Joan Mir cala il tris a Le Mans e va in fuga nel Mondiale

Dopo una maxicarambola che ha imposto la bandiera rossa, lo spagnolo centra la vittoria ed approfitta degli zero di Fenati e Martin per scappare a +34. Sul podio salgono anche Canet ed un ottimo Di Giannantonio.

Joan Mir cala il tris a Le Mans e va in fuga nel Mondiale

Il GP di Francia rischia di essere un crocevia importante per le sorti del Mondiale Moto3, perché Joan Mir ha firmato a Le Mans la sua terza affermazione stagionale e lo ha fatto proprio nella giornata in cui i suoi principali antagonisti, Romano Fenati e Jorge Martin, sono finiti ruote all'aria.

Prima di parlare di questo però è giusto fare un passo indietro e raccontare dell'incredibile carambola con cui si è aperta la corsa: al secondo giro, infatti, i primi 15 sono finiti tutti ruote all'aria alla curva 6, scivolando sull'olio perso dalla Peugeot di Jakub Kornfeil.

Un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche, essendoci moto che schizzavano in tutte le direzioni (Nicolò Bulega, Albert Arenas e Mir sono stati colpiti), anche se pare che tutti quanti se la siano cavata solamente con qualche contusione. Inevitabile comunque l'esposizione della bandiera rossa e la riduzione della distanza di gara a 16 giri dopo la ripartenza.

Al restart sono stati proprio Fenati e Martin a provare a fare la selezione, allungando sul resto del gruppo, mentre Mir invece è rimasto un po' più indietro a causa di una partenza non esattamente brillante. Il tentativo di fuga però è durato solamente poco più di tre giri per il portacolori del Gresini Racing, finito a terra per un highside alla curva 15.

Nel frattempo Mir si è riportato alle spalle di Fenati ed ha iniziato a riavvicinarsi, ma anche i sogni di gloria dell'ascolano sono andati in fumo poco più tardi: al settimo giro è entrato un po' largo alla curva 7 ed è scivolato, con la sua Honda che si è letteralmente distrutta rotolando nella via di fuga.

A questo punto è stato tutto facile per Mir, che si è ritrovato in fuga solitario, con un vantaggio di diversi secondi nei confronti degli inseguitori, che invece si sono dati grandi battaglia per quanto riguarda le posizioni da podio, con ancora una volta Marcos Ramirez e Darryn Binder a fare da mine vaganti con le KTM del Team Platinum Bay.

Ancora una volta però ci sono solamente Honda sul podio della classe entrante, perché secondo si è piazzato Aron Canet, riuscendo a spuntarla proprio in volata su Fabio Di Giannantonio, che centra il suo secondo podio stagionale con la Honda del Gresini Racing.

Lo spagnolo del Team Estrella Galicia ora è terzo nel Mondiale, ma distanziato di ben 36 lunghezze su Mir, che ne può amministrare 34 anche su Fenati, che rimane secondo, ma paga a carissimo prezzo lo zero rimediato oggi.

La grande prova di Ramirez ancora una volta si chiude ai piedi del podio, come miglior pilota KTM, mentre il suo compagno di squadra Binder è finito ruote all'aria all'ultimo giro. A completare la top 5 c'è Juanfran Guevara, ma nella top 10 c'è spazio anche per Enea Bastianini ed Andrea Migno, che chiudono rispettivamente sesto ed ottavo.

Solo decimo l'ex campione del mondo Danny Kent, rientrato per una wild card con la KTM. Punti poi anche per Lorenzo Dalla Porta e Marco Bezzecchi, che hanno chiuso rispettivamente 14esimo e 15esimo con le loro Mahindra.

Un applauso però se lo merita anche uno stoico Nicolò Bulega, che ha voluto concludere la corsa nonostante fosse davvero tanto dolorante per la brutta botta alla schiena rimediata nell'incidente della prima partenza. Il portacolori dello Sky Racing Team VR46 si è piazzato 17esimo, giusto davanti a Manuel Pagliani.

Al traguardo anche Tony Arbolino in 22esima posizione, mentre Niccolò Antonelli è finito ruote all'aria per ben due volte: al primo giro quando era in terza posizione, poi alla curva 3 quando ormai viaggiava in coda al gruppo dopo essere ripartito. La stagione 2017 stenta proprio a decollare per il pilota ufficiale della KTM...

Cla #PilotaBikeGiriTempoGapDistaccokm/hRitiratoPunti
1   36 spain Joan Mir  Honda 16 27'37.830     145.4   25
2   44 spain Aron Canet  Honda 16 27'42.082 4.252 4.252 145.0   20
3   21 italy Fabio Di Giannantonio  Honda 16 27'42.195 4.365 0.113 145.0   16
4   42 spain Marcos Ramirez  KTM 16 27'42.299 4.469 0.104 145.0   13
5   58 spain Juanfran Guevara  KTM 16 27'42.675 4.845 0.376 144.9   11
6   33 italy Enea Bastianini  Honda 16 27'43.293 5.463 0.618 144.9   10
7   95 france Jules Danilo  Honda 16 27'43.482 5.652 0.189 144.9   9
8   16 italy Andrea Migno  KTM 16 27'43.651 5.821 0.169 144.8   8
9   64 netherlands Bo Bendsneyder  KTM 16 27'43.879 6.049 0.228 144.8   7
10   52 united_kingdom Danny Kent  KTM 16 27'44.023 6.193 0.144 144.8   6
11   84 czech_republic Jakub Kornfeil  Peugeot 16 27'45.334 7.504 1.311 144.7   5
12   17 united_kingdom John McPhee  Honda 16 27'46.571 8.741 1.237 144.6   4
13   41 thailand Nakarin Atiratphuvapat  Honda 16 27'53.836 16.006 7.265 144.0   3
14   48 italy Lorenzo dalla Porta  Mahindra 16 27'54.235 16.405 0.399 143.9   2
15   12 italy Marco Bezzecchi  Mahindra 16 27'54.344 16.514 0.109 143.9   1
16   11 belgium Livio Loi  Honda 16 27'54.469 16.639 0.125 143.9    
17   8 italy Nicolò Bulega  KTM 16 27'54.582 16.752 0.113 143.9    
18   96 italy Manuel Pagliani  Mahindra 16 27'54.826 16.996 0.244 143.9    
19   71 japan Ayumu Sasaki  Honda 16 27'54.876 17.046 0.050 143.9    
20   6 spain Maria Herrera  KTM 16 27'55.036 17.206 0.160 143.9    
21   65 germany Philipp Ottl  KTM 16 28'06.331 28.501 11.295 142.9    
22   14 italy Tony Arbolino  Honda 16 28'11.228 33.398 4.897 142.5    
23   4 finland Patrik Pulkkinen  Peugeot 16 28'19.889 42.059 8.661 141.8    
  dnf 40 south_africa Darryn Binder  KTM 15 25'58.505 1 giro 1 giro 145.0 Accident  
  dnf 24 japan Tatsuki Suzuki  Honda 14 24'24.945 2 giri 1 giro 143.9 Accident  
  dnf 27 japan Kaito Toba  Honda 14 24'25.058 2 giri 0.113 143.9 Accident  
  dnf 23 italy Niccolò Antonelli  KTM 11 19'37.944 5 giri 3 giri 140.6 Accident  
  dnf 88 spain Jorge Martin  Honda 10 18'10.150 6 giri 1 giro 138.2 Ritirato  
  dnf 5 italy Romano Fenati  Honda 7 12'07.034 9 giri 3 giri 145.0 Accident  
  dnf 75 spain Albert Arenas Ovejero  Mahindra 3 5'18.064 13 giri 4 giri 142.1 Accident  
  dns 7 malaysia Adam Norrodin  Honda 0        
condivisioni
commenti
Carambola impressionante nella Moto3: bandiera rossa a Le Mans

Articolo precedente

Carambola impressionante nella Moto3: bandiera rossa a Le Mans

Prossimo Articolo

Di Giannantonio: "Il Mugello è la mia pista preferita. Punterò al podio!"

Di Giannantonio: "Il Mugello è la mia pista preferita. Punterò al podio!"
Carica commenti