Il prototipo KTM per la Moto3 è già in pista

Il prototipo KTM per la Moto3 è già in pista

Michael Ranseder ha svolto lo shakedown sul tracciato di Cartagena

Sempre più fermento attorno alla futura Classe Moto3 che prenderà avvio nel 2012 in sostituzione dell’ormai peritura 125 Gp. Torniamo quindi a più riprese sull’argomento inaugurato tempo addietro e che si preannuncia molto caldo per tutto il 2011, con l’apparizione delle prime foto in pista del prototipo KTM Moto3. Dopo l’arrivo ufficiale della Honda, con la NRS 250 di cui il colosso giapponese ha appena rilasciato il primo video in movimento, ecco che è la volta della KTM che propone le prime immagini del suo prototipo. Il pilota designato per lo shakedown della futura Moto3 è Michael Ranseder, che con la Casa austriaca ha già corso in passato in 125 GP e ora traghettato verso la Supersport 600 IDM (la Supersport Tedesca) con la Yamaha YZF-R6 del TEAM MRC Austria Lietz Sport. Da quel poco che è trapelato, e da quanto si riesce a vedere dalle foto, la moto non è altro che l’ultima versione della KTM 125 Gp realizzata nel 2009, sotto alla quale è stato installato un motore monocilindrico quattro tempi. Da quanto ci è dato sapere, i test sono stati svolti con il motore della SX-F 350, moto che all’esordio ha subito dominato il Mondiale MX1 di Motocross con il nostro Antonio Cairoli. Visto che il regolamento della Moto3 prevederà l’adozione di motori monocilindrici da 250 cc di cilindrata, è plausibile ipotizzare che la KTM stia utilizzando il 350 poiché è attualmente il suo propulsore più tecnicamente avanzato e potrebbe svilupparne uno appositamente per l’impiego velocistico sulla base di quest’ultimo. Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi: quello che è certo fin da ora, è che la Casa austriaca, da sempre leader nel settore dei monocilindrici, non ha nessun timore reverenziale nei confronti della Honda.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Piloti Michael Ranseder
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag auto elettrica, mobilità sostenibile, ricerche