Losail: Bastianini beffato sul traguardo da Masbou

L'italiano secondo per appena 27 millesimi. Terzo posto per Danny Kent. Quartararo penalizza Bagnaia

Losail: Bastianini beffato sul traguardo da Masbou

Il Motomondiale è iniziato come meglio non avrebbe potuto, grazie a una gara di Moto3 intensa e incerta, finita come spesso accade con un distacco minimo tra i primi due. La vittoria è andata al francese Alexis Masbou (Honda), il quale è riuscito a beffare sul traguardo il nostro Enea Bastianini (Honda), autore di una rimonta favolosa.

Alexis Masbou ha capitalizzato al meglio la pole position conquistata ieri, portando a casa una vittoria che sembra davvero alla portata dei nostri portacolori. Enea Bastianini è stato grande protagonista con un recupero fantastico, che lo ha portato dalla ventunesima posizione di partenza sino alla vetta provvisoria della classifica a cinque giri dal termine delle ostilità Bastianini si è però dovuto accontentare della posizione d'onore per appena ventisette millesimi di secondo. 

Il terzo posto è stato conquistato da Danny Kent, bravo a condurre la parte centrale della corsa e a rimanere con i primi sino al traguardo. Al pilota britannico è mancato lo spunto finale non riuscendo a rimanere in scia a Masbou e rimanendo beffato al pari del nostro Bastianini. Quarto posto per Efren Vazquez, il quale ha fatto valere la sua maggiore esperienza nella categoria per portare a casa un buon piazzamento.

John McPhee è invece riuscito a tenersi alle spalle Isaac Viñales (Husqvarna FR 250 GP) - sesto al termine - e il giovanissimo quanto subito competitivo Fabio Quartararo. Il giovane transalpino ha mostrato grandi doti e talento sin dalla prima uscita. Da sottolineare la sua tattica di gara, degna di un pilota molto più esperto della sua giovane età. Purtroppo il francese è stato involontario autore di una manovra che ha di fatto escluso Francesco Bagnaia (nono sotto la bandiera a scacchi in sella alla sua Mahindra) dalla lotta per la vittoria. "Pecco" è stato autore di un fine settimana da incorniciare e, nonostante non sia arrivato il risutato atteso, il suo atteggiamento fa ben sperare per il futuro. 

Molto bene anche Niccolò Antonelli. Anche lui però ha pagato un contatto con Efren Vazquez all'ultimo giro, quando si trovava in terza posizione, e una conseguente imbarcata lo ha costretto a frenare più del dovuto e a chiudere all'ottavo posto. Ha chiuso la Top Ten Brad Binder su KTM.

Appena fuori dai primi dieci un ottimo Andrea Locatelli, mentre Matteo Ferrari ha chiuso al ventunesimo posto. Andrea Migno, ventiquattresimo, è riuscito a mettersi alle spalle Alessandro Tonucci e Matteo Bezzecchi. Ritirato invece Romano Fenati, mai realmente in grado di lottare con i primi.

condivisioni
commenti
Locatelli: "Il settimo tempo vale come una pole"
Articolo precedente

Locatelli: "Il settimo tempo vale come una pole"

Prossimo Articolo

Bastianini: "Podio più incredibile di quelli del 2014"

Bastianini: "Podio più incredibile di quelli del 2014"
Carica commenti