Fenati motivatissimo: "L'esperienza conta moltissimo"

condivisioni
commenti
Fenati motivatissimo:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
10 apr 2016, 17:42

Il pilota dello Sky Racing Team VR46 si è imposto ad Austin, proprio riuscendo a gestire meglio la gara rispetto al meno esperto Jorge Navarro. Un successo importante in ottica campionato per Romano.

Romano Fenati, Sky Racing Team VR46
Romano Fenati, Sky Racing Team VR46
Romano Fenati, Sky Racing Team VR46
Brad Binder, Red Bull KTM Ajo, KTM and Romano Fenati, SKY Racing Team VR46, KTM
Colin Edwards with Romano Fenati, SKY Racing Team VR46, KTM
Romano Fenati, SKY Racing Team VR46, KTM
Romano Fenati, SKY Racing Team VR46, KTM
Romano Fenati, Sky Racing Team VR46
Romano Fenati, Sky Racing Team VR46

E' un Romano Fenati decisamente soddisfatto quello visto al termine del trionfale appuntamento di Austin che gli ha regalato la settima vittoria in carriera.

Il pilota dello Sky Racing Team VR46 ha vinto con autorità riuscendo a recuperare su un Navarro che, nelle prime fasi di gara, sembrava imprendibile. Fenati ha spiegato la tattica adottata per vincere, ovverto mantenere un ritmo costante. 

"La gara è andata benissimo. All'inizio Navarro era imprendibile, sono rimasto dietro a Oettl per vedere se ne aveva un pò di più considerando che qui era importante non disturbarsi e cercare di andare via con un bel ritmo per allungare sul gruppo".

"Navarro continuava ad allungare ed ho cercato di andarlo a riprendere, nonostante stesse spingendo davvero forte. Ho pensato che fosse imprendibile, ma pian piano ha iniziato a calare il ritmo, mentre io sono rimasto costante".

Arrivati al parco chiuso Navarro ha confidato a Fenati di aver erroneamente inserito la folle e ciò ne ha compromesso la corsa agevolando il sorpasso dell'italiano.

"Dopo la gara mi ha confidato che ha fatto un piccolo errore, è entrata la folle, è andato un pò largo ed io ne ho approfittato. Poi non è più riuscito a riprendermi".

La strategia studiata prima della partenza non è stata attuata da Fenati dato il ritmo imposto da Navarro.

"La tattica è andata a farsi benedire quando lui ha spinto molto all'inzio ed ha preso un margine che non riuscivo a recuperare. Poi lui ha rallentato un pò ed ho cercato di sbrigarmi a recuperare, per poi superarlo quando ha fatto un errore".

"Ho girato spesso sul sedici e otto, per poi alzare leggermente il ritmo quando sono andato in testa. Come gestione del ritmo posso dire di aver fatto un ottimo lavoro".

"Ho notato che si poteva vincere quando ho visto che il distacco rimaneva costante. Là ho pensato che mantenendo questo ritmo potevo concludere al primo posto".

Fenati, infine, si è mostrato consapevole che l'esperienza maturata in questi anni in Moto3 sia fondamentale per cogliere risultati importanti.

"L'esperienza conta moltissimo. Il primo anno in cui ho corso, Cortese era fortissimo data la sua esperienza. E' un fattore importante, ma bisgogna fare anche meno errori possibili".

Prossimo articolo Moto3
Il 3570 Team Italia si presenta per il Mondiale Moto3 2016

Articolo precedente

Il 3570 Team Italia si presenta per il Mondiale Moto3 2016

Prossimo Articolo

Ecco chi è Fabio Di Giannantonio, l'eroe a sorpresa del Mugello

Ecco chi è Fabio Di Giannantonio, l'eroe a sorpresa del Mugello
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Moto3
Evento Austin
Location Circuito delle Americhe
Piloti Romano Fenati
Team Team VR46
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Intervista