Binder, che ha sprecato sul più bello una grande rimonta dalle retrovie dello schieramento, cadendo a due giri dal termine.

Nella top 10 c'è spazio poi anche per Niccolò Antonelli, nono, ma a punti ci vanno anche altri due italiani, ovvero Stefano Nepa e Romano Fenati, rispettivamente 12esimo e 13esimo. Non è andata altrettanto bene per gli altri ragazzi di casa nostra, con Davide Pizzoli 23esimo e Riccardo Rossi e Dennis Foggia costretti al ritiro.

In particolare per il pilota del Leopard Racing la giornata si è conclusa in lacrime, dopo essere stato centrato in pieno da Carlos Tatay alla staccata della prima curva. Speriamo che per lui le cose possano andare meglio la settimana prossima.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Albert Arenas Ovejero KTM 23 -       25
2 Japan Ai Ogura Honda 23 0.340 0.340 0.340   20
3 Italy Tony Arbolino Honda 23 0.369 0.369 0.029   16
4 Italy Andrea Migno KTM 23 0.546 0.546 0.177   13
5 Italy Celestino Vietti Ramus KTM 23 0.634 0.634 0.088   11
6 Spain Raul Fernandez KTM 23 0.682 0.682 0.048   10
7 Argentina Gabriel Rodrigo Honda 23 0.753 0.753 0.071   9
8 Japan Tatsuki Suzuki Honda 23 0.881 0.881 0.128   8
9 Italy Niccolò Antonelli Honda 23 0.986 0.986 0.105   7
10 Spain Jaume Masia Honda 23 3.646 3.646 2.660   6
11 Japan Ayumu Sasaki KTM 23 3.751 3.751 0.105   5
12 Italy Stefano Nepa KTM 23 3.936 3.936 0.185   4
13 Italy Romano Fenati Husqvarna 23 4.157 4.157 0.221   3
14 Spain Alonso Lopez Husqvarna 23 6.086 6.086 1.929   2
15 Spain Jeremy Alcoba Honda 23 5.608 5.608     1
16 Japan Ryusei Yamanaka Honda 23 6.098 6.098 0.490    
17 Spain Sergio Garcia Dols Honda 23 6.256 6.256 0.158    
18 South Africa Darryn Binder KTM 23 17.642 17.642 11.386    
19 Japan Kaito Toba KTM 23 28.324 28.324 10.682    
20 Austria Maximilian Kofler KTM 23 28.406 28.406 0.082    
21 Jason Dupasquier KTM 23 28.640 28.640 0.234    
22 Malaysia Khairul Pawi Honda 23 28.844 28.844 0.204    
23 Italy Davide Pizzoli KTM 23 29.026 29.026 0.182    
24 Barry Baltus KTM 23 33.352 33.352 4.326    
25 Turkey Deniz Öncü KTM 22 1'03.589 1 Lap 1 Lap    
26 United Kingdom John McPhee Honda 22          
27 Japan Yuki Kunii Honda 16          
28 Czech Republic Filip Salač Honda 10          
29 Italy Riccardo Rossi KTM 7          
30 Italy Dennis Foggia Honda 0          
31 Carlos Tatay KTM 0          
Moto3: bis di Suzuki a Jerez con pole e record!

Articolo precedente

Moto3: bis di Suzuki a Jerez con pole e record!

Prossimo Articolo

Arbolino: “Pensavo di vincere, poi c’è stato il contatto”

Arbolino: “Pensavo di vincere, poi c’è stato il contatto”
Carica commenti